venerdì 16 gennaio 2009

Pizza al Piatto con Metodo Poolish

Pizza al Piatto con Metodo Poolish

Non ho un impasto fisso per la pizza ma mi piace provare, sperimentare. In linea di massima se voglio andare sul sicuro due sono le ricette: una delle Simili da cui si ottiene una pizza in teglia più simile a quella del fornaio e l’altra, che è quella che vi propongo oggi, per ottenere una pizza tonda al piatto come quella della pizzeria. Il procedimento per questa pizza arriva da qui.

La Pizza al Piatto con Metodo Poolish
dal blog Profumo di Lievito


Dice Adriano: “Più che una ricetta è un metodo per ottenere in casa la pizza tonda al piatto tipica da pizzeria. La ricetta in questione, poi, dà come risultato una pizza dal cornicione leggermente croccante e dal gradevole profumo di pane appena sfornato

Ingredienti
270gr di farina tipo 0
80gr di semola rimacinata di grano duro
500gr di farina Manitoba per uso casalingo
3gr di lievito di birra
1 cucchiaino di malto (facoltativo)
25gr di sale
30 gr. di olio
500 gr. di acqua

Preparazione
Prepariamo la sera prima il poolish con 500 manitoba, 500 acqua, 3gr lievito fresco, 1 cucchiaino di malto (in inverno). Al mattino impastiamo unendo la farina rimanente, setacciata, 2 cucchiai alla volta a pioggia, il sale e l'olio alla fine. Facciamo riposare 30' poi dividiamo l'impasto in panetti da 200 - 250 gr, poniamo in contenitori ermetici in frigo (zona più fredda). Due ore prima di stendere, tiriamo fuori l'impasto. Sistemiamo una pietra refrattaria quanto più vicina al grill superiore (max 12cm) e accendiamo il forno al massimo. Una volta che questo è arrivato a temperatura, accendiamo il grill al massimo, condiamo la pizza ed inforniamo, facendo attenzione che il grill sia acceso. La cottura ideale è intorno ai 3'

Nota di Laura: io ho cotto nel Fornetto Ferrari. L'ho fatto scaldare alla massima temperatura per 10 minuti, poi ho infornato la pizza per circa 4/5 minuti


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

44 commenti:

  1. Ciao, io sono dell'isola d'Ischia e ti posso capire, sono anche io abituata alla pizza napoletana. Quando tre anni fa mi sono trasferita a viterbo (sono universitaria) ho subito sentito la mancanza della MIA PIZZA!!! Soffrivo molto, andavo in molte pizzerie ma NESSUNA pizza mi soddisfava,ed allora la prima cosa che mi facevano mangiare i miei quando tornavo a casa era la pizza. Ero così disperata che decisi di impararmi a fare la pizza, in modo da potermela fare quando ne avevo voglia. Ed ogni qual volta sento la mancanza della mia pizza napoletana...la preparo io! Mio marito ne è molto contento!
    Comunque dopo molti assaggi ho capito che è proprio l'impasto ad essere diverso, quelle romane sono così sottili che te ne potresti mangiare pure due, invece la nostra pizza è così buona e così gagliarda che quando la finisci ti senti scoppiare! E poi per me la pizza è con la mozzarella, e da noi la mozzarella è solo quella di bufala! Ricordo quando per la prima volta andai in un alimentari qui a Viterbo. Chiesi una mozzarrella e rimasi scioccata perchè mi diedero il fiordilatte, per me la mozzarella è sempre stata solo quella di bufala!
    Adoro impastare la pizza, mi da una gioia immensa, forse in un altra vita sarò una pizzaiola!
    Buon weekend!
    Un bacione da Elly di Dolce Mania per la Pasticceria!

    RispondiElimina
  2. Mi fai morire dal ridere con i tuoi racconti... il bipede, la pizza romana, la pizzeria garbina...
    Anch'io amo la pizza come questa, e forse sarebbe saggio giudicare gli aspiranti fidanzati dalla pizza che scelgono!!!

    Anch'io uso il metodo di Adriano,ma mi manca il fornetto ferrari...ho rimediato con una piastrellona nel forno!!!

    RispondiElimina
  3. Elly ti capisco perfettamente! Sul tuo blog trovo la ricettina???? Mi piacerebbe provare anche il tuo impasto visto che sicuramente sarà ottimo!!! Un bacione e buon fine settimana anche a te!

    RispondiElimina
  4. ch ebel racconto guarda, mi segno tutto e mi faccio un pizza tour, intanto la faccio a casa

    RispondiElimina
  5. sono della provincia di Napoli e da noi la pizza la conosciamo bene, ti posso dire che ogni pizzeria a un suo modo di fare la pizza ma ti accorgi subito se gli ingredienti sono di ottima qualità, la pizza che si fa a Napoli è diversa da quella di altre città della Campania (se vai al Trianon o da Michele ti mangi anche il piatto). Per esempio io abito a poca distanza da Sorrento,Positano ecc e li la pizza la fanno in modo diverso ma lo stesso è buonissimaun saluto e buon appetito.

    RispondiElimina
  6. La Golosastra su un ex marito è meglio riderci su ahahahahahaha
    Invece a me manca proprio quella piastrellona ... prima o poi troverò qualcuno che me la farà :-)

    Carmine Volpe un pizza tour??? geniale!!!!

    Carmen abiti in posti splendidi!! Cmq voi per la pizza avete proprio una gran bella tradizione che andrebbe senza dubbio tutelata di più per evitare l'uso improprio del nome pizza :-) Un bacio

    RispondiElimina
  7. Che bello questo post!!!
    Poi la pizza solo a guardarla una vera delizia ciao

    RispondiElimina
  8. è vero che adesso è tardi ma se avessi qui questa pizza ci andrebbe giu benissimo , che buona !

    RispondiElimina
  9. Prima di andar via da Roma dovevi passare dal Peperoncino dispettoso, Balduina: sono stata in vacanza anni fa in Campania e quella mangiata qui da noi mi sembrava proprio la stessa pizza che dici tu... aspetto notizie sul famoso profumo di stufato con cipolla assaporato solo per naso in Germania... che poteva essere?
    Ciao, adoriamo la pizza anche noi (ma quella "romana" che descrivi non sò in quale zona l'hai gustata... in genere ognuno fa la sua pizza, poi và a gusto personale). Ciao

    RispondiElimina
  10. Hi,
    CONGRATULATIONS for your fabulous
    blog! come and take your AWARDS!
    XO,Nina

    RispondiElimina
  11. Concordiamo sul fatto che la pizza migliore sia la napoletana, imbattibile ed insuperabile! E soprattutto indimenticabile, tanto che sia Napoli che le sue pizze, ci sono entrate nel cuore. Il Bipede aveva gusti piuttosto barbari, altrochè alcaselzer con quello che si ingoiava, hai descritto così bene la scena che ce la siamo vista davanti agli occhi. MJ ha tutto il tempo per imparare ad apprezzarla, magari potresti dedicargli una pizza con i suoi ingredienti preferiti!
    Conosciamo il blog di Adriano, fa delle cose che ti lasciano il senso della meraviglia, ha un dono quell'uomo! Proveremo anche noi a seguire la tua/sua ricetta!
    Se passi da noi, c'è un premio per te!
    Un abbraccio e buonanotte da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. Laura il tuo racconto troppo divertente :D
    La pizza al piatto cotta nel forno a legna tutta un altra storia!
    un bacio

    RispondiElimina
  13. anch'io vado spesso alla ricerca di una pizza napoletana degna del nome che porta, ho letto tutto tutto con piacere ...
    e pe la ricetta di Adriano, bhe un nome, una garanzia, la guardo da un po' questa ricetta, ma non ho mai avuto modo (forse è voglia) di provarla.

    RispondiElimina
  14. Sorbyy ma grazie ;-)

    Mary la pizza non ha orario ... ehehehe

    Criss che dirti il Bipede proponeva ogni volta "Pizzerie Improbabili" come dire tutta "forma" e niente pizza... ehehehe Mi serve il tuo indirizzo email per madarti la ricetta del goulash :-)

    Nina Thanks!!!! I'll arrive!

    Luca e Sabrina anche io ho Napoli e dintorni nel cuore è sempre un piacere quando Marco ha qualche concerto da quelle parti.
    Il Bipede .... un uomo ... un libro! ahahahahah
    Mj al momento è fan di pasta a ragù ne mangia a quintalate ahahahaha Grazie per il premio!!! arrivoooooo

    Marjlet se continuo a parlare del Bipede alla fine si formerà un "bipede fan club" ahahahahaha

    Blunotte eh già Adriano un nome, una garanzia!

    RispondiElimina
  15. Divertentissimo il tuo racconto :-). Tornando alla pizza credo che quella cotta nel forno a legna sia il top del top!!!! Io sinceramente sono di Roma ed amo quella bassa e sacrocchiarella, ma diciamo che è più un problema di lievito, non tanto tollero quello di birra quindi più è alta e più mi da problemi.. Però ai tempi in cui potevo mangiai una bella pizza in costiera amalfitana che non dimenticherò mai!!!!!

    RispondiElimina
  16. Eh sì la pizza cotta nel forno a legna è proprio divina! Lo sai che anche io mal tollero ultimamente il lievito di birra? Mi sa che dovrò tornare a cimentarmi con il lievito madre ... Buona domenica Laura

    RispondiElimina
  17. stasera tanta pizza anche al pollaio! :)

    RispondiElimina
  18. questa pizza è favolosa!!! me ne farei una gigante!!!! bellissimo anche il tuo racconto!!!! un bacio, eli

    RispondiElimina
  19. Lo stasera pizza gallina (quella con uovo lento sopra) ahahahahah

    Eli ma grassie :-)

    RispondiElimina
  20. Ciao Lauraaaaaaaaaa!!!
    Noooooooooo, con l'uovo lento maaaaaaaiiiiii!!!!
    W la pizza!
    Cannelle;-)

    RispondiElimina
  21. annelle effettivamente con l'uovo lento è tremenda!!!! ahahahahah

    RispondiElimina
  22. Mamma mia la pizza è davvero uno di quei piaceri irrinunciabili....decisamente il mio piatto preferito! Bella la ricetta e ho proprio una pietra ollare nuova di pacca che aspetta solo di essere spianata
    Un bacio grande
    fra

    RispondiElimina
  23. Sono una pizzomane, anch'io avevo provato questo metodo..... buonisssimisssima, un tantino laboriosa!!!!

    RispondiElimina
  24. mamma mia laura...na'favola!!!!
    buon inizio settimana ;)

    RispondiElimina
  25. Laura, se ti va passa da me a ritirare un meme!

    RispondiElimina
  26. grandiosa la tua pizza!!!!! devo provare il tuo impasto!!!
    e poi devo dire che è stata condita molto bene con un bellissimo tuo racconto!!!!
    buona settimanaaaaa!!!

    RispondiElimina
  27. Bellissime le tue ricette, ma leggere i tuoi racconti è fantastico!!! E' un'ora che sono al pc scorrendo il tuo blog e mi sta passando il tempo così...senza accorgermene. Grazie e complimenti

    RispondiElimina
  28. bellissima, sai anche io volevo comprare il fornetto della ferrari, me lo consigli??

    RispondiElimina
  29. Fra è anche il nostro piatto preferito :-)

    Mina per me sin'ora quella più laboriosa è stata quella fatta con il lievito madre (lievito con cui la sottoscritta non va assolutamente d'accordo!)

    Mirtilla ma ciaooo un bacio anche a te!

    Marta attivo!

    Dario provala e sappiami dire!

    Aldarita ma sei gentilissima !!!! Torna a trovarmi :-)

    Pamy io sì te lo consiglio senza dubbio!

    RispondiElimina
  30. Ho sempre sentito parlare del metodo poolish ma non ho mai approfondito, dopo la tua descrizione provero eccome, grazie e a presto

    RispondiElimina
  31. Anicestellato il metodo poolish a me ha sembre dato grande soddisfazione e lo adotto un po per tutto avendo un pessimo rapporto con il lievito madre ... eheheh

    RispondiElimina
  32. ciao!mi sono fatta una cultura sull'argomento pizza!
    che dire?!? che e' una delle cose piu' buone che ci siano...purtroppo io non sono una maga della pizza!quiesta fortuana e' toccata a mia sorella...che non sa mai darmi indicazioni perche' lei va ad occhio!
    provero' quindi la ricetta che proponi tu...la tua e' cosi' bella che spero esca qualcosa di buono anche a me...
    Sul mio blog c'e' un meme da ritirare...
    un bacio e buona giornata!

    RispondiElimina
  33. Ciao! Io ho trovato una vera pizzeria napoletana a Milano e ora ho capito che mi son persa in tutti gli anni in cui mia mamma mi faceva mangiare la pizza alta!! Devo provare a farla anche io, chissà che mi venga bene!!

    RispondiElimina
  34. Chiara pesa che anche io ho dovuto "sudare" non poco per imparare a fare una pizza ben fatta. Prova questa ricetta, Adriano Continisio è una gande garanzia di riuscita!

    Laura mia madre e la pizza erano due entità diverse e separate! La sua era bassa dura come il marmo e sempre ricoperta da un'orribile giardiniere agrodolce che faceva lei ... na schifezza!!! ahahah

    RispondiElimina
  35. Ciao Laura!!!sul mio blog trovi una iniziativa che può farti avere 60 euro o anche più di buono spesa. Io ho già ricevuto il pacco ed è tutto squisito!!!
    Passa da me;-)
    Cannelle

    RispondiElimina
  36. Cannelle grazie per la segnalazione! l'avevo visto ieri al volo! Oggi approfondisco al questione :-) Un bacio

    RispondiElimina
  37. Mi hai fatto morire con il tuo racconto!!
    ma perchè non abitiamo vicine ...credo che parlemmo di tutto, altro che dei nostri blog!!!
    e la pizza poi spettacolare!!!
    baci e a presto

    RispondiElimina
  38. Grazia tranquilla che se verrò dalle tue parti ci regaleremo un po di tempo per fare delle sane risate e del sano "spetteguless" ahahahah Un abbraccio

    RispondiElimina
  39. Mangerei la pizza anche a colazione!
    Vorrei davvero provare a farla con questo sistema, mi intriga parecchio, visti poi i risultati (tuoi)...spettacolare! Bravissima!

    P.S. anche per me, tra me e il lievito madre, c'e' una forte incompatibilita'!!!
    Baci

    RispondiElimina
  40. Marilena anche io proprio come te mangerei pizza a qualsiasi ora del giorno e della notte! Un Bacio

    RispondiElimina
  41. Che bello conoscerti! mi hai fatto ammazzare dalle risate con la storia del bipede e la pizza! La pizza per me è esclusivamente quella napoletana, col cornicione alto con il fior di latte, col basilico fresco..altro che quelle tavolette romane..nn sia mai!
    Verrò a trovarti spesso..mi metti buonumore..
    a presto
    sciopina

    RispondiElimina
  42. Sciopina benvenuta sul mio blog! La pizza che hai dipinto tu è proprio quella che garba anche a noi! Vieni pure quando vuoi a trovarmi! Un bacio

    RispondiElimina
  43. sulla pizza tutto vero,anche io l'amo comunque se passate per Rieti non dimenticate di fare una capatina in un locale dove c'è un giovane pizzaiolo reatino verace di 80 anni (avete letto bene) che lavora in forno a legna(reatino)e la sua esperienza nel campo lavorativo non ha eguali è passata dal fornaio al pasticcere per poi arrivare alla pizza.l'arte bianca per lui non ha srgreti,la sua pizza è la classica romana,ha un sapore,una digeribilità e una croccantezza....penso sia unica il locale si chiama Rugantino è a Rieti

    RispondiElimina
  44. @ Anonimo grazie mille per la segnalazione! Capito spesso a Rieti e pertanto vi farò sicuramente un salto!!! Buona giornata Laura

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)