lunedì 12 aprile 2010

Spezzatino di Cinghiale con Cioccolato Fondente

Spezzatino di Cinghiale con Cioccolato Fondente

Con il freddo di queste giornate un ghiotto spezzatino di cinghiale ha allietato il nostro fine settimana. Una carne già splendida in partenza che cotta nella Slow Cooker ovvero a bassa temperatura e per un tempo molto prolungato è risultata tenerissima e succulenta al tempo stesso. 
Il giorno dopo, al sugo avanzato ho aggiunto un altro mezzo bicchiere di pomodoro e ho condito delle tagliatelle fatte in casa (ma di questo vi racconterò in un mio prossimo post).

Spezzatino di Cinghiale 
con Cioccolato Fondente

Ingredienti
1 kg Spezzatino di cinghiale
1 litro di vino rosso corposo
Spezie varie (io ho usato 3 bacche di ginepro, 3 chiodi di garofano, 2 foglie di alloro, salvia, rosmarino, qualche grano di pepe)
2 cipolle , 1 carota, 1 gambo di sedano
Mezzo bicchiere di passata di pomodoro
4 cubetti (piccoli) di cioccolato fondente al 90%
Sale grosso
Farina
Olio d’oliva extravergine

Preparazione
Marinare il cinghiale, in luogo fresco per almeno 24 ore, nel vino rosso con 2 cucchiai di sale, le spezie e le verdure tagliate a grossi pezzi. Dopo 24 ore levare la carne, asciugarla e infarinarla leggermente. Passare la marinata al colino. Tritare finemente le cipolle, il sedano, la carota e parte delle spezie.
Nella Slow Cooker mettere un filo d’olio. Aggiungo le verdure tritate, la carne, il vino della marinata e la passata di pomodoro. Mescolare il tutto delicatamente.
Cottura: 6 ore Low  + 1 ora in modalità Warm
Verso la fine della cottura (quando manca più o meno 1 ora) aggiungere il  cioccolato fondente e mescolare delicatamente, regolare eventualmente di sale. Prima di servire, vi consiglio di tenere lo spezzatino in modalità Warm per almeno 1 ora per far “assestare” i sapori.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

31 commenti:

  1. adoro lo spezzatino di cinghiale, mio zio lo fa buonissimo! segno anche questa ricettina! un bacione.

    RispondiElimina
  2. interessanti i termoquadri, sai??non ne avevo mai sentito parlare!
    però non posso più leggere i tuoi post perchè con tutte le meraviglie che vedo, sono sempre più tentata di comprare questa slow cooker!tentariceee :D

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, complimenti è davvero un bel piatto ricco e particolare!!! un bacione

    RispondiElimina
  4. che ricetta splendida Laura è meravigliosa!!!! e adoro il cinghiale! grazie anche delle info per i pannelli sai che non li conoscevo? baci

    RispondiElimina
  5. Con il cinghiale si va sempre sul sicuro, pensa che la scorsa settimana, da amici, ho mangiato le bracioline alla griglia. Beh, una squisitezza!!! Anche come lo hai fatto tu è molto buono, ma io il cioccolato non lo ho mai messo e poi ho una fissa, ma questa per tutti i tipi di selvaggina, anche il capriolo che è carne delicatissima: il vino della marinata lo butto sempre e ne uso di fresco...

    RispondiElimina
  6. Non sono una carnivora, si sa, ma ammetto che questo abbinamento del cinghiale con la cioccolata mi incuriosisce non poco :-o ! Complimenti, è un piatto davvero particolare. Baci
    P.S. grazie per le informazioni sui pannelli; non ne avevo mai sentito parlare

    RispondiElimina
  7. Devo dire che la carne di cinghiale non mi fa impazzire ma fatta così si può fare una prova
    è molto invitante
    ciao

    RispondiElimina
  8. Adoro il cinghiale! Col cioccolato fondente l'ho mangiato anni fa un in Parador (non mi ricordo quale castello fosse) in Estremadura. Solitamente era la suocera che mi riforniva di cinghiale, ma ultimamente mio suocero e i miei cognati portano a casa solo caprioli... Ciao e spero che stiate meglio!

    RispondiElimina
  9. Molto particolare il sapoer di questa carne!! con il tocco del cioccolato ci paice una cifra!!
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Lauretta ma tu ci vuoi male con queste ricette!
    Ma com'è che mi sembra a me che abbiano tutte una deriva afrodisiaca? ;)
    buona giornata,
    Chiara

    RispondiElimina
  11. un sapore davvero particolare per questo spezzattino particolarissimo nel gusto visto l'aggiunta della cioccolata...sei grande laura una ricetta spettacolare!!baci imma

    RispondiElimina
  12. mamma mia questo è un piatto da chef! particolare...invitante..complimenti davvero!

    RispondiElimina
  13. Ciao!sono Laura dalla redazione di Blog di Cucina.
    Volevo invitarti a partecipare al primo contest organizzato dal nostro sito “E adesso?!?..come riciclare le uova di Pasqua” a cui possono aderire tutti gli aggregati come te.
    Vieni a scoprire di che si tratta
    Clicca quì

    Ti aspettiamo!

    la Redazione di BdC

    RispondiElimina
  14. mamma mia che ricetta stuzzicante, il cioccolato nelle ricette salate è delizioso!!! Un po' difficile imitare la slow cooker, ma ci si può attrezzare!!! Bravissima

    RispondiElimina
  15. @ Micaela chissà che bontà anche quello dello zio! :D

    @ Cris nemmen io li conoscevo siano a sabato :D

    @ Luciana grazie

    @ Ely ti dirò la cosa che mi ha invogliato maggiormente in quei pannelli è stato proprio il prezzo!

    @ Aldarita anche io ci ho pensato un po' sul sul cambio di vino... poi però mi spiaceva buttare quello usato con la marinata che aveva preso un bel sentore speziato e per nulla "selvatico"

    @ Federica tutto sommato è un piatto molto semplice. Solo la cottura è lunga ma l'esito garantito :D

    @ Steval se la provi fammi sapere :)

    @ Lucia pensa che il capriolo non l'ho mai cucinato. Oggi stiamo decisamente meglio rispetto a come ci siamo alzati :D Grazie!!!

    @ Manuela e Silvia grazie!

    @ Cavoliamerenda forse perchè il cioccolato qui è presente in quasi tutte le ricette??? ;;)

    @ Imma grazie Tesorissimo!!!!

    @ Federica grazie!

    @ Laura grazie per la segnalazione!

    @ Colombina si può sempre fare con una pentola (meglio se di coccio) e cuocere molto lentamente.

    RispondiElimina
  16. Un piatto davvero interessante e originale. Complimenti! Buona serata

    RispondiElimina
  17. Confesso di non aver mai mangiato niente di simile e non riesco neanch ad immaginare il sapore, ma devo dire che sarei davvero curiosa di assaggiarlo.

    RispondiElimina
  18. il cioccolato di solito lo metto nella coda, quel puccino mi fa una voglia, e ancora di più l'idea della pasta che hai fatto col resto!
    mio mariti lavora nell'edilizia e non conosceva questi pannelli, molto interessanti davvero!

    RispondiElimina
  19. Ma sai che non l'ho mai provato?
    Ad un piatto così non saprei dire proprio di no :P

    RispondiElimina
  20. Buona giornata!!!!molto interessanti le tue informazioni sui termoquadri non ne avevo mai sentito parlare... io non sono molto amante della carne e in specialmodo del cinghiale ma questa ricetta con il cioccolato mi ha incuriosito, è molto singolare... Tittina

    RispondiElimina
  21. però che originale cioccolato e cinghiale, una volgia di provarlo

    RispondiElimina
  22. adoro sia il cinghiale sia il cioccolato...mi annotto subito la ricetta da provare!:)

    RispondiElimina
  23. Laura, questo è un piatto da menù per le grandi occasioni......... fantastico!!!!!!!!!
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  24. Dovrò decidermi ad usare il cioccolato abbinato al cinghiale, perché seim una garanzia.
    un bacio

    RispondiElimina
  25. @ Italians grazie!

    @ Sally alla fine il cioccolato "in purezza" non lo senti perchè si amalgama molto bene con lo speziato

    @ Dauly ma lo sai che la coda non l'ho mai preparata?

    @ Nanny già a noi è garbato parecchio

    @ Tittina noi invece amiamo molto la carne e per questo provo sempre modi nuovi di cucinarla :D

    @ Gunther se lo provi fammi sapere! :D

    @ Giuky provala, vedrai che bontà!

    @ Stefi grazie!

    @ Germana provalo perchè si abbina molto bene!

    RispondiElimina
  26. ciao lauraaaaaaa,non scrivo da un pò perchè in ufficio faccio più ore di un orologio, ma un pizzico di tempo per aprire ogni giorno il tuo meraviglioso blog lo trovo sempre. il cibghiale e tutti gli animaletti selvatici li adoro,proprio tanto!e questa ricetta ti è venuta perfetta,potrebbe sembrare strano l'accostamento alla cioccolata ma è tradizionale toscana ed il gusto ci guadagna tantissimo.normalmente non mi piacciono gli accostamenti agrodolci ma in questo caso il matromonio è riuscitissimo. si vede dal tuo sughetto bello concentrato che l'hai fatto e cotto al meglio,bravissima laura!!un abbraccio enorme dalla toscanaccia giulia

    RispondiElimina
  27. e unn'è i' ccioccolato e basta, è come lo si abbina ;)
    buona giornata,
    Chiara

    RispondiElimina
  28. questa è una grande ricetta!!!!!!
    bravissima Laura

    ciaooooo

    RispondiElimina
  29. non è una carne che qui trovo facilmente ma mi piace...così come l'idea del ciocco fondente, provato in altre pietanze e sempre gradito!
    ottima ricetta!

    RispondiElimina
  30. Il cinghiale effettivamente piace tanto anche a me, ma mai avrei pensato di aggiungerci del cioccolato fondente!

    RispondiElimina
  31. @ Giulia ma che bello rileggerti!!! ma dai il fatto che il cinghiale al cioccolato fosse proprio una ricetta di queste parti non lo sapevo!!! Grazie per la preziosa informazione :X

    @ Cavoliamerenda Sante Parole!!! ;)

    @ Dario grazie!

    @ Terry lo so, il cinghiale purtroppo non è di facile reperibilità.

    @ Aiuolik è assolutamente da provare ;)

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)