mercoledì 21 luglio 2010

Gelatina d'Arancia al Passito

Gelatina d'Arancia al Passito

Non so cosa sia successo alla marmellata di arance che non solo non si è addensata, ma è rimasta una brodaglia liquida che stesa sul pane automaticamente lo inzuppa. Ma secondo la regola del non si butta via nulla, mi sono ingegnata su come riciclarla. E mi è venuto in mente di preparare una jelly, proprio come quelle che mi capita di gustare quando sono in Austria. Certo questa non è venta trasparente e cristallina perchè ho deciso di lasciare anche la polpa di arancia senza stare a filtrare il liquido. Ovviamente essendo una ricetta del recupero le dosi sono ad occhio.
Gelatina d'Arancia al Passito

Ingredienti e Preparazione
Mettere la marmellata d'arancia (un barattolo, pari a circa 250 gr) in un pentolino con mezzo bicchierino di vino passito. Mettere la gelatina (3 fogli grandi) a mollo in acqua fredda per circa 10 minuti. Quando il tutto inizia a bollire, unire la gelatina ben strizzata, avendo cura di farla sciogliere mescolando per bene il tutto.
Versare in uno stampo medio in silicone. Fare raffreddare e mettere in frigorifero per una notte. Sformare la gelatina al momento di servire.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

11 commenti:

  1. Ah ah ah! Troppo simpatica la tua mamma... Comunque, visto che sei così brava a risolvere gli spatasci, ti terrò presente! :-D

    RispondiElimina
  2. =))
    mi hai fatto ammazzare dal ridere!!! avrei voluto vederti mentre 'ammiri' lo spatascio di tua mamma...riesco ad immaginarmi la faccia ah ah ah!!!
    cmq l'hai trasformato proprop perbenino, sei un mito! ma ... la tua mamma lo legge il blog? eh eh eh!!!
    bacissimi
    dida

    RispondiElimina
  3. beh decisamente strepitoso!!!aspettami che arrivooooooooo!!baci!

    RispondiElimina
  4. Semplicemente geniale! E brava Laura :-)
    Magari tutto gli spatasci fossero così....
    Un saluto
    simona

    RispondiElimina
  5. Però, dagli spatasci escono capolavori, a volte!
    Mi ha fatto morire la brodaglia che sa di Last al limone...ciao!

    RispondiElimina
  6. Bel recupero, sei una maga! Complimenti.
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  7. E' stata proprio una bella idea, me la archivio, non si sa mai...
    Buona serata cara Laura

    RispondiElimina
  8. Ma che belli gli sbagli se poi portano all'arrovellarsi delle rotelline e al parto di cotante delizie! Figurati che io ho un tag che si chiama "salvataggi", fai un po' te!
    Ad ogni modo meglio la rustica e "torbida" jelly che quella trasparente!

    RispondiElimina
  9. e brava lauretta sei riuscita alla grande a trasformare una brodaglia in qualcosa di golosisssssssssssimo!!sei unica,baci imma

    RispondiElimina
  10. Sei fortissima, Laura! :D
    A proposito di mamme, stamattina è arrivata la mia... l'ho messa subito sotto a fare la sua famosa peperonata :). Mi ha subito risollevato la pressione (ai minimi storici!) :)
    Baci
    (ma ti porti pc e chiavetta in vacanza, vero? Dai... non posso stare senza di te in agosto!!!)

    RispondiElimina
  11. @ Lucia presente ! :X

    @ Dida no, però le ho detto che qui si parla male di lei =))

    @ Federica grazie!

    @ L'albero della carambola grazie!

    @ Arabafelice grazie!

    @ Alessandra grazie!

    @ Germana archivia pure anche se sono più che convinta che non ti servirà :X

    @ Parentesiculinaria il tuo tag "salvataggi" mi incuriosisce molto!!! ;)

    @ Imma grazie!

    @ Laura ma cosa c'è di più buono di una splendida peperonata fatta a regola d'arte???? Sì Sì certo che sono Pc munita :X

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)