martedì 19 ottobre 2010

Amaretti Sardi

Amaretti Sardi

Tutto nasce da una scaletta… sì la solita scaletta che spiega per filo e per segno come si svolge  la puntata di Appetizer e quasi per caso noto che nella mia rubrica è segnata un’improbabile ricetta di Amaretti in Accabadora. In quella puntata infatti si parlerà di letteratura con Michela Murgia.
Sorrido a quella strana ricetta presente sulla scaletta e passo oltre poiché per quella puntata stavo preparando tutt’altro. Ma la notte porta consiglio e quasi per sfida mi metto a cercare notizie sugli Amaretti scoprendo che nel libro Accabadora vengono ampiamente citati durante i preparativi di un matrimonio… inutile dire che il giorno dopo mi fiondo in libreria ad acquistare il libro, che leggo tutto d’un fiato, e sono sempre più convinta che tutto sommato gli “Amaretti in Accabadora” arriveranno ancora caldi di forno in puntata.
Mai fatti gli amaretti sardi, nutro una particolarissima dedizione verso i dolci sardi ma, mi limito ad ammirare questi capolavori, tutt’al più a gustarli, e mai più avrei pensato di provare io stessa ad affondare le mie mani in una preziosa ricetta che profuma di Sardegna e racconta le tradizioni di questa splendida gente.
Ok però a questo punto mi serve una ricetta che venga direttamente dalla Sardegna. Possibilmente una ricetta antica. Così baratto con Gian Paolo, il collega di Marco che vive in quella splendida isola, la ricetta di famiglia di questi amaretti in cambio di un autografo della scrittrice, che scopro essere il suo mito. La ricetta arriva tempestivamente corredata di tutti i consigli e i segreti “di famiglia” e gli amaretti giungono con grande meraviglia nelle preziosissime mani di Michela Murgia. Lei una persona splendida, solare, positiva, disponibile, un bellissimo sorriso, un grandissimo piacere ascoltarla e poterci conversare insieme.
E gli amaretti? il profumo di mandorle era inebriante, la consistenza perfetta ora non mi resta che sapere se possono chiamarsi a tutti gli effetti “Amaretti Sardi Accabadora”...


Amaretti Sardi

Ingredienti
300 g di mandorle dolci pelate
60 g di mandorle amare pelate
Scorza grattugiata di 2 limoni
250 g di zucchero semolato
3 albumi montati a neve ferma (4 se le uova sono piccine)
Zucchero semolato
Mandorle intere pelate
Ciliegine candite

Preparazione
Tritare finemente le mandorle con lo zucchero e la scorza di limone. Aggiungere delicatamente gli albumi montati a neve ben ferma. Far riposare il composto qualche ora in frigorifero, se il composto dovesse risultare troppo morbido aggiungere 1 o 2 cucchiai di farina. Formare delle palline grandi come una noce. Rotolarle nello zucchero semolato e disporle in una teglia ricoperta di carta forno. Guarnire le palline con mezza ciliegina candita o con una mandorla intera. Infornare a forno caldo 180° per circa 20 minuti. Gli amaretti devono dorare leggermente ma mantenersi estremamente morbidi all'interno.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

18 commenti:

  1. ...mmmm...che spettacolo! E non mi sembrano per nulla difficili da fare.......
    Buon pomeriggio!!!

    RispondiElimina
  2. ti sono venuti benissimo a vedere la foto!! anche se non sono sarda si capisce che li hai conquistati, sopratutto la scrittrice!

    RispondiElimina
  3. Non so che darei per assaggiarne uno! Impazzisco per la pasta di mandorle e questa è anche meno dolce rispetto alle solite ricette. Devo provarla per forza ;) Un bacio cara, buona settimana

    RispondiElimina
  4. anch'io ne vorrei assaggiare un paio!!! buonissimi!!!

    RispondiElimina
  5. Che buoni gli amaretti sembrano anche facili da fare li provo sicuramente
    ciao

    RispondiElimina
  6. uhm tu nn sai quanto mi fai felice con questo post..io amo alla follia gli amaretti!

    RispondiElimina
  7. Che buonii!!! e come sono delicati...davvero da provare, un abbraccio ;)

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che goduria che devono essere, morbidissimi dentro come piacciono a me!!! e con la ciliegia candita, vogliamo parlarne? Da leccarsi i baffi e i controbaffi!!

    RispondiElimina
  9. Anche io amo tantissimo i dolci sardi, così come tanto di ciò che è legato all'isola! Brava!!! Ti sono venuti veramente belli! Un abbraccio, Lucia
    PS a proposito di Sardegna, hai mai sentito le canzoni di Andrea Parodi? Per noi sono la colonna sonora di tutta l'estate in macchina!

    RispondiElimina
  10. Peccato non averlo saputo, avrei fatto volentieri un salto, ho letto il libro da poco e sarei stata felice di averlo autografato...peccato!! Mi consolerò con queste delizie che come al solito ti riescono alla perfezione!

    RispondiElimina
  11. che meraviglia li voglio provare anch'io adoro gli amaretti

    RispondiElimina
  12. Che post interessante e che bell'incontro professionale hai fatto... sei bravissima, i tuoi amaretti mi sembrano perfetti. ti abbraccio e ti saluto con affetto. Deborah

    RispondiElimina
  13. Non sono mai riuscita a "rubare" la ricetta alla madre della mia amica che li fa buonissimi!!! Sapevo che uno dei segreti è grattugiare le mandorle a mano, sarei curiosa di assaggiare i tuoi, l'aspetto è degno di una nonna sarda :-)

    RispondiElimina
  14. PS Ovviamente parlo dell'aspetto degli amaretti :-))))

    RispondiElimina
  15. posso passarti la staffetta dell'amicizia per tirarti un pò sù?
    se non ti va non importa ok?
    vi abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  16. Ciao Laura! sono capitata per caso su questo blog e sono stata subito conquistata da questa ricettina...Io adoro gli amaretti, sia quelli secchi che questi morbidi, sicuramente sono una goduria.
    Sicuramente da provare al più presto :)

    RispondiElimina
  17. Buonissimi, a me piacciono tantissimo. Le isole maggiori sono il topo della pasticceria, io attingo spesso da loro e non rimango mai delusa. Grazie e buona serata.

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)