domenica 30 ottobre 2011

Ricciarelli

Ricciarelli

A casa nostra con le prime nebbie appare anche l’inconfondibile profumo di ricciarelli appena sfornati. E’ ormai diventato a tutti gli effetti un “profumo di casa”, che sta ad indicare che piano piano arriva il Natale. Sul mio libro "Dolci della Tradizione Toscana" ho ricostruito un po’ quella che è l’origine antica e misteriosa di questi dolci, con informazioni raccolte da diverse fonti in primis i libri del Righi Parenti.  Mi si permetta l'autocitazione: “I Ricciarelli sono un dolce tipico senese di antichissime origini. Venduti nelle spezierie medievali andavano ad arricchire le tavole dei Signori del tempo. Questi dolci nascono da un marzapane senese composto in parti uguali da miele e mandorle, in epoca più recente il miele viene sostituito dallo zucchero. Una menzione particolare viene fatta a certi “marzapani preparati secondo la moda di Siena” in occasione del matrimonio di Caterina Sforza con Gerolamo Riario (1447). Tra mito, storia e leggenda si narra che il senese Ricciardetto della Gherardesca, rientrando dalle crociate in Terra Santa, avesse portato con sé questi dolci stranieri. Erano composti di una pasta “marzapane”, a grana grossa, lavorata con un impasto di canditi e vaniglia, cotta in forno dopo averla formata a piccole losanghe e arricciata all'estremità.”

Ricciarelli
da “Dolci della tradizione Toscana”
di Laura De Vincentis

Ingredienti
80 g di albumi
275 g di zucchero semolato
250 g farina di mandorle
1 bustina di vanillina
Mezzo cucchiaino di lievito (o una punta di bicarbonato)
Qualche goccia di essenza di mandorla amara
Zucchero a velo

Preparazione
Amalgamare lo zucchero con la farina di mandorle, la vanillina, il lievito e qualche goccia di essenza di mandorla amara, aggiungendo a poco a poco gli albumi. Rovesciare l'impasto sul tavolo leggermente infarinato con lo zucchero a velo. Formare dei salsicciotti e poi tagliarli a tocchetti diagonalmente (piccoli rombi). Passarli in un vassoio contenente zucchero a velo e ricoprirli interamente. Rivestire una teglia con carta forno, disporre i ricciarelli ben distanziati tra loro e cuocere in forno preriscaldato a 160° per non oltre 10 minuti (devono solamente asciugare e NON biscottarsi!). Durante la cottura mettere uno spessore nella porta del forno per fare uscire il vapore. Fare riposare qualche ora prima di consumarli.


NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright 2008-2013© Laura De Vincentis All Rights Reserved

14 commenti:

  1. questi non l'ho mai fatti mi prendo la tua ricetta perche sembrano facile , mi hai convinta ...che buoni.

    RispondiElimina
  2. mi aspetti????????????buonissimi!!!baci!

    RispondiElimina
  3. Ciao, quanto ci piacciono i ricciarelli...eh, ma per due amanti della pasta di mandorle....Ce ne prendimao giusto giusto qualcuno!
    bravissima.
    bacioni

    RispondiElimina
  4. io vado matta per i ricciarelli, quasi quasi mi butto e li faccio ! Un bacione Laura, passa un felice we....

    RispondiElimina
  5. Che buoni lo sento fino a qui il profumino!

    RispondiElimina
  6. Mi ricordano tanto le paste di mandorla siciliane... Sranno parenti, che dici?????

    RispondiElimina
  7. che belli che sono quei ricciarelli dal vivo, non ho mai pensato di farmeli a casa anche se ne sono ghiotto ma ora che ho la ricetta :-))

    RispondiElimina
  8. Anche io ho sempre in dispensa qualche prodotto della Life e sono tutti ottimi!
    Annoto la bella ricetta!!
    baci e buona domenica!

    RispondiElimina
  9. Ciao Laura,
    questi dolcetti non li ho mai fatti ma è una vita che voglio provarli,mi sa che quest'inverno proprio non scappa! Hanno un aspetto davvero invitanti!

    RispondiElimina
  10. Li adoro. Mai fatti in casa. Chissà che profumo, la vista è goduriosa e la consistenza, peccato.. non la potrò assaggiare. Ma mi segno la ricetta e prima o poi mi metterò alla prova ;-)

    RispondiElimina
  11. Non puoi capire quanto amo questi ricciarelli!!non riesco a trovare la farina di mandorle purtroppo..son buonissimissimiii..complimenti cara!buona domenica

    RispondiElimina
  12. Buonissimi cara Laura, che splendida ricetta!!!! Baci, e buona domenica!!!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)