sabato 17 agosto 2013

Trottola è volata sul Ponte dell'Arcobaleno


Sul Ponte dell’Arcobaleno

Un’antica leggenda degli Indiani d’America recita che…

“Tra la terra e il cielo esiste un ponte chiamato “Ponte Arcobaleno” per i bellissimi colori da cui è formato.
Quando un animale muore, specialmente se in vita è stato molto amato da una persona qui sulla Terra, va in un luogo che si trova all’inizio di questo ponte.
E’ un posto bellissimo, dove l’erba è sempre fresca e profumata, i ruscelli scorrono tra colline ed alberi ed i nostri amici pelosi possono correre e giocare insieme. Trovano sempre il loro cibo preferito, l’acqua fresca per dissetarsi ed il sole splendente per riscaldarsi, e così i nostri cari amici sono felici: se in vita erano malati o vecchi qui ritrovano salute e gioventù, se erano menomati o infermi qui ritornano ad essere sani e forti.
In questo luogo gli animali che abbiamo tanto amato stanno bene, eccetto che per una piccola cosa: sentono molto la mancanza della persona speciale che li ha amati sulla Terra.
Così accade di vedere che, durante il gioco, qualcuno di loro si fermi improvvisamente e scruti oltre la collina; tutti i suoi sensi sono in allerta, i suoi occhi si illuminano e le sue zampe iniziano la grande corsa: tu sei stato visto, e quando incontri il tuo amico speciale, lo stringi tra le braccia con grande gioia, il tuo viso è baciato ancora e ancora, le tue mani accarezzano di nuovo la sua testa amata ed i tuoi occhi incontrano i suoi, sinceri, che tanto ti hanno cercato. Il tuo amico speciale, andato via da così tanto tempo dalla tua vita, ma mai assente dal tuo cuore.

Adesso, insieme, potrete attraversare il Ponte dell’Arcobaleno per non lasciarvi mai più”.

3 commenti:

  1. bellissima , magari fosse veramente così, ma non solo per gli animali, ma anche per gli esseri umani. sarebbe una consolazione per chi rimane. un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura, il giorno che ho letto questo post non ho fatto altro che piangere, pensando che presto (aimè troppo presto) l'avrei dovuto vivere anch'io questo momento. E così è stato...questa notte il mio fedele, amato cagnolino ha passato quel ponte. Mi consola il pensiero che ad attenderlo c'era il mio papà col quale erano inseparabili!!!
    Un abbraccio pieno di lacrime

    RispondiElimina
  3. Laura, quando hai pubblicato questo post ho cercato per giorni il modo di lasciarti un commento... e, stupidamente, non trovavo il link. Lo cercavo a fondo del post, senza successo... oggi però mi sono presa il tempo per tornare qui e lasciare un saluto per Trottola. La leggenda del ponte dell'arcobaleno non la leggo nemmeno più, perchè so che mi fa automaticamente piangere, pensando ai gatti che ho perso... ma di una cosa sono certa: le cose veramente preziose al mondo, come gli affetti per i nostri cari (animali compresi), non sono materiali e non terminano con la morte. Perciò non so se il ponte dell'arcobaleno sia proprio così come è descritto qui... ma sono sicura che c'è. Un abbraccio, anche se davvero in ritardo, a te e un bacino a Trottola, che ti aspetta.

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)