lunedì 26 giugno 2017

Di Prosecco in Prosecco: i vini delle cantine Mionetto



Quando ormai quasi 17 anni fa andai a convivere con il De Win, scoprii che a casa aveva diverse bottiglie di Prosecco Mionetto. Nome che ai tempi mi diceva ben poco sennonché quel vino era veramente piacevole e andava giù che era non solo una meraviglia, ma una vera coccola per le papille gustative! In 17 anni sono cambiate tante cose (no, l’inossidabile De Win non è stato cambiato… così giusto per chiarire…) ho aperto un blog, sono diventata sommelier (anzi prima sono diventata sommelier poi ho aperto il blog) e ho avuto modo di conoscere meglio i vini di Mionetto che nel frattempo è diventata un’azienda dinamica, in continua evoluzione, con prodotti piacevolmente godibili e con un ottimo rapporto qualità prezzo (che non fa mica male!). E vogliamo parlare delle bottiglie? Dalla forma inconfondibile, moderne, eleganti, molto particolari e curate, belle anche da esporre.

Per l’acquisto di Mionetto e di tanti altri vini al di fuori del mio territorio, non avendo tempo di girare per enoteche, mi affido a Tannico, che è la più grande enoteca on line d’Italia con tantissime etichette e cantine con cui sfiziarsi spaziando da bottiglie più famose e conosciute a quelle più particolari e di nicchia. Tannico, secondo me, è un sito che ogni appassionato di vino dovrebbe inserire nei preferiti del suo pc. Quello che mi piace di Tannico è l’esaustiva e ampia scheda organolettica che viene dedicata a ogni singolo vino per venire incontro ai gusti e alle esigenze di tutti, facendo in modo che il vino venga sempre degustato nel migliore dei modi con la temperatura più consona, il bicchiere giusto e gli abbinamenti che lo esaltano.

Per quanto riguarda i vini Prosecco delle cantine Mionetto ampia è la scelta che trovate su Tannico.

L’azienda Mionetto è stata fondata nel 1887 nel cuore della Valdobbiadene, come ben sapete territorio assai vocato nella produzione del vitigno Prosecco. Quello che mi piace di questa azienda è il suo modo di concepire  il prosecco che rimane sempre un prodotto rappresentativo del territorio d’origine, ancorato alla sua storia e tradizione, ma nel frattempo viene interpretato anche con un’impronta moderna, vivace, innovativa e di tendenza.
E proprio per questo, quando diciamo Mionetto, non parliamo di un solo tipo Prosecco, bensì di tante tipologie che partendo dal vitigno base, si caratterizzano e arricchiscono - in fase di produzione - di consistenze, perlage, profumi, sentori e percezioni diverse, in un ventaglio di bellissime sfumature, per venire incontro all’esigenza di un target sempre in crescita e sempre più diversificato.  Allora vi ho incuriosito alla degustazione?

Tra le proposte di Mionetto vi voglio segnalare dei vini a me particolarmente graditi:  il Valdobbiadene Prosecco Superiore Rive di Santo Stefano Brut DOCG - Luxury che è la “punta di diamante” di casa Mionetto; il Valdobbiadene Prosecco Superiore Extra Dry DOCG – Collezione Avantgarde (per chi ama un Prosecco di concezione moderna e innovativa) e il Prosecco Treviso Frizzante DOC – Collezione Legature (per i nostalgici che amano degustare il Prosecco di una volta con la legatura del tappo fatta a mano proprio come si usava un tempo).


1 commento:

  1. conosco benissimo la Mionetto , per qualche anno sono stata l'unica rappresentante donna in Italia, avevo la zona di Trieste !

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)