martedì 4 dicembre 2018

Danubio Salato con Salsiccia e Provola Affumicata

Danubio Salato con Salsiccia e Provola Affumicata

"La vita è bellissima.
Alcune persone te lo rammentano più di altre, tutto qui"
(E.Bauermeister - La Scuola Degli Ingredienti Segreti)

La mia nuova scrivania è arrivata!
L’inossidabile De Win mi chiede: "Ma perché hai comprato una scrivania con il ripiano di cristallo?"
Io: "Mi piace, è di poco impatto e alleggerisce la stanza"
Lui: "Ma perché allora copri il ripiano in cristallo che è la sua bellezza?"
Io: "Perché mi fa impressione… "
#maiunagioia

Era da una vita che non preparavo il Danubio – almeno 7 anni secondo la cronologia del blog - forse uno dei rustici che garba di più all’inossidabile De Win! E vi dirò che trovarselo in tavola, così all'impronta senza aspettarselo minimamente (perché diciamocelo i mariti delle food bloggers sono rassegnati a non mangiare mai per due volte la stessa ricetta sia che venga una ciofeca, sia che venga buonerrima) è stata una festa notevole!
Bocconcini soffici come una nuvola, in bocca evanescenti come lo zucchero filato, con dentro un godurioso ripieno di salsiccia e provola affumicata secondo il mio solito mantra del “più ce ne metti, più ce ne trovi”. Un’idea sfiziosa che non può certo mancare sulla tavola delle feste! E allora forza, salvatevi la ricetta!

Forse non tutti sanno che… Danubio
Originario di Napoli, il Danubio è conosciuto anche come danubiana o brioche al pizzico.
Il Danubio viene da sempre considerato come un “cibo democratico” per tre motivi:
1. il ripieno è solitamente fatto con gli avanzi (anche se la tradizione partenopea lo vorrebbe con provola e salame, piuttosto che con ricotta e salsiccia).
2. ogni pallina può nascondere un ripieno diverso.
3. è un cibo che stimola la convivialità, si mette al centro della tavola e ognuno ne “spizzica” liberamente.
Diverse sono le teorie sulle origini del Danubio e sul suo curioso nome, la più accreditata lo fa risalire al 1768 anno in cui Ferdinando I sposò Maria Carolina d’Asburgo, che essendo di origine austriaca portò con sé a Napoli le tradizioni gastronomiche della sua terra. Ecco che dall’incontro tra i cuochi viennesi, i cuochi napoletani e i saporiti prodotti tipici del territorio partenopeo nasce il Danubio che tanto assomiglia al “Buchteln” il dolce austrico che presenta la stessa struttura del rustico napoletano.
Il Danubio solitamente viene consumato la sera dopo la veglia pasquale, è il cibo per eccellenza che spezza il digiuno. Ma lo si trova anche, insieme a tutti i rustici napoletani, sulla tavola delle giornate di festa “importanti”.

Danubio Salato con Salsiccia e Provola Affumicata

Ingredienti
250 gr farina 00
250 gr farina di Manitoba
200 ml latte a temperatura ambiente
35 gr lievito madre disidratata in polvere
60 gr burro pomata
20 gr strutto
10 gr sale fino
25 gr zucchero

Per la farcia
400 gr salsiccia
200 gr provola affumicata

Inoltre
1 uovo sbattuto per spennellare
Semi di lino

Preparazione
Prepara la farcia: spella la salsiccia, riducila a tocchetti della grandezza di una nocciola e rosolala per qualche minuto in una padella con un goccio d’olio. Mettila a raffreddare su un piatto coperto da carta assorbente. Taglia la provola a tocchetti e mettila da parte.
Prepara l’impasto: impasta tutti gli ingredienti (farine, latte, lievito madre, burro, strutto, sale, zucchero) energicamente per 12-15 minuti (puoi usare anche l’impastatrice o la macchina del pane programma impasto e lievitazione) sino a che ottieni un impasto tenero ma, non appiccicoso.
Copri a campana e fai lievitare per 60 minuti circa.
Riprendi l’impasto, forma un rotolo e taglia a tocchetti di circa 35/40 gr cadauno.
Prendi ogni pezzo, appiattiscilo, all’interno metti un pezzetto di salsiccia e uno di provola affumicata e richiudi formando delle palline lisce e ben tese arrotolandole sul tagliere sotto il palmo della mano
Fodera di carta forno una teglia tonda a cerniera e disponi all’interno le palline leggermente distanziate tra loro.
Spennella la superficie con un uovo sbattuto, cospargi con semi di lino.
Fai lievitare per 60 minuti, le palline devono arrivare ad un volume più che doppio di quello iniziale.
Preriscalda il forno a 200° e inforna per 20/23 minuti (la parte superiore deve risultare ben dorata).

-----------------------------------------------

Le raccolte dell’Antro
Speciale Natale: IL BUFFET DELLE FESTE

“Il Natale dovrebbe essere legna che arde nel caminetto, profumo di pino e di vino, buone chiacchiere, bei ricordi e amicizie rinnovate... ... ... Ma se questo manca basterà l’amore” (J.O’Neil)

BUFFET DELLE FESTE
BUFFET DELLE FESTE

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

18 commenti:

  1. bellissimo il tuo e con la salsiccia non l'ho mai provato. Qui va sempre wurstel e scamorza affumicata o prosciutto e mozzarella, proprio ieri ne ho portati due in palestra per sfamare i ragazzi dopo una partita. era da tanto che non lo facevo, io peso circa 30g di pasta per ogni pallina, ma l'ho trovato poco farcito. Tu pesi anche il ripieno? Dammi una dritta dai :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena :) Sì io indicativamente lo peso da intero per regolarmi sui pesi dei pezzetti, cerco sempre di mettere dei bei pezzetti grandini di salumi e formaggi altrimenti in lievitazione spariscono (è successo tante volte anche a me di trovarlo a fine cottura con poco ripieno soprattutto i salumi!!!) Un bacio

      Elimina
  2. Spettacolo, molto invitante, ottimo con la salsiccia, bravissima!!!!

    RispondiElimina
  3. Questo lo vorrei come cuscinoooo :-P mamma mia come è invitante!

    RispondiElimina
  4. Adoro il Danubio e non lo faccio da una vita.....che voglia mi hai fatto venire!

    RispondiElimina
  5. Anche io non lo preparo da una vitaaaaaa...urge recuperare!
    Posso rubarne un pezzetto ;) ?!
    Deliziaaaaaaa

    RispondiElimina
  6. Che spettacolo, un'insieme di bellezza e bontà!

    RispondiElimina
  7. Ecco, il danubio salato è una di quelle cose che appena le vedo mi fanno aumentare la salivazione a dismisura :D Il tuo è proprio bellissimo, complimenti!

    RispondiElimina
  8. è favoloso questo danubio! così liscio, lucido e perfettamente lievitato... e con quel ripieno poi, mi fa venire una fame pazzesca!!

    RispondiElimina
  9. In effetti i mariti sono un po' sfigati, spererebbero di poter mangiare quei classici che vengono sempre bene e invece no. Si beccano anche tante ciofeche che magari hanno richiesto ore di lavoro :-)
    questa comunque non era sicuramente una ciofeca!!

    RispondiElimina
  10. Ma che buono deve essere, sei sempre bravissima!!!

    RispondiElimina
  11. Che meraviglia, è molto invitante, si vede che è soffice, bravissima come sempre! Un bacione!

    RispondiElimina
  12. Golosità pura, adoro la versione salata! Un abbraccio Laura

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia, mi piace tantissimo l'accostamento salsiccia-provola....una golosità assolutamente da provare, e io, stai pur certa la proverò!! Bellissima anche la foto, complimenti!!Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Come ti è venuto bene. Anche io lo faccio poco eppure piace tanto.
    NOn ho capito perché il ripiano in cristallo ti fa impressione.

    RispondiElimina
  15. Ecco, questa la vorrei ora, subito!!! E' favoloso!!

    RispondiElimina
  16. è spettacolare, come sempre mi metti in tentazione cara Laura, buon weekend !

    RispondiElimina
  17. Che dire cara Laura? Sono napoletana, faccio da sempre i lievitati e non ho MAI fatto il danubio. Devo rimediare al più presto. Il tuo è splendido! Un abbraccio

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)