martedì 9 luglio 2019

Sbriciolata Pan di Stelle

Sbriciolata Pan di Stelle

“Non c’è niente come un dolce o una buona tazza di tè.
Sanno risollevare anche la giornata peggiore.
Sanno rendere la vita, e le sue difficili attese, meno amare”
(E.Pigozzi, Pesche amaretti e cioccolato)

L’altra sera in marito mi ha detto: "Certo che quando tu prendi la macchina e vai da qualche parte, tocca mettere il navigatore satellitare per capire dove sei finita!"
… … … secondo voi è un complimento? No vero?
#maiunagioia

Quando l’inossidabile De Win ha assaggiato questa torta il suo commento a caldo è stato: “È tracotante!”. Eh sì! E’ proprio un dolce “tracotante”. Un dolce che mentre lo facevo mi sembrava una di quelle stragolosissime porcate che girano ogni tanto sulla pagina Fb di Chef Club.
Questo dolce nasce dall’esigenza di finire un pacco di biscotti Pan di Stelle che stavano diventando “possi” e dalla necessità di fare fuori un barattolone formato famiglia della slurposissima crema gianduia Nero della Pernigotti, regalo di mia madre che a quanto sembra ha trovato al mercato del giovedì uno spacciatore di dolci da paura!
Insomma una sbriciolata che dovete assolutamente provare per un effetto wow delle vostre papille garantito!

Forse non tutti sanno che… il biscotto Pan di Stelle
Il biscotto Pan di Stelle esordisce sugli scaffali nella seconda metà degli anni Ottanta. Un prodotto che si distaccava dal resto della produzione del Mulino Bianco, ancora molto legata a gusti e concetti della tradizione e della semplicità.
Con i Pan di Stelle entrava prepotente la golosità e una nuova esperienza di consumo: i cultori e gli appassionati grattano via le stelle con i denti, per poi mangiare il biscotto infilandolo in bocca per intero.
Da un punto di vista dell’immaginario, i Pan Di Stelle si distaccano dalla naturalità tipica del Mulino Bianco per immergersi in un mondo di magia e sogni, con una forte matrice bambinesca capace di coinvolgere anche gli adulti. tratto da Wired



Sbriciolata Pan di Stelle

Ingredienti per uno stampo quadrato di circa 24 cm per lato
110 gr zucchero
240 gr farina 00
1 uovo
60 ml olio extravergine d’oliva delicatissimo
60 ml panna per dolci (o latte intero)
1 cucchiaino di lievito vanigliato in polvere
1 bustina di vanillina
Due pizzichi di miscela di spezie in polvere per lebkuchen e panpepato (un mix di: cannella, noce moscata, coriandolo, chiodi di garofano, pimento, finocchio, zenzero, anice, anice stellato, pepe, semi di cardamomo)
4 biscotti Pan di Stelle sbriciolati
Un pizzico di sale

Per farcire
16 biscotti Pan di Stelle
Crema alla gianduia secondo il mantra "più ce ne metti, più ce ne trovi"

Inoltre
Zucchero a Velo

Preparazione
Preriscalda il forno a 170°.
Impasta tutti gli ingredienti (tranne i 4 biscotti sbriciolati) sino ad ottenere un impasto omogeneo ma granuloso.
Scalda la crema di gianduia a bagnomaria e lasciala intiepidire.
Con 1/3 dell’impasto copri per bene il fondo della tortiera premendolo leggermente per renderlo uniforme e crea un piccolo bordo di mezzo cm.
Disponi i 16 biscotti sull’impasto (io ho fatto 4 file da 4 biscotti)
Versa la crema di gianduia sul disco di frolla e sui biscotti, stendendola bene.
Aggiungi i biscotti sbriciolati al restante impasto e con il crumble ottenuto ricopri tutta la superficie della torta.
Inforna a 170° per circa 25 minuti.
Fai raffreddare completamente, spolvera di zucchero a velo e tagliala a cubotti.


MI TROVI ANCHE QUI

    


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

15 commenti:

  1. Ecco...avrei bisogno di un dolce così....forse mi rimetterebbe al mondo: belissima e troppo golosa, un bacio!

    RispondiElimina
  2. dev'essere meravigliosa questa sbriciolata, no vedo l'ora di provarla😃 baci

    RispondiElimina
  3. che deliziosa recetta!!baci!

    RispondiElimina
  4. Questa è libidine allo stato puro, altrochè!
    Che uomo fortunato il De Win a potersi permettere una colazione così.....tracotante ;) ;)
    Bacione

    RispondiElimina
  5. Si presenta molto bene e sicuramente mantiene quel che promette!!!
    Baci

    RispondiElimina
  6. Sarà tracotante ma non si può certo dire di no ;) Bacione

    RispondiElimina
  7. Sono molto golosa, e questo dolce mi piace molto, così come i pandistelle al naturale.

    RispondiElimina
  8. che meraviglia questa sbriciolata :P :P

    RispondiElimina
  9. Una cosa troppo golosa...meno male che ci separa uno schermo :-P

    RispondiElimina
  10. Caspiterina....... va fatta, va fatta eccome ^_^
    Bravissima

    RispondiElimina
  11. Mi piace troppo questa idea per riciclare i biscotti. Sto sbavando davanti al PC, sarai responsabile che mio non-lavoro del pomeriggio che passerò a pensare a questa crostata

    RispondiElimina
  12. prossimamente sta' a vedere che i biscotti e la crema gianduia avanzeranno "apposta"! lo dico io che dal riciclo vengono fuori delle chicche strepitose :D un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia! Non vorrei rovinarla....maaaaa.... Già che son qua posso tagliarne una fettina?!?

    RispondiElimina
  14. Wow!! Laura questo è un dolce da assaggiare assolutamente!! :-D

    RispondiElimina

Grazie per essere passati dal mio blog :)