martedì 27 aprile 2010

Crostata di Ricotta al Cioccolato

Crostata di Ricotta al Cioccolato

La ricetta di oggi racconta di una frolla al cacao lavorato con la tecnica del burro a freddo, d'altronde non poteva essere altrimenti essendo un’allieva delle Simili! E, con questa tecnica, i risultati sono decisamente migliori (specie in friabilità) rispetto ad una frolla lavorata con il burro morbido a temperatura ambiente. La punta di lievito è suggerita proprio dalle Simili  per le crostate con crema. Non ho aggiunto altri aromi affinché si potesse percepire nettamente il piacevole contrasto tra il cacao e il burro salato nonché godere di una frolla deliziosamente burrosa.

Crostata di Ricotta al Cioccolato

Ingredienti per la Frolla
80 g zucchero 
180 g farina 00 
1 uovo 
120 g burro morbido a pezzetti 
2 cucchiai di cacao amaro in polvere
una punta di cucchiaino di lievito vanigliato.

Ingredienti per la Farcia
250 g  ricotta
180 g  zucchero
2 uova
5 cucchiai di gocce di cioccolato fondente
 
Procedimento per la frolla
Pasta frolla: Tagliare il burro (freddo!!!) a piccoli pezzi e sfregarlo fra le dita con la farina in modo da formare tanti piccoli fiocchi sfarinati di farina e burro. A questo punto fate una fontana ed inserite tutti gli altri ingredienti, batterli con una forchetta dopodiché iniziate a coprirli con lo sfarinato ed impastate velocemente (meno lavorate la vostra frolla, più sarà perfetta!!!) facendo rotolare la frolla sul tagliere aiutandovi con una spatola. Quando tutta la farina sarà assorbita, fate una palla avvolgetela nella pellicola e fate riposare in frigorifero per almeno un paio d’ore.

Procedimento per la farcia
Nel frattempo prepariamo la farcia: sbattere i tuorli con metà dello zucchero sino ad ottenere un composto spumoso. A parte setacciare la ricotta e sbatterla per bene con l’altra metà dello zucchero. Continuando a sbattere aggiungere il composto di uova e zucchero alla ricotta. Montare a neve ferma gli albumi e aggiungerli delicatamente al composto senza farli smontare. Infine aggiungere al composto le gocce di cioccolato fondente.

Assemblamento
Preriscaldare il forno a 180°. Imburrare ed infarinare uno stampo da crostata di 20/22 cm di diametro. Tirar fuori la pasta frolla dal frigorifero. Prima di tirarla battetela con il matterello per renderla più duttile poi stenderla nello stampo, lasciandone da parte un pezzetto che vi servirà per le strisce, versare la farcia e livellarla. Con la pasta avanzata fate delle strisce e metterle sulla crostata incrociandole tra di loro. Cuocere per circa 35/40 minuti. Servire fredda, meglio il giorno dopo, con una spolverata di zucchero a velo.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

31 commenti:

  1. che crostata!!!davvero sfiziosa e particolare con questo ingredienti segreto! baci Ely

    RispondiElimina
  2. davvero una bellissima chicca :)

    RispondiElimina
  3. mamma la descrizione del burro..... poi ci metti anche una signora torta, farei subito una seconda colazone!! Anche io la frolla la facio col burro a freddo, e con le mani belle fredde. Ciao, buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo questa crostata. Peccato che a me non piaccia impastare a mano, chissà se potrei fare questa pasta frolla nella mia Kenwood? buona giornata e bravissima!

    RispondiElimina
  5. Cara mia, prima ancora che a leggere la ricetta l'acquolina viene leggendone la tua descrizione, che ad ogni parola sembra svelare una piccola nota del mistero. La tua crostata è a dir poco sublime nell'essenzialità dei suoi ingredienti.
    Un bacio grande :X

    RispondiElimina
  6. per golosi come me questa crostata è davvero spettacolare e golosissima e purtroppo quest iniziativa mi è sfuggita perche mi sarebbe piaciuto tanto parteciparvi!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  7. Buono vero? Il primo panetto va via ...come il pane :-D
    Bravissima, proprio golosa la torta "col contrasto": le Simili saranno contente di cotanta allieva :-D

    RispondiElimina
  8. laura cara, ma che mi fai venire pure la voglia di burro?? per fortuna non ho partecipato a questa iniziativa, me ne sarei mangiata due panetti col pane, lo so!! questa crostata è spettacoler!!!

    RispondiElimina
  9. bellissima questa crostata, con pochi e semplici ingredienti genuini. te la copio subito. ciao!

    RispondiElimina
  10. belllissima ciao!!!che impresa venirti a visitare in questi giorni,ma è un appuntamento irrinunciabile..ma che splendori mi produci??non voglio immaginare il profumo sprigionato da questa crostata...paradisiaco a dir poco..sai che pensavo che in italia nessuno producesse il burro salato?io ne ho sentito parlare per la prima volta da deseine trish,su quel libro sul caramello e mi aveva tanto tentato una crema a base di burro salato che non potevo riprodurre proprio per l'ingrediente mancante segreto!ed ora grazie a te e sandra posso risolvere la gravosa mancanza!la foto della fetta è da bava alla bocca.complimenti laura,un dolce fantastico e fantasioso!un abbraccione a tutta la famiglia!giulia toscanaccia

    RispondiElimina
  11. Ciao! ma come si fà per partecipare anche noi? questo particolare burro ci ha davvero incuriosito e lo abbiamo trovato in mille versioni!
    ottima anche la tua crostata!
    un bacione

    RispondiElimina
  12. che golosaaaaaaaaaa!!!!!bravissima!!!

    RispondiElimina
  13. Bellissima questa crostata,davvero golosa!Complimenti.

    RispondiElimina
  14. Io che sono di origini bretoni conosco perfettamente il burro salato, non pensavo si producesse anche in Italia.
    In Bretagna si usa praticamente dappertutto e in accompagnamento di tutto, non ci si siede a tavola senza il panetto del burro salato (forse esageriamo anche!), ma la mia versione preferita è al naturale sul pane tostato per colazione!
    La tua torta dev'essere buonissima peccato non poterla assaggiare!!!!:p
    Bravissima ;)

    RispondiElimina
  15. Grazie di essere passata a trovarmi, mi fa piacere aver incontrato il tuo blog, per il quale ti faccio tanti complimenti.
    Il burro nelle frolle è decisamente l'ingradiente segreto, il fatto di usarlo freddo evita che la parte "liquida" del burro (50% grasso-50% acqua) richieda più farina appesantendo l'impasto, più del necessario. Un'ottima frolla decisamente anche secondo me, ben costruita.
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  16. Questo burro salato ha incuriosito anche me. E l'accoppiata ricotta/cioccolato è una delle mie "debolezze"... Crostata da copiare! Non ho mai messo la puntina di lievito nella frolla per le crostate con crema...proverò anche questo trucchetto. E grazie per la condivisione
    simona

    RispondiElimina
  17. La crostata è davvero bellissima... el’idea che contenga l’ingrediente segreto la rende ancora più magica!!! un bacio

    RispondiElimina
  18. Ammazza che golosa questa torta!! Bravissima

    RispondiElimina
  19. Deliziosa e molto invitante la tua crostata! Complimenti

    RispondiElimina
  20. La tua descrizione del burro è non solo accattivante, ma è talmente invogliante che questo burro lo dobbiamo assolutamente provare, ma prima trovare! Apriamo una parentesi, dici che ti piace il connubio cioccolato-sale, intendevi dire cioccolato da abbinare ad una preparazione salata? Ma tipo cosa? Ne sai una più del diavolo e ci piace perchè tu sei a 360 gradi, sei in grado di realizzare qualsiasi piatto ed hai una fantasia che corre a briglie sciolte!
    Detto questo, hai realizzato un vero capolavoro, guarda anche Luca è in estasi, mi sa che questa volta cercheremo di preparare questo dolce presto presto, magari, tempo permettendo, anche domani stesso. L'idea era quella di fare biscotti ma quanto è bello cambiare idea!
    Buona serata da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  21. un'ottima ricetta per questo burro favoloso:)

    RispondiElimina
  22. Ho usato spesso il burro salato, ma non sapevo ce ne fosse anche di italiano, io ho sempre preso quello danese... Beh, meglio, quando si può usare un prodotto italiano in alternativa a quello straniero lo faccio sempre! La crostata deve essere fantastica: sempre più brava!

    RispondiElimina
  23. Bine te-am gasit!
    Te felicit pentru blogul tau absolut minunat si pe gustul meu!
    Voi reveni cu mare placere!

    RispondiElimina
  24. è meravigliosa!!!!!
    deliziosissima crostata alla ricotta!!!
    adoro la crostata di ricotta!!! con la frolla al cacao nn l'ho mai assaggiata, deve essere squisita!!!
    complimenti!!!

    RispondiElimina
  25. veramente golosa questa crostata, mi piace un sacco!

    RispondiElimina
  26. bhè quella foto della fetta è la quintessenza stessa della golosità!!!
    ho visto questo burro e l'iniziativa delle Fattorie Fiandino in diversi blog, credo che siate stati contattati direttamente da loro vero? piacerebbe molto anche a me provarlo, perchè sono convinta che sia uno degli ingredienti per i quali la qualità è fondamentale e poi la variante salata è sconosciuta al mio palato!
    complimenti Laura per le tue parole, le tue foto e la tua bravura nel mettere insieme tutti gli ingredienti per creare una dolce poesia ... per occhi mente e palato!!!
    baci
    tvb
    dida
    p.s.
    vi aspettiamo a braccia aperte nella nostra cucina e on solo!

    RispondiElimina
  27. Golosissima questa crostata e bella anche la nuova veste grafica! Buona serata

    RispondiElimina
  28. questa crostata deve essere da estasi! io adoro il burro salato! p.s. complimenti per il nuovo "vestitino" del blog!!

    RispondiElimina
  29. ciao..
    per caso mi sono imbattuta nel tuo meraviglio blog e devo dire la verità che questa tua crostata con l'ingrediente segreto mi ha incuriosita tantissimo...
    ti ho iserita tra i blog preferiti che seguo.. spero che passi a darmi un saluto e lasciare un commento..
    un abbraccio forte lia

    RispondiElimina
  30. LAURA bellissima la nuova veste grafica, complimenti!!
    Annamaria

    RispondiElimina
  31. @ Ely grazie!

    @ Mirtilla grazie!

    @ Lucia per le mani belle fredde mi hai dato proprio un validissimo consiglio! Proverò sicuramente!

    @ Tina ma certo che lo puoi fare nel Ken!

    @ Federica eccomi piano piano si torna alla quotidianità… grazie!

    @ Imma è vero questo è un dolce che sul tuo blog starebbe una favola!

    @ Jajo buonissimo!!! E qui non si trova purtroppo!

    @ Dauly questo burro mangiato a crudo è veramente una delizia!

    @ Luxus se la provi fammi sapere :D

    @ Giulia Fattorie Fiandino sono gli unici produttori di burro salato… e che burro|!!! :D

    @ Manuela e Silvia hanno contattato loro i vari blogger chiedendo le adesioni in base all’altro contest fatto da Sandra. I “posti” erano limitati solo i primi 70 blogs che davano l’adesione avrebbero partecipato al contest.

    @ Federica grazie!

    @ Nitte grazie!

    @ Eli in Italia viene prodotto solo da Fattorie Fiandino. Eli a me garba proprio tanto e spalmarlo sul pane tostato salato è semplicemente paradisiaco!

    @ Alessandra grazie per essere venuta qui e per la preziosissima informazione riguardo al burro!

    @ Lalberodellacarambola le Simili insegnano che in quelle crostate il cui ripieno è cremoso la puntina di lievito ci sta bene forse per dare maggior stabilità alla frolla.

    @ Fabiana grazie!

    @ Elga grazie!

    @ Lady Boheme grazie!

    @ Luca e Sabrina io credo che lo possiate trovare nei negozi di “specialità alimentari” quelli che io definisco i “negozi chicca” autentici paradisi dei golosi :D
    Intendevo dire nei dolci a base di cioccolato fondente sentire una punta delicatamente marcata di salato ci sta proprio bene, trovo che il sale esalti il gusto di un buon cioccolato. Se la provate fatemi sapere :D

    @ Terry grazie

    @ Aldarita anche io ho usato sempre quello danese, poi Fattorie Fiandino mi ha fatto conoscere il loro prodotto 100% italiano

    @ Mariana grazie!

    @ Chiara ti dirò che a noi, con la ricotta, la frolla di cioccolato garba più di quella bianca

    @ Speedy grazie!

    @ Dida sì, ci hanno contattato direttamente loro in base al precedente contest di Sandra. La variante salata del burro io l’avevo conosciuta in Inghilterra, ultimamente qui trovo il burro salato danese e scoprire che si produce anche in Italia partendo da un burro di alta qualità è stata una piacevole sorpresa. Vero è che quello di Fattorie Finadino qui da me ancora non si trova.

    @ Italians grazie!

    @ Valeria grazie!

    @ Provare per Gustare grazie mille! Verrò sicuramente a trovarti!!!

    @ Annamaria grazie!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)