venerdì 19 ottobre 2018

Funfetti al Cacao

Funfetti al Cacao

Sciupata è un’espressione napoletana che vuol dire pelle e ossa,
ma anche pallida e deperita in generale.
Si diventa così quando non si ha una mamma in cucina.
(K.Wilson - La moglie americana)

Amiche ditemi che anche da voi succedono certe cose.
Ore 19 si palesa in cucina genio 1 (Junio): "Tra quanto si mangia?"
Io: "Ma hai pranzato alle 15… che domande mi fai?!"
Genio 1 esce di scena…
Alle 19.30 si palesa in cucina genio 2 (l'inossidabile De Win) mi gira intorno e mi chiede: "Tra quanto si mangia?"
A' belli! Ma a voi non serve una mamma o una moglie! Vi serve un distributore automatico di cibo!
#maiunagioia

Junio alla vista di queste pastine mi ha detto “ma lo sai che sembrano le stesse pastine che offre Salieri a Costanze nel film su Mozart?! Sono buonissime! Ora però dovresti farmi anche quella coppa di gelato affogato nella panna montata con cui inizia il film!”
Dubito fortemente che i “capezzoli di Venere”  che offriva Salieri nel film fossero una ricetta del riciclo come invece lo sono i Funfetti (indovinate un po’ chi ha scelto il nome per queste pastine…).
Questi bon bon sono perfetti quando vi avanza della torta che inizia a diventare dura (come il marmo) e, come nel mio caso, avete da finire due vasetti di marmellata aperti da troppo tempo. La ricetta originale arriva da Simona e credetemi se vi dico che qui a casa sono andati a ruba secondo il mantra del “riciclato è più goloso”!

Forse non tutti sanno che… spreco alimentare

giovedì 18 ottobre 2018

Caramelle alle erbe digestive Giuliani



Vita da artisti, chi ci conosce sa che molte volte pranziamo o ceniamo ad orari in cui il resto del mondo o fa merenda o si trova abbracciato a Morfeo. Per me che soffro di problemi digestivi da sempre questi orari così sballati sono fonte di molti problemi. Si sa che la cattiva digestione causa  un malessere generale a livello psicofisico che non ci fa sentire in forma al 100%.
Inoltre chi mi conosce sa che sono golosa e non rinuncio mai ad assaggiare una buona pietanza o a provare un dolce dall’aspetto goloso né tralascio di concedermi un buon bicchiere di vino che in compagnia è d’obbligo.
Però il mio asso nella manica è tenere sempre nella borsetta quella deliziosa confezione metallica di caramelle alle erbe digestive Giuliani. 
Perché deliziosa confezione? Perché mi fa tornare bambina e mi fa ricordare la borsa di nonna. Una borsa da fare invidia a Mary Poppins che conteneva tutto e più di tutto ma soprattutto era una fucina di caramelle per noi nipoti. La borsa magica dove sembrava che queste caramelle non si esaurissero mai e tra variopinti incarti, mou, caramelle al miele, quelle frizzanti e le mentine ecco che ogni tanto appariva anche una scatola tonda metallica contenente caramelle “per grandi” o come diceva nonna caramelle che erano la panacea per tutti i mali, a cui noi bambini non avevamo accesso e pertanto rendevano quella scatolina metallica ricca di mistero.
Ecco per me quella scatolina tonda metallica, dall’aspetto un po’ “retrò” ancora oggi genera una magia tutta particolare fermo restando che ormai sono grande e, siccome sono golosa come il nonno, faccio ampio consumo delle caramelline in essa contenute. Pertanto dopo un pasto un po’ carico oppure ogni volta che ne sento il bisogno prendo una caramella alle erbe digestive Giuliani per aiutare la digestione.
E poi diciamocelo francamente: queste caramelle, preparate con estratti naturali di genziana, rabarbaro e boldo, hanno veramente un buon sapore che mi riporta ai profumi dei boschi e alla freschezza dei prati del “mio” amato Tirolo. Ed è proprio la confezione metallica che garantisce l’ottima conservazione delle caramelle e dei suoi aromi.
Genziana, rabarbaro e boldo sono tre erbe dalle riconosciute proprietà digestive. La genziana stimola la produzione di saliva e degli enzimi digestivi; il rabarbaro stimola la formazione dei succhi gastrici; il boldo invece è un’erba sconosciuta ai più. Eppure viene coltivato sin dall’antichità ed è considerato l’alleato naturale per il benessere del fegato e come la genziana e il rabarbaro ha spiccate proprietà digestive in quanto favorisce la digestione dei grassi.
Per chi fosse a dieta inoltre queste caramelle sono disponibili anche nella versione senza zucchero che è sostituito dall’edulcorante.
Non sono certo caramelle “improvvisate”, visto che nascono dalla lunga esperienza della casa farmaceutica Giuliani, leader in Italia per quanto riguarda la ricerca nel campo gastrointestinale. Ricerca, salute e benessere sono proprio il fulcro attorno al quale ruota tutta l’attività di questa casa farmaceutica, e queste caramelle digestive Giuliani sono una bella conferma della qualità e dell’affidabilità che da oltre un secolo caratterizza la Giuliani Pharma.
Insomma, io le caramelle digestive Giuliani le porto sempre con me, e mi aiutano ad affrontare gli orari folli della vita d’artista!

lunedì 15 ottobre 2018

Pane alla Rucola

Pane alla Rucola

Lo scopo degli assaggi è incuriosire il gusto,
attirare l’attenzione sui singoli ingredienti e sul loro accostamento.
(L. Ottomani - Il condominio degli amori segreti)

Succede a cena
Io: “Com’è la pasta?”
De Win: “Buona!”
Io: “L’ho fatta con una salsina di tonno”
Lui” Sì si sente che è SALMONATA”
Mi devo preoccupare?
… io boh… ma proprio boh…
#maiunagioia

Oggi profumo di pane, perché fare il pane in casa, per me, è pura magia. Movimenti che si susseguono secondo un rituale ben preciso, la consistenza della farina e dell’impasto che si plasma poco a poco tra le vostre mani, il profumo della lievitazione che invade la cucina e poi quello che si sprigiona nella cottura che fa subito casa. Il pane è secondo me il cibo che più di ogni altro è un vero atto d’amore.

Forse non tutti sanno che… rucola