venerdì 13 dicembre 2013

Lussekatter

L'Antro dell'Alchimista di Laura de Vincentis

Il 13 Dicembre non è solamente la giornata più buia e corta dell'anno, ma è anche il giorno in cui si festeggia Santa Lucia. In Svezia e in Norvegia in questa giornata si sfornano i Lussekatter, delle soffici briochine profumate di zafferano e uvetta. 
Tante sono le ricette dei Lussekatter quante sono le famiglie svedesi. Ogni famiglia infatti custodisce gelosamente la propria ricetta tramandandola da generazione a generazione. Solo una cosa hanno in comune tutte queste ricette: il profumo di zafferano che sprigionano queste piccole brioches.

Unica divagazione sul tema, qui l'uvetta sultanina non garba... ho dovuto per forza sostituirla con gocce di cioccolato.

Curiosità: i Lussekatter (ovvero gatti di zafferano) hanno un’origine decisamente inquietante. Nascono nel 1600 in Germania con il nome “gatti del diavolo”. Infatti c’è chi associa il termine “lussi” più a Lucifero che allo zafferano, Non a caso intorno a questi dolci giravano leggende di gatti magici e storie terrificanti. In seguito ci fu poi chi associò i termini Lucifero e Lucia ecco perché molti traducono Lussekatter come “gatti di Santa Lucia”
I Lussekatter, possono essere fatti in diverse forme, ma quella tipica di questa giornata è a forma di “S” rovesciata con due chicchi d’uvetta in corrispondenza delle estremità della lettera, che secondo alcuni starebbero a significare gli occhi della santa, ecco perché questi dolci sono conosciuti anche come “occhi di Santa Lucia”.

Lussekatter
Dal blog Stilenordico

Ingredienti per circa 25 pezzi
500 gr farina 00
25 gr lievito di birra
100 gr zucchero
100 gr burro non salato
400 ml latte
1 gr zafferano
uva passa

Preparazione
Sbriciolate il lievito in un contenitore per impasti.
Sciogliete il burro in una pentola. Unite il latte, mescolate e fate intiepidire (mi raccomando non lo scaldate troppo!). Versate una parte del liquido sopra al  lievito e mescolate fino a che non è totalmente sciolto.
Aggiungere il restante liquido, lo zafferano e lo zucchero. Aggiungete lentamente la farina (usate un setaccio per evitare grumi) fino a che l’impasto non è più appiccicoso e si stacca dai bordi del contenitore. Deve restare comunque morbido.
Fate lievitare per circa 2 ore e mezza. Poi Mettete l’impasto su di un piano da lavoro e lavoratelo un poco per amalgamarlo bene.
Formate delle  palline di circa 4/5 cm di diametro, allungatele (circa 15 cm di lunghezza per mezzo centimetro di spessore) e date loro la forma di “S”
Disponetele su carta forno e mettete nell’incavo di ogni ricciolo della S un chicco di uvetta sultanina per formare gli occhi.  Lasciate lievitare ancora per circa 30 minuti sotto una pezza umida poi spennellate la parte superiore con un uovo sbattuto.
Preriscaldate il forno a 190° e infornate in posizione centrale per circa 10 minuti (devono dorare). Sfornate e lasciare raffreddare sotto una pezza.
Li potete conservare in un sacchetto di plastica o congelarli. Se li congelate metteteli in freezer non  appena si sono raffreddati (non aspettate!). Quando li scalderete saranno come appena sfornati!


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

20 commenti:

  1. Non conoscevo affatto queste brioche, ed è interessante anche tutta la storia che c'è dietro.

    Mi segno la ricetta così l'anno prossimo le provo anche io per Santa Lucia... sai ogni scusa è buona per preparare un buon dolce! :D

    Buon weekend
    Marilù

    RispondiElimina
  2. E' vero oggi è Santa Lucia...il compleanno e l'onomastico della mia cara nonna che non c'è più! Per lei, mantovana, oggi si festeggiava il Natale...
    ottimi dolcetti mia cara, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. il racconto è interessante ed ha un suo fascino, come il luminoso colore di questi piccoli pani.Apprezzo la divagazione uvetta/cioccolato!

    RispondiElimina
  4. Deliziose queste briochine !! Amo di provare le ricette straniere.
    ciao ..buona weekend!

    RispondiElimina
  5. Non ho mai provato un dolce con lo zafferano e questi tuoi mi sembrano davvero invitanti.
    Penso che li proverò anch'io, mettendoci l'uva sultatina come da originale, perchè qui da me piace da matti!
    Grazie per la ricetta di questi dolcetti che non conoscevo :-)
    Ciao

    RispondiElimina
  6. che buone, brava, belle gonfie e morbide

    RispondiElimina
  7. Molto carini da vedere e immagino quanto siano soffici e profumati.
    Da noi Santa Lucia porta i doni ai bambini buoni ;) ma anche a quelli "cattivi" :)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Devono essere molto buoni!! Anche se... non riesco a capire la somiglianza con i felini ;-)

    RispondiElimina
  9. Sono molto belli, c'è anche la versione con il formaggio quark, sono entrambi da provare :)

    RispondiElimina
  10. mmm mi sembrano davvero golose!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Che carini e devono essere deliziosi, da provare. Buona giornata

    RispondiElimina
  12. Questi li fa mia cognata tedesca doc sono buonissimi ma anche in Austria un amica li fa sempre e per me anche in estate perchè li mangi freschi :). Anche con le gocce di cioccolato non sono male.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  13. Non li ho mai provati a fare e nemmeno mai assaggiati ma rimedierò perchè mi "garbano" tantissimo (soprattutto senza uvetta che anche da me non va x la maggiore..)

    RispondiElimina
  14. Ricetta che non conoscevo. Devono essere proprio buoni. Per me va bene sia l'uvetta che il cioccolato. Piace tutto qui! Baci

    RispondiElimina
  15. Buonissimi oltre che di bell'aspetto e mi è piaciuta pure il racconto che non conoscevo. Quante cose sto imparando! Buona serata.

    RispondiElimina
  16. Bellissimi! sono deliziosi e particolarissimi, complimenti, ti sono riusciti davvero splendidi!

    RispondiElimina
  17. Adoro le storie di paura, anche quelle che sono dietro al cibo! e poi, che buoni che devono essere!

    RispondiElimina
  18. Ho letto con moltissimo interesse le tradizioni legate a queste simpatiche briochine, assaggiate recentemente ai mercatini di Natale altoatesini, ma di cui non conoscevo la storia, né la ricetta... che dire, grazie!!!

    RispondiElimina
  19. Avevo letto di questa tradizione e mi ero anche ripromessa di provare a farli questi dolcetti per Santa Lucia, ma il tempo non basta mai... ora mi hai rimesso la voglia...

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)