venerdì 10 aprile 2009

Cantuccini

Cantuccini

Da portare domani ad un pranzo insieme ai Cantucci al Cacao. La ricetta è quella di Stefano Spilli presa dal qui. Solitamente faccio un'altra ricetta, questa volta invece ho voluto provare la tanto decantata ricetta di Stefano con le piccole modifiche apportate da Paoletta. Ottimi, veramente ottimi. 

Cantuccini
dal blog Anice & Cannella ricetta di Stefano Spilli


Ingredienti
450 g di farina 00
350 g di zucchero (mettetelo tutto, o ne va della croccantezza)
2 uova intere
3 tuorli
1 uovo intero per spennellare i biscotti
1 bustina di lievito per dolci (ma ne basta anche un po meno, diciamo 3/4)
50 g di burro fuso tiepido
Scorza grattugiata di un'arancia piccola
un pizzico di sale
250 g di mandorle sgusciate (ma non spellate)

Preparazione
Tostare leggermente le mandorle nel forno caldo. Montare molto bene con le fruste o con lo sbattitore elettrico 2 uova intere e 3 tuorli con lo zucchero (aggiungere un pizzico di sale) finché non diventano bianche; aromatizzare con la scorza d'arancia grattugiata ed aggiungere il burro fuso e tiepido. Continuare a lavorare con le fruste elettriche aggiungendo man mano la farina setacciata precedentemente con il lievito. Questa lavorazione da come risultato dei biscotti più friabili e "fini". Se li preferite più compatti, rovesciate la farina sulla spianatoia e versateci dentro il composto ma non troppo montato. Unire le mandorle e, se necessario, bagnando le mani con acqua fredda (non aggiungete farina) perché il composto è appiccicoso, fare 3/4 filoncini larghi circa 3 dita e spessi 1 e disporli sulla placca del forno ricoperta di carta forno (oppure imburrata e infarinata). Siccome i filoncini cuocendo si allargheranno, potete anche usare l'accorgimento di fare una piega nella carta forno fra un filoncino e l'altro in modo da non correre il rischio che si attacchino fra loro. Spennellarli con l'uovo intero sbattuto e cuocerli in forno caldo 180°/200° per circa mezz'ora. Sono cotti quando sono ben dorati e, toccandoli, si sente che i filoncini sono sodi all'interno. Farli raffreddare un poco (altrimenti è difficile tagliarli perché si spaccano) e tagliarli, magari leggermente di traverso, allo spessore di circa 1,5 cm e ridisporli distesi di fianco sulla placca del forno. Rimetterli in forno a biscottare su due lati, (perché i cantucci sono veri bis-cotti, perché cotti 2 volte!) a circa 100° per circa 10 minuti da una parte e dall'altra, facendo attenzione a non lasciarli dorare dalla parte del taglio altrimenti diventano troppo duri. Anche se questi biscotti DEVONO essere duri, perché sono nati per essere inzuppati nel vino o, meglio ancora, nel Vinsanto o altro passito. Bisogna tenere presente che finché sono caldi la superficie risulta ancora un poco morbida, ma indurisce rapidamente raffreddandosi. Una volta freddi si conservano benissimo in scatole di latta.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

13 commenti:

  1. Buonissimi....!!!!
    Buona cena, e...Buona Pasqua...che sia serena........
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. I cantucci, li adoro!!! Sono così gustosi eppure non annoiano (e questo potrebbe essere il loro unico difetto). Proverò questa ricetta anche se mi sono sempre trovata bene con la mia, magari miglioro. A presto

    RispondiElimina
  3. @ Simo buona Pasqua anche a te

    @ Aldarita anche io avevo la mia di fiducia ma questa mi ha sodisfatto di più :-)

    RispondiElimina
  4. Ciao! quanto ci piacciono...poi, inzuppati nel vin santo... e chi resiste!!
    bravissima!!
    un bacione e Buona Pasqua

    RispondiElimina
  5. I cantucci artigianali ancora non li ho mangiati ma li ho visti fare qua e là per i blog e credo che dovrò proprio provarli!

    Ciaooo e buona Pasqua!
    Aiuolik

    RispondiElimina
  6. Ti sono venuti benissimo! mi segno la tua ricetta, che proverò!
    Tanti Tanti Auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  7. @ Aiuolik ehbè in trattoria non possono mancare i cantucci! :-)

    @ Federica provali vengono davvero bene. Buona Pasqua anche a te

    RispondiElimina
  8. Laura, ti sono venuti perfetti !!
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  9. Buona Pasqua a te e a tutta la tua famiglia.

    I cantucci? Da provare sicuramente.
    Baci

    RispondiElimina
  10. @ Paoletta grazie!!!! E' anche merito tuo!

    @ Monika tanti auguri anche a te

    @ Germana una pasqua serena anche a te e a tutti i tuoi cari

    RispondiElimina
  11. Sono molto belli i tuoi cantucci e la ricetta somiglia molto a quella di Ross di Coquinaria. Al mio compagno piacciono molto perché sono più biscottosi e raffinati di quelli che faccio io con la ricetta di mia madre, che sono una specie di frolla e quindi più rustici.
    Comunque voglio provare anche questi, perché mi incuriosisce l'effetto che può avere il burro in questo impasto, che nelle versioni che conosco io non c'è.

    RispondiElimina
  12. @ Marina questi rimangono più friabili, se li provi fammi sapere cosa ne pensi. Un bacio

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)