lunedì 10 gennaio 2011

Piadina Romagnola

Piadina Romagnola

La piadina in casa nostra ha sempre avuto un posto speciale, una specie di “cibo coccola” e non appena ho trovato qui una valida ricetta di come prepararla in casa, mi sono messa subito all'opera. E che soddisfazione! Una piada speciale! Nel gusto, nella consistenza, nella facilità di preparazione. Quelle avanzate le potete tranquillamente surgelate. Per la farcitura fate voi, noi abbiamo optato per Crudo di Parma e rucola.

Piadina Romagnola

Ingredienti per 4 piadine di circa 20 cm l'una:
(io ne ho fatte 8 da 10 cm l’una)
150 ml di acqua
un pizzico di bicarbonato
500 gr di farina
un pizzico di sale
70 gr di strutto

Preparazione
Versate in una ciotola la farina con il bicarbonato, lo strutto e l’acqua tiepida con il sale. Lavorare l’impasto affinché gli ingredienti siano bene amalgamati poi trasferite il tutto su una spianatoia infarinata ed impastate ancora un po’ fino ad ottenere un impasto sodo. Mettetelo in una ciotola coperta con pellicola e fate riposare per mezz’ora.Dividete l’impasto in 4 palle e stendete con il mattarello fino ad ottenere dei dischi di circa 20/25 cm. (Io ho diviso l’impasto in palle da circa 105 g l’una per un totale di 8 palline). Fate scaldare una padella antiaderente e fate cuocere le piadine per circa un paio di minuti per lato a fuoco vivace. Durante la cottura bucherellate la piadina con la forchetta e se si dovessero formare delle bolle schiacciatele.



N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

15 commenti:

  1. scongela quelle che che hai fatto che io arrivo con il prosciutto!!!!!!!!!!trooooppo buone!!buona settimana!

    RispondiElimina
  2. l'ho magnata giusto ieriiiiiii!!però la tua mi garba di più,credimi!era un pò troppo alta per i miei gusti,era ottima calda calda ma appena fredda: gnec,sotto ai denti!;)eppure l'ho mangiata a faenza!bravaaaaaaa lauraaaaaaaaaaaa!!!!ti abbraccio forte forte,tua giulia-toscanaccia!

    RispondiElimina
  3. Carissima, sono proprio contenta del tuo risultato e soprattutto mi fa piacere che come me tu abbia bellissimi ricordi legati ad una semplice piadina!
    Un abbraccio Sonia

    RispondiElimina
  4. Ehhhh...la piadina è sempre la piadinaaaaa!!!!!
    Che bello spuntino mi farei in questo momento...
    Un abbraccio grande, cara, sei sempre strabrava

    RispondiElimina
  5. Gioia...mi stai inducendo in una tentazione impossibile da trattenere! E ho pure lo strutto in frigo! Un bacione

    RispondiElimina
  6. Cara Laura, auguri anche a te per il nuovo anno, che sia favoloso!
    La piadina io la preparo almeno una volta a settimana, in occasione di qualche cenetta un po' rustica, ma spesso molto più semplicemente la mangiamo al posto del pane. Ovviamente per motivi legati alle mie origini riminesi, la conosco più che bene, fa parte della mia infanzia, adolescenza e ora fa parte anche della mia vita con Luca. Il bicarbonato l'ho sempre usato, ovviamente come dici tu, solo un pizzico. Altre volte nell'impasto aggiungo anche il rosmarino, viene deliziosa.
    Un baciotto
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  7. Io tempo fa ho provato quella di Adrenalina e mi era piaciuta tantissimo, anche perché si prepara veramente in fretta!

    RispondiElimina
  8. Ciao Laura, proverò presto la piadina tua e di Sonia, l'aspetto è molto invitante... per me con Squacquerone, crudo e rucola!

    RispondiElimina
  9. Buonissima la piadina! Io vivo proprio in Romagna , dove nasce la piadina . Lo faccio spesso e a volte al posto del bicarbonato ,metto un pizzico di polvere lievitante per torte salate e pizza.
    ciao ...a presto!

    RispondiElimina
  10. dai! davvero è la prima volta che la fai! ti è venuta perfetta!!!
    io le piade le faccio ad occhio, non mi vengono mai tonde tonde, ma tant'è!
    oltre ai soldi risparmiati, ci si risparmia anche di ingerire un po' di conservanti inutili ;)
    bacio e buon anno!!!

    RispondiElimina
  11. Che bella storia! Ci proverò anche io a farle, visto che in casa sono molto amate e che quelle del super, hai ragione, non sono poi così economiche.... ciaociao!

    RispondiElimina
  12. tesoor a quest'ora questa è una visione celestiale.......immagino che meraviglia deve essere uan piadina fatat in casa e devo dire che le tue sono perfette!!!!!!un bacione grande imma

    RispondiElimina
  13. Eh, spesso le cose più semplici, come la piada, ci entrano nel cuore perchè le gustiamo in momenti speciali... grazie per aver condiviso questi tuoi bei ricordi! La piada fatta in casa dev'essere una squisitezza... Poi io adoro la rucola nella piadina assieme al salume o al formaggio... è la sua morte, ho già fame!!! Non mi resta che provare a farla!! Grandi saluti!!

    RispondiElimina
  14. Noi facciamo spesso le piadine ed ogni volta è una festa! Buona! Ti è venuta benissimo!

    RispondiElimina
  15. ciao!ho provato oggi e sono venute buona ma l'impasto era difficilissimo sia da lavorare che da stendere con il mattarello...il tuo? i miei dubbi sono due: ho usato la manitoba e probabilmente ho sbagliato (la 00 avrebbe assorbito meno acqua e avrebbe reso forse l'impasto più elastico) oppure l'acqua era troppo poca..tu non ne hai aggiunta altra? grazie mille per la risposta
    Monique

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)