lunedì 14 marzo 2016

Pastiera Napoletana

Pastiera Napoletana

E infine l'ultima ricetta di un classico dolce delle feste partenopeo, lei: sua maestà la Pastiera. Forse qui a casa il taglio della pastiera è il momento più atteso in assoluto della colazione del Natale e del pranzo di pasqua.

Pastiera Napoletana

Ingredienti per la pasta frolla per uno ruoto di 24 cm di diametro
250 g farina 00
130 g burro freddo (o sugna)
100 g zucchero
2 tuorli
Un pizzico di sale
Scorza di limone grattugiata

Ingredienti per il ripieno
200 g di grano cotto
300 ml di latte intero
1 cucchiaino di sugna (o burro)
250 g ricotta di pecora
3 uova intere
200 g zucchero
100 g di canditi misti (cedro, arancia, zucca)
Un pizzico di sale
1 fialetta di acqua di fiori d’arancio
1 bustina di vanillina
Zucchero a velo

Preparazione della pasta frolla
Mettete sul tavolo la farina setacciata, tagliate il burro a pezzetti e sfregarlo fra le dita con la farina. Quando avrete ottenuto uno sfarinato, fate una bella fontana in cui metterete zucchero, uova, buccia di limone e un pizzico di sale. Con una forchetta battete questi elementi finché si siano perfettamente amalgamati poi incorporate la farina, lavorando velocemente. Formate una palla, avvolgetela con la pellicola e mettetela in frigorifero per almeno un’ora.

Preparazione del Ripieno
Versate in un tegame il  grano cotto, 200 ml di latte, un cucchiaio di zucchero, un pizzico di sale e la sugna. Amalgamate gli ingredienti e lasciate bollire a fuoco lento per circa 10 minuti. In una terrina stemperate la ricotta con 100 ml di latte. A parte sbattete 3 uova con lo zucchero. Unite a questo composto la ricotta, i canditi, l’aroma di fiori d’arancio, la vanillina e il grano intiepidito. Amalgamate bene gli ingredienti fino ad ottenere un composto che dovrà risultare piuttosto liquido.

Assemblaggio
Imburrate (potete usare anche la sugna) ed infarinate bene il ruoto, rivestirlo con la pasta frolla, foderando anche il bordo e tenendone da parte un pezzetto per le strisce. Versate al centro il composto, terminate con delle strisce di pasta a formare una griglia. Infornare a forno già caldo 170° per circa 1.30 o fino a quando la superficie non avrà assunto un bel colore dorato. Fate raffreddare a forno spento aperto. Una volta che le pastiera è completamente fredda cospargerla di zucchero a velo.

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

16 commenti:

  1. che buona è venuta, l'anno prossimo proverò la tua ricetta!

    RispondiElimina
  2. ..........sono svenuta!!trooooooppoooo buonaaaaaaaa!baci!

    RispondiElimina
  3. L'ho mangiata una volta sola ma ancora ne ricordo il sapore meraviglioso.... Che buona!!!! Baci

    RispondiElimina
  4. io continuerei imperterrita a mangiarla per tutto l'anno la pastiera, buona!!!

    RispondiElimina
  5. Impazzisco per la pastiera , voglio una fetta!

    RispondiElimina
  6. Che goduriaaaaaaa! Ma perchè limitarla solo a Pasqua, mica posso aspettare la prossima visto che il treno per questa l'ho perso! Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  7. La pastiera... AH! Sospirone, ho appena finito quella di pasqua e ancora ne ho voglia! :)
    Buon weekend

    RispondiElimina
  8. UUUuuuuuu ma è perfetta, non l'ho mai preparata io..ma quest'anno un'amica di mia mamma ci ha regalato una pastiera preparata da lei.. è stato subito amore :P
    aahahah anche la tua non scherza! baci

    RispondiElimina
  9. La pastiera è un dolce che a Roma non è diffusissimo, si vede nelle pasticcerie ma è la colomba e la pizza di Terni a farla da padrone: l'anno scorso ci ho provato, a farla, e devo dire che, nonostante un pizzico di difficoltà, è davvero un dolce fantastico, di molta soddisfazione: quest'anno non so se lo rifarò, più che altro per ragioni di dieta!












    RispondiElimina
  10. io quest'anno mi sono limitata, ne ho fatte solo 4!

    RispondiElimina
  11. Sempre buona, anche durante l'anno e a dire il vero a me viene più voglia dopo Pasqua!
    Bacioni e buona Pasqua

    RispondiElimina
  12. Ecco qua un'altra di quelle ricette che prima o poi devo assolutamente provare a fare. Non è nella tradizione pasquale della mia regione, ma un assaggio alla pastiera napoletana non si rifiuta mai.
    Ti faccio tantissimi Auguri di Buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  13. la pastiera mi riporta alle mie vacanze a casa della zia di mio padre a salerno, quanti bei ricordi, che buona !

    RispondiElimina
  14. Tantissimi auguri di buona Pasqua a te e ai tuoi cari.
    Marina

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)