martedì 1 gennaio 2008

La Famiglia De Vincentis nel 21° Secolo

 

 Lo Stemma è cosi blasonato:
"D'argento e di rosso allo scaglione rovesciato d'azzurro caricato di cinque stelle d'oro ed accompagnato in capo da una fiamma al naturale."
Nella simbologia araldica lo scaglione rappresenta lo sperone dei Cavalieri, le stelle azioni magnanime, la fiamma purezza e splendore di natali. Per i colori l'azzurro indica fermezza, il rosso spargimento di sangue in battaglia. 

Famiglia di origine reatina.
  Considera Capostipite Petruccio, Gonfaloniere (carica Nobile) nel 1436.
  Dei suoi figli Giovanni compì missioni a Roma nel 1466 e Bartolomeo donò somme al Monte di Pietà, il figlio di questi, Battista, trattò la pace tra il   Signore di Piediluco e la città.
  Fu padre di Mariano, Gonfaloniere nel 1506, ma molti altri nomi emergono: il Nobile Domenico, Pietro dotto teologo, Uditore di Camera, Ippolito Nunzio a Madrid, Livio medico ecc.
  Fregiata del titolo Comitale, fu ammessa al patriziato di Rieti fin da tempo antico. 

... e la storia prosegue ...
 
Del ramo trapiantato in terra di Cioceria, a Frosinone, Giovanni figlio di Pietro, dié vita nel 1932 ad Armando, funzionario dello Stato e valente artista, il quale ha avuto due figli, tra cui Marco (primogenito) distintosi nelle Arti e nella Musica. Musicista, e funzionario dello Stato, agli albori del XXI secolo, Marco si trasferisce in Toscana con la sua compagna Laura, e qui nel 2003 nasce a Montepulciano il suo primogenito, Marco Junio.  Con Marco Junio nasce quindi il ramo toscano della famiglia. Marco e Laura si sposano il 5 agosto 2006.
 
La famiglia De VINCENTIS
Laura, Marco Junio e Marco

2 commenti:

  1. mi inchino, a cotanta nobiltà... che l'albero continui rigoglioso la sua vita.
    ciao

    RispondiElimina
  2. PREMIO INTERNAZIONALE ENOGASTRONOMICO
    GIOACHINO ROSSINI GOURMET
    IL MESSICO VINCE LA PRIMA EDIZIONE


    Con il “Filetto alla Rossini Evolution” abbinato al rosso Cardinal Bonaccorso di Santa Cassella, l’Instituto Culinario de Mexico con sede a Puebla ha vinto la I edizione del Premio Internazionale Enogastronomico “Gioachino Rossini Gourmet”, organizzato a Loreto dall’I.I.S. Einstein-Nebbia, unitamente all’Università degli Studi di Macerata (patrocinio del Comune di Loreto, Provincia di Ancona, Regione Marche, Banca Popolare di Ancona).
    Al 2° posto si è classificato il Turisticko-ugostiteljska Skola di Spalato con il piatto “Rhythm of taste” abbinato al Rosso Conero di Moroder; al 3° posto l’ICUM di Monterrey con il piatto “Vinci sgrassi de-construction”, abbinato al Rosso Piceno dei Conti degli Azzoni.
    Dodici gli istituti ammessi al concorso, provenienti –oltre che dall’Italia (Venezia, Torino e Margherita di Savoia)- da Francia (Parigi e Guyancourt), Croazia (Zagabria e Spalato), Turchia (Izmir), Messico (Puebla e Monterrey) e Repubblica Ceca (Znojmo).Sono stati chiamati a rivisitare con creatività e fantasia i piatti tipici marchigiani, utilizzando esclusivamente prodotti tipici locali e curando l’abbinamento con vini d’eccellenza regionali.
    La giuria era composta da Gian Luigi Corinto (direttore del Master universitario “Cultura e marketing dell’enogastronomia e dell’ospitalità”); Otello Renzi (presidente regionale Associazione Italiana Sommeliers), Gualberto Compagnucci (campione italiano Sommeliers), Ottaviano Pellini (presidente Associazione Cuochi Macerata), e dallo chef Paolo Piaggesi .
    La manifestazione si propone di promuovere le Marche nel mondo, sotto il profilo culturale ed enogastronomico: il Premio intende stimolare la ricerca, l’attenzione e lo studio del territorio regionale attraverso la partecipazioni di enti formatori (università ed istituti professionali) nel settore della ristorazione e dell’accoglienza, e l’interscambio tra alunni e docenti italiani e stranieri, al fine di condividere e confrontare differenti esperienze e metodologie di lavoro.
    In particolare, scopo del Premio è l’analisi, lo studio e la ricerca -sotto il profilo storico, musicale ed enogastronomico- sulla figura di Gioachino Rossini, cui la giornalista pesarese Paola Cecchini ha dedicato il libro “In cucina con Rossini” che sorprende il Musicista nella veste di buongustaio, anfitrione e gourmet.
    http://www.gioacchinorossinigourmet.org
    http://www.ecoculturaitamex.net/


    Paola Cecchini
    paola.cecchini@libero.it

    RispondiElimina

I commenti anonimi verranno automaticamente eliminati