domenica 14 novembre 2010

Sher Berinj

Sher Berinj

Una ricetta fatta appositamente per l'evento "Aperitivo con Autore", una serie di appuntamenti mensili dove vengono presentati scrittori e i loro rispettivi romanzi, con reading e accompagnamento musicale. All'interno di questo evento è cura dell'Antro preparare un piccolo presente, in genere un dolce, che abbia un filo conduttore con la trama del libro.

Nell'incontro di Sabato 6 Novembre si presentava il libro di Fabio Geda "Nel mare ci sono i coccodrilli. Storia vera di Enaiatollah Akbari". Non so quanti di voi abbiano già letto questo libro, ma un mio consiglio spassionato è quello di inserirlo nella vostra lista dei libri da leggere, E’ un libro che graffia l’anima  e lascerà un segno indelebile nel vostro cuore.
Se nasci in Afghanistan, nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, può capitare che, anche se sei un bambino alto come una capra, e uno dei migliori a giocare a Buzul-bazi, qualcuno reclami la tua vita. Tuo padre è morto lavorando per un ricco signore, il carico del camion che guidava è andato perduto e tu dovresti esserne il risarcimento. Ecco perché quando bussano alla porta corri a nasconderti. Ma ora stai diventando troppo grande per la buca che tua madre ha scavato vicino alle patate. Così, un giorno, lei ti dice che dovete fare un viaggio. Ti accompagna in Pakistan, ti accarezza i capelli, ti fa promettere che diventerai un uomo per bene e ti lascia solo. Da questo tragico atto di amore hanno inizio la prematura vita adulta di Enaiatollah Akbari e l’incredibile viaggio che lo porterà in Italia passando per l’Iran, la Turchia e la Grecia. Un’odissea che lo ha messo in contatto con la miseria e la nobiltà degli uomini, e che, nonostante tutto, non è riuscita a fargli perdere l’ironia né a cancellargli dal volto il suo formidabile sorriso. Enaiatollah ha infine trovato un posto dove fermarsi e avere la sua età. Questa è la sua storia.
Enaiatollah è un dolcissimo ragazzo di 21 anni che ho avuto il grande piacere di incontrare proprio in occasione di questo evento  e proprio per lui ho preparato questi dolci tipici della tradizione afghana. Sher Berinj è un budino di riso aromatizzato all’acqua di rose che solitamente, nella tradizione afghana, chiude i banchetti.

Sher Berinj 
Ingredienti
150 g di riso basmati
1 litro di latte fresco intero
90 g di zucchero
130 g di uvetta sultanina fatta rinvenire in acqua calda
Un pizzico di cannella
Acqua di rose (o in alternativa di vaniglia)
Pistacchi (non salati!) tritati

Preparazione
Lavare per bene il riso, farlo asciugare completamente e polverizzare grossolanamente i chicchi. Fare bollire per 15 minuti circa il latte. Aggiungere il riso e portare a cottura, sino a raggiungere una densità cremosa. Aggiungere lo zucchero, l’uvetta sultanina e un pizzico di cannella. Mescolare bene. Levare dal fuoco e aromatizzare con acqua di rose (o vaniglia). Cospargere di pistacchi tritati. Si può servire sia caldo che freddo.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

7 commenti:

  1. Ciao Laura, che buono questo dolce al cucchiaio!! Lo sai che a Ferrara c'è una torta "antica" (la facevano sempre i miei nonni) con quasi gli stessi ingredienti di queste coppette?? Le cose semplici e "di una volta" spesso sono le più buone. Una domanda: dove trovi tu i pistacchi non salati? Consigli? Perchè io li ho sempre cercati ma purtroppo li ho sempre trovati salati... buona domenica!!! Silvia

    RispondiElimina
  2. Che bel post Laura, e che buon dolce gluten free, hai preparato!

    RispondiElimina
  3. Mi hai regalato un meraviglioso momento riportando questo passo che ho trovato molto intenso. nonostante non sia per letture "esotiche" di certo inserirò questo libro tra quelli da leggere a breve!
    piacere di averti in qualche modo conosciuto!
    Vero

    RispondiElimina
  4. Che bella storia di vita!!il libro da leggere sicuramente e questi budini di riso,deliziosi

    RispondiElimina
  5. che bella sta ricetta!!! io adoro il riso basmati, la proverò dunque ma sostituendo l'acqua di rose con la vaniglia perchè non amo l'aroma di rose nei cibi...
    buona domenica sera Laura a tutti voi
    un abbraccio forte
    dida

    RispondiElimina
  6. Il libro l'ho fatto leggere a mio figlio, gli servirà per aprire gli occhi su questo mondo infame che però può essere cambiato! Un racconto terrificante e meraviglioso!
    Che bella ricetta hai preparato per questo evento!
    Mi ha commossa... chissà se Enaiatollah l'aveva mai mangiato nella sua terra...
    baci

    RispondiElimina
  7. @ Silvia molto interessante quel dolce ferrarese! Hai la ricetta! Io i pistacchi non salati li trovo da Pam, alla Coop e stanno sullo scaffale con la frutta secca. mentre quelli salati stanno nello scaffale degli snack.

    @ Fantasie questo lo puoi provare anche tu! :-x

    @ Vero grazie per il tuo commento e benvenuto sull'Antro!!!

    @ Mari e Fiorella grazie!

    @ Dida provalo, vedrai che gusto delicato, piacerà sicuramente!

    @ Ginestra anche io l'ho letto a Marco e non vedva l'ora di incontrare Enaiatollah. Il dolce sicuramente lo conosce, chissà come l'avrà trovato.

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)