giovedì 24 febbraio 2011

Torta di Semolino e Ricotta

Torta di Semolino e Ricotta

Una ricetta che arriva dal numero di Febbraio di Cucina Italiana. Ultimamente sto in fissa con i dolci a base di semolino, li trovo morbidi e deliziosi con quel colore giallo intenso che scalda il cuore e quella crosticina in superficie che tanto ricorda la “pannuccia” del latte (Pannuccia: lessico familiare che indica quella pellicina che forma il latte quando bolle, pellicina di cui sono sempre stata ghiotta!). Una ricetta deliziosa che sa di buone merende di una volta.

Torta di Ricotta e Semolino
dalla rivista: La Cucina Italiana - Febbraio 2011

Ingredienti
600 g latte
250 g ricotta
150 g zucchero
120 g semolino
20 g pistacchi
2 uova piccole
Mezzo baccello di vaniglia
Buccia di limone

Preparazione
Portate a bollore il latte con lo zucchero, la vaniglia e 3 pezzi di buccia di limone (solo la parte gialla, per evitare che rilasci sapore nel latte). Unite il semolino a pioggia, mescolate velocemente per non formare grumi e lasciate cuocere, sempre mescolando, per 5’, quindi eliminate il limone e la vaniglia. Versatelo in una ciotola, amalgamatevi prima la ricotta e poi le uova la ricotta abbasserà la temperatura del semolino impedendo alle uova di “cuocere”. Rivestite di carta da forno una tortiera, a bordi bassi, di cm 22 di diametro, poi versatevi il semolino, livellatelo bene e infornatelo a 170° per 25 minuti. Sfornare la torta, lasciatela intiepidire, quindi toglietela dallo stampo e servitela tiepida, accompagnata dai pistacchi tritati grossolanamente.

Note dell’Antro:
  • La ricotta non è sufficiente ad abbassare la temperatura dell’impasto, pertanto fatelo intiepidire bene prima di aggiungere le uova altrimenti  le cuocete.
  • Anche se usate la carta forno per rivestire la tortiera abbiate l’accortezza di imburrarla e cospargerla di pangrattato altrimenti il dolce rimanendo umido si attaccherà e si sformerà (anche se freddo) a fatica, rompendosi sui bordi.
  • 170° per 25 minuti a me non sono assolutamente bastati, ho dovuto cuocere per circa 50 minuti. Sino a che non si formerà la crosticina dorata non sfornate il dolce altrimenti l’interno risulterà liquido.
  • Non ho utilizzato i pistacchi tritati (che secondo me c’entrano poco) bensì ho spolverizzato il dolce con zucchero a velo.

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

20 commenti:

  1. L'aspetto è favoloso..!! e sicuramente sarà anche buono...,ma sai che non ho mai usato il semolino!..devo provarci, mi incuriosisce!!..

    ciao Morena

    RispondiElimina
  2. sembrano usciti da una pasticceria questi golosi trancetti!!complimenti!
    secondo te potrebbe andare bene uno yogurt greco al posto della ricotta??grazie!!!!!!!!!ciao!

    RispondiElimina
  3. questa torta mi ricorda uno di pochi dolci che faceva mia Nonna..me la segno!

    RispondiElimina
  4. quanto amo le monoporzioni! e questi tortini al semolino e ricotta sembrano soffici e golosi! bellissime foto!

    RispondiElimina
  5. buoni questi quadrottini! ingredienti morbidi e meravigliosi!!! baci

    RispondiElimina
  6. Anche a me piace usare il semolino nei dolci! Mi salvo questa versione ricottosa...
    Baci e grazie Laura!

    RispondiElimina
  7. Trovo anch'io splendidi i dolci di semolino e a dire il vero anche quelli con la ricotta o al formaggio... questi trancetti sono spettacolari... Baci. Deborah

    RispondiElimina
  8. Scippo immediatamente questa ricetta straordinaria Laura! In cambio ti suggerisco di passare da me a dare un'occhiata alle mie tortine con il semolino, ti piaceranno !Un bacione...

    http://chiara-lavogliamatta.blogspot.com/search/label/semolino

    RispondiElimina
  9. Mi ispira da morire questo dolce, mi ricorda tanto il migliaccio dolce di carnevale. E tagliato così a cubotti fa davvero una gran bella figura. Grazie per le dritte sulla cottura, in effetti 25 minuti per un dolce con al ricotta mi sembrano pochini!!! Ma che forni avranno quelli che pubblicano le ricette sulle riviste?!?!?!?
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. La torta di semolino mi riporta all'infanzia, in Francia è un dolce casalingo molto comune!
    Di solito ci metto le uvette, questa versione con ricotta la devo proprio provare!

    Si hai ragione è impensabile che si cuocia in soli 25 minuti! ;)

    RispondiElimina
  11. buonissimo!!e che carine le monoporzioni!!!

    RispondiElimina
  12. MI PIACE QUESTA RICETTA.....E OTTIME LE DRITTE CHE CI HAI DATO....

    RispondiElimina
  13. Si mangiano con gli occhi!!! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  14. Anche a me piacciono molto i dolci con il semolino! Ricetta salvata !
    ciao ...buon fine settimana!

    RispondiElimina
  15. Anche io adoro le torte con il semolino, mi sembra di ritornare bambina! Questa ha un aspetto delizioso! Bacioni

    RispondiElimina
  16. Laura è strepitosa! mai usato il somolino per fare i dolci, ma la tua torta è tamlmente belle che è impossibile non segnarla...grazie per i suggerimenti felice weekend luisa

    RispondiElimina
  17. ciao cercavo un dolce che mi coccolasse e girovacando son arrivata qui .. mi copio e realizzo questo dolcino e poi mi sono aggiunta tra i vostri sostenitori ..
    se vuoi passare a far una visita sei la ben venuta..
    lia

    RispondiElimina
  18. Appena messa in forno...speriamo venga bene! I tuoi quadrotti sembrano deliziosi! :)

    RispondiElimina
  19. Giulia fammi sapere come ti sembra :)

    RispondiElimina
  20. Effettivamente 25 minuti di cottura sarebbero stati pochi per qualsiasi forno ^_^
    Ma alla fine il risultato è quello che conta e il tuo è un risultato strabiliante. I pistacchi io ce li metterei ovunque, e li avrei apprezzati anche qui, ma io sono un caso patologico ^_^
    Un abbraccio.

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)