mercoledì 7 maggio 2014

Corona di Pane alle Erbe Aromatiche con Farina di Kamut e Farina Integrale

Corona di Pane alle Erbe Aromatiche con Farina di Kamut e Farina Integrale

Di questo pane già ne parlo qui. Nella ricetta che vi posto oggi ho sostituito la farina 00 con della farina di Kamut e ho variato le erbe aromatiche. Ho sfornato un pane soffice e profumatissimo che sicuramente vi farà fare la vostra bella figura se lo servite in una cena come antipasto accompagnato da un bel piatto di freschi e morbidi salumi, o con una bella insalata estiva meglio se solo di foglie miste.  Se siete interessati alla farina di Kamut ne parlo ampiamente qui.

Forse non tutti sanno che... Lemon grass
Il lemon grass, conosciuto anche come citronella, è una pianta aromatica originaria dell’India e dell’Asia a clima tropicale e fu diffusa in occidente grazie ai soldati di Alessandro Magno. La forma della pianta è molto simile a quella dell’erba cipollina anche se le foglie presentano un bulbo bianco finale che fa ricordare il porro. Quest’erba quando viene spezzata e strofinata tra le mani emana un forte odore di limone (da qui il nome lemon grass o citronella).
Le foglie di lemon grass sono anche utilizzate per preparare tisane utili in caso di disturbi digestivi o del sonno. Una tisana di lemon grass è una valida alternativa alla tazza di caffè mattutina, soprattutto d’estate, per un risveglio fresco e dissetante. Dal lemon grass si ricava anche un olio essenziale ampiamente usato nella medicina popolare orientale e nella cosmetologia.
In cucina, il lemon grass regala ai piatti un sapore fresco, agrumato e aromatico. E’ molto utilizzato nella cucina indiana, tailandese, malese, vietnamita e indonesiana. Da qualche tempo, però, si sta diffondendo velocemente anche nella cucina europea, americana e australiana. Il suo gusto caratteristico si sposa perfettamente con l’aglio, lo zenzero, il coriandolo e il peperoncino ed esalta preparazioni come le zuppe agro-piccanti di pesce, le minestre, le verdure, le carni, le marinate e anche la frutta fresca.

Corona di Pane alle Erbe Aromatiche
con Farina di Kamut e Farina Integrale
dal libro "Pane e Roba Dolce" delle Sorelli Simili


Ingredienti per uno stampo ad anello del diametro di 26 cm

500 g farina di kamut
150 g farina integrale
370 g acqua
50 g lievito madre attivo essiccato
2 cucchiai d’olio
2 cucchiaini di sale
1 spicchio d’aglio tritato
2 cucchiai di basilico fresco spezzettato
1 cucchiaio rosmarino tritato
1 cucchiaio di Erbe Aromatiche di Provenza
1 cucchiaio di Salvia Tritata
1 cucchiaio di Lemon grass
1 cucchiaio di Erba Cipollina

Preparazione
Con la macchina del pane: mettete tutti gli ingredienti nel cestello (prima i liquidi, poi le farine, poi le erbe aromatiche infine il sale) e avviare il programma impasto e lievitazione che dura 1 ora e 30 minuti. Senza aprire lo sportello fate proseguire la lievitazione per ulteriori 40 minuti.
Impasto tradizionale: mettete in una ciotola metà acqua e il lievito e fatelo fondere. Aggiungete una parte di farina poi unite le erbe aromatiche, il sale e l’olio. Battete fino a quando la farina sarà stata assorbita, poi sempre battendo unite la rimanente farina e il resto dell’acqua. L’impasto deve essere tenero ma non appiccicoso. mettete l’impasto sul tavolo, lavorate e battete finché sarà vellutato. Mettete in una ciotola unta d’olio, coprite e fate lievitare circa 1 ora e mezza.
Rovesciate l’impasto sul tavolo, lavoratelo brevemente e fate un filone. Mettetelo in uno stampo ad anello di 26 cm leggermente unto (altrimenti, come ho fatto io, potete fare due filoni più piccini), fissate le punte fra loro formando un anello. Praticate dei tagli con le forbici e fate lievitare, coperto in luogo tiepido, per 45-50 minuti, la cupola del pane deve uscire dal bordo dello stampo. Molto delicatamente pennellate con acqua, mettete in forno già caldo a 200° per 20 minuti, abbassate il forno a 180° e cuocete ancora 15 minuti. Se invece fate forme più piccine regolatevi così: 10 minuti a 200° e 15 minuti a 180°. Una volta cotto, levatelo dallo stampo, appoggiatelo sulla grata del forno e lasciatelo asciugare a forno spento per altri 10 minuti.

Pillole di Enologia: la cantina ideale per il vino
La perfetta conservazione delle qualità di un vino è legata a diversi fattori: la luce, la temperatura, l’umidità relativa, le vibrazioni e gli odori presenti nella cantina.
La cantina ideale deve avere una temperatura compresa tra gli 11 e i 15 °C. La temperatura deve essere costante perché nulla rovina il vino come dei repentini sbalzi termici.
La cantina, meglio se esposta a nord, dovrebbe essere sotterranea, a 4-5m sotto il livello del pianterreno, costruita con pareti in mattoni o pietre e meglio ancora se c’è la possibilità di scavarla nella roccia.
Il pavimento deve garantire un’adeguata umidità pertanto si consiglia di farlo in strati di ciottoli e ghiaia compattata da terriccio e mattoni nella parte superficiale.
L’umidità relativa dell’ambiente deve aggirarsi intorno al 65-70%.
Una cura particolare va data all’illuminazione. Il vino non ama la luce diretta. Pertanto si consiglia di utilizzare lampade al sodio o schermate, di bassa potenza. Una luce al neon o altra luce forte guasterebbero notevolmente il vino.
Nella cantina dove viene tenuto il vino è inoltre sconsigliabile tenere alimenti con profumi e sapori intensi e penetranti (come salumi e formaggi) poiché questi passerebbero attraverso il tappo di sughero rovinando la qualità del vino.
Caldaie e bruciatori non devono essere installati nella cantina del vino vuoi perché comprometterebbero la temperatura ottimale dell’ambiente, vuoi perché emetterebbero vibrazioni dannose. Il vino vuole silenzio, pertanto nella cantina sono da evitare in modo più assoluto ogni genere di rumori e vibrazioni moleste.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

18 commenti:

  1. E' davvero uno spettacolo! Non ho parole!
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  2. O_O che meraviglia questa corona di pane!! :P

    RispondiElimina
  3. Mi hai dato una bella idea, sicuramente ottimo se servito come antipasto assieme ai salumi!!!! Copio subito

    RispondiElimina
  4. I pani con le erbe aromatiche mi ispirano tantissimo.. mi catapultano nei profumi e nei sapori della vera campagna!!

    RispondiElimina
  5. è un pane sicuramente da provare,il primo piano che sei riuscita a fare è fantastico, complimenti

    RispondiElimina
  6. lo vedrei bene con dei salumi toscani e del pecorino di Pienza, che goduria! Che dici laura,ho ragione ? Se poi ci mettiamo vicino un calice,anche due) di buon vino Nobile di Montepulciano......

    RispondiElimina
  7. Ottimo il pane al kamut! E' anche ben presentato

    RispondiElimina
  8. Bravissima Laura, sai quanto mi piace il pane, il tuo è davvero delizioso. Un bacio

    RispondiElimina
  9. interessante sia nel gusto che nella forma io il tuo pane lo vedrei bene anche come centrotavola

    RispondiElimina
  10. un pane che è un piacere guardarlo e lo sarò ancora di più mangiarlo.

    RispondiElimina
  11. E' veramente molto bello il tuo pane, profumatissimo e si vede benissimo anche la morbidezza!!!!
    complimenti :-)
    un abbraccio ^__^

    RispondiElimina
  12. la bellezza di questo pane invoglia proprio all'assaggio!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. Spettacolare!!!! Complimenti

    RispondiElimina
  14. bella e buona;)
    un bacio

    RispondiElimina
  15. E' una spettacolo la tua corona di pane alle erbe , immagino il suo sapore e il suo profumo, favoloso. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  16. Pane che a casa mia finirebbe in un ora !

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)