lunedì 23 luglio 2018

Gnocchi di Ricotta con Sugo di Pomodori, Piselli e Basilico

Gnocchi di Ricotta con Sugo di Pomodori, Piselli e Basilico

“La tua mente dovrebbe essere come una stanza con molte finestre.
Permetti alla brezza di entrare da ogni direzione,
ma senza mai lasciarti trascinare da una parte o dall’altra”
(M. Gandhi)
 
Uscendo con il De Win.
Lui: "Ma quanto sei pallida oggi! Sei sicura di stare bene?! Hai le occhiaie e le labbra pallidissime" poi mi si avvicina mi guarda bene e aggiunge "Ahhhhhh ma è quel rossetto che hai messo che ti fa sembrare una morta affogata! Ma è un effetto voluto???"
Io boh... ma proprio boh...
#maiunagioia
 
L’inossidabile De Win è un purista in materia di gnocchi, lui vede e comprende solo quelli di patate. Invece io sono un topo, adoro smisuratamente i formaggi e la ricotta poi non ne parliamo. Insomma giovedì scorso gli ho messo davanti questo favoloso primo piatto. All’inizio ha storto il naso, poi dopo avere fatto ripetuti assaggi si è palesato così: “Buoni. La consistenza è tutto quando si parla di gnocchi, e qui siamo in un caso da manuale. Tanto di cappello anche per il sapore delicato ma sentito. Bene, brava... bis!” … ma in realtà lui se n’era già servito 3 e dico 3 piatti!!!

Forse non tutti sanno che… perché si dice giovedì gnocchi?
Giovedì gnocchi è uno dei modi di dire più conosciuti quando si parla di cibo e giorni della settimana. La frase completa in realtà coinvolge anche i giorni immediatamente successivi; infatti il proverbio, diffuso principalmente nella Capitale e nelle zone immediatamente circostanti, recita: “giovedì gnocchi, venerdì pesce e sabato trippa”.  Sembrerebbe che la nascita di questa frase risalga all’immediato dopoguerra: un promemoria legato alla necessità di riempire i piatti a tavola con pochi soldi e con quello che offriva il mercato. In quegli anni infatti, un po’ perché nei mercati i generi alimentari scarseggiavano, un po’ perché in certi giorni bisognava rispettare le regole religiose di osservare il digiuno o comunque l’astensione dal consumo della carne, bisognava esercitare al meglio l’antica arte di arrangiarsi. Dunque il giovedì, giorno precedente il venerdì di magro, si diffuse l’abitudine di mangiare un piatto calorico, nutriente e dal grande potere saziante come gli gnocchi. tratto da Agrodolce
 
Gnocchi di Ricotta con Sugo di Pomodori, Piselli e Basilico
 
Ingredienti
Per gli gnocchi
500 g di ricotta
1 uovo
1 cucchiaio di parmigiano
1 cucchiaino di sale
300 g di farina
Un pizzico di noce moscata
 
Per il sugo
1 piccolo scalogno tritato
500 gr polpa di pomodoro a pezzettoni
Una manciata di piselli surgelati
Qualche foglia di basilico tritata
Olio extravergine d’oliva
Un pizzico di zucchero
Sale & Pepe
 
Inoltre
Parmigiano grattugiato
 
Preparazione
Per il sugo: Versare un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva in una tegame capiente e aggiungere lo scalogno tritato.
Fare soffriggere e aggiungere la polpa di pomodoro a pezzettoni, un pizzico di zucchero e il sale.
Mescolare per qualche minuto, poi abbassare la fiamma al minimo.
Aggiungere i piselli e proseguire la cottura per 15/20 minuti.
Terminata la cottura profumare con il basilico tritato e un pizzico di pepe.

Per gli gnocchi: Versare la ricotta in una ciotola e mescolarla con una forchetta per ammorbidirla.
Aggiungere l’uovo, il parmigiano, la noce moscata, il sale e iniziare a mescolare.
Quando il composto è omogeneo iniziare a incorporare la farina una manciata alla volta.
Quando l’impasto si fa più solido impastare con le mani sul piano di lavoro fino ad usare tutta la farina.
Terminata la farina continuare a lavorare ancora un po’ fino a quando l’impasto risulterà elastico e omogeneo.
Con un mattarello stendere una sfoglia di 2 cm di spessore.
Con un coltello tagliare la sfoglia in tante strisce spesse 2 cm circa.
Prendere ognuna delle strisce e arrotolarla leggermente con le mani sul piano di lavoro.
Con un coltello tagliare gli gnocchi cercando di ottenere la stessa misura.
In una pentola capiente mettere abbondante acqua salata, quando raggiungerà il bollore versare gli gnocchi.
Quando vengono a galla scolarli delicatamente, con una schiumarola, e versarli nel tegame con il sugo.
Per amalgamarli al sugo senza romperli usare due cucchiai, ma dalla parte del manico!
Servire cosparsi di parmigiano grattugiato.
 
Note: come suggerisce Benedetta questi gnocchi sono ottimi conditi con il pesto oppure con una delicata salsa di formaggi e io aggiungo che ce li vedo benissimo anche con una salsa tartufata
 
----------------------------------------------
 
Ti garbano gli GNOCCHI?
(Lo so che è estate e fa caldo, ma gli gnocchi sono un archetipo ancestrale!)
Allora sbircia in questa raccolta…

GNOCCHI
GNOCCHI

 
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

16 commenti:

  1. no ma dai.... che ti dicono? giraglieli in testa gli gnocchi... ahahha goduriosi cara mia, da fare anche la scarpetta!

    RispondiElimina
  2. Ottimi, adoro fare i gnocchi e pure mangiarli..... corro a sbirciare la raccolta, grazie cara!!

    RispondiElimina
  3. Adoro leggere i racconti di vita quotidiana, sono sempre simpaticissimi ^_^ Ed adoro le tue ricette, complimenti questo primo piatto è divino, ci credo che tuo marito se ne sia spazzolati ben tre "assaggi"...

    RispondiElimina
  4. Adoro gli gnocchi e, come te, mi piace sperimentare.
    Quelli che prediligo sono...guarda un po'....quelli alla ricotta!
    Un abbraccio cara, questi tuoi me li gusto con gli occhi...e che bello è stato sentirti!Sei proprio genuina come ti immaginavo <3

    RispondiElimina
  5. Buoni,é da tanto che non mangio gnocchi e questa preparazione sembra anche adatta alla stagione,felice giornata

    RispondiElimina
  6. Ed io continuo a sbavare solo a guardare ste delizie...uffa!
    Complimenti

    RispondiElimina
  7. Che piatto goloso!!! Adoro gli gnocchi e i prossimi che farò saranno questi!!! Sempre una garanzia le tue ricette, un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. mamma mia che piatto invitante!! :P :P

    RispondiElimina
  9. sai già quanto li amo vero? senza che ti dica per centesima volta che la ricotta mi fa impazzire!!! mmmmm ma perchè tu mi metti sempre voglia di tutto a tutte le ore??? :D

    RispondiElimina
  10. Gli gnocchi alla ricotta li adoro. Anche io sono un topolino: adoro troppo i formaggi.
    Purtroppo ora mi tocca cercarli delattosati e devo privarmi di tante buone cose.

    RispondiElimina
  11. Ecco confesso che gli gnocchi di ricotta non li ho mai preparati, ma mi hanno sempre incuriosito quindi mi devo decidere a provarli. Il tuo suggerimento per condirli mi ispira un sacco!

    RispondiElimina
  12. E tu gli fai pure gli gnocchi? Io glieli avrei tirati dietro crudi, uno a uno ahahahahh. Ottimo piatto, anche io sono un topino, come te e adoro tutti i formaggi, ricotta in testa. Brava

    RispondiElimina
  13. Adoro follemente gli gnocchi di ricotta :-P mi hai fatto venire un'acquolina che nemmeno immagini :-P

    RispondiElimina
  14. che buono questo piatto!!!! Fa venire voglia di cucinare persino con questo caldo ^_^

    RispondiElimina
  15. Gli gnocchi di ricotta sono davvero strepitosi! Però 3 piatti mi lascia senza parole. Ma quanto cucini di solito? Un bacione anzi tanti altrimenti come ti tiro su....

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)