lunedì 13 aprile 2015

Lasagne alla Crema di Pesto e Ricotta con Scagliette di Mandorle Tostate

Lasagne alla Crema di Pesto e Ricotta con Scagliette di Mandorle Tostate

Con l’arrivo dei primi caldi si desiderano ricette che profumano d’estate. Proprio come queste lasagne profumate al pesto che sono un’ottima alternativa alla classica lasagna emiliana.
Il procedimento è semplicissimo rispetto alla lasagne tradizionali e, se usate le sfoglie pronte, diventa anche molto veloce e in meno di un’ora potete portare a tavola un piatto goloso e decisamente sostanzioso. Queste lasagne sono ottime servite tiepide pertanto le potete preparare anche per una scampagnata.

Curiosità: le lasagne sono un piatto dalla storia antichissima: vengono citate da Apicio (25 a.c.-37 d.c.) nel suo famoso De Re Coquinaria “lagane (strisce di pasta sottile simili alla nostra sfoglia) intervallate con strati di carne nobile”.
La Repubblica di Genova, nel 1100, le considerava un cibo da marinai e nella cambusa non mancavano mai, già pronte solamente da riscaldare. E si sa che le lasagne riscaldate sono sempre buonissime.
Ad oggi invece le lasagne sono un cibo “gourmet” che rientra nei pasti della domenica degli astronauti italiani mandati nello spazio.
 
Lasagne alla Crema di Pesto e Ricotta 
con Scagliette di Mandorle Tostate
 
Ingredienti per 4 persone
300 gr di lasagne all’uovo
 
Per la crema di pesto e ricotta
sbattere insieme sino ad ottenere una salsina omogenea e abbastanza liquida
250 g di ricotta
300 g di pesto
500 ml di besciamella
 
Inoltre 
150 gr scamorza affumicata
100 gr grana grattugiato
3 cucchiai di scagliette di mandorle tostate
qualche fiocco di burro
 
Preparazione
Preriscaldare il forno a 180°. Ridurre la scamorza a dadini. Spalmare sul fondo di una teglia rettangolare un po’ di crema di pesto. Posizionare il primo strato di lasagne, ricoprirle con uno strato di crema al pesto, qualche dadino di provola, una spolverata di grana e qualche scaglietta di mandorla tostata. Coprire il tutto con il secondo strato di lasagne e con la farcia ripetete lo stesso procedimento. Continuare così sino all’esaurimento delle lasagne. Sull’ultimo strato mettete solo la crema di pesto, il grana e qualche fiocchetto di burro. Infornare in forno caldo già 180° per circa 30 minuti; per finire passare qualche minuto al grill per formare la crosticina.
 

Abbinamento consigliato
Il piatto odierno presenta una buona struttura e spicca per grassezza, tendenza dolce, aromaticità, sapidità e untuosità. In abbinamento propongo un Colli di Luni Vermentino, è proprio in questa terra ligure a stretto contatto con la Toscana che troviamo la miglior espressione del vermentino. Un vino che si presenta con un bel colore giallo paglierino, al naso ha profumi intensi, fruttati, floreali e mediterranei (si percepisce molto bene il basilico e il timo); al palato si presenta di buona struttura e morbidezza, secco, fresco e sapido di buona persistenza con finale leggermente ammandorlato.
 
 
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

11 commenti:

  1. a quest'ora ho già la bavetta alla bocca già solo a guardare questa foto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Wow! Vengo a cena da te! Un bacio

    RispondiElimina
  3. una lasagna decisamente squisita, la foto rende giustizia. Bravissima!!!

    RispondiElimina
  4. questo è di una golosità unica !

    RispondiElimina
  5. Che lasagna!!!!!!!
    Complimenti, mette appetito :)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  6. Laura, adoro il pesto, nella lasagna poi....mmmmm!!!!
    Da delirio...........
    Buona giornata, un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Io credo che le farò, e per un'occasione speciale di condivisione ^_^

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia , assolutamente da provare le tue lasagne. Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  9. E dopo averla condivisa su FB, sono venuta a vedere la ricetta di persona... buonissima! La rifarò!
    Bacioni!

    RispondiElimina
  10. Che succulento primo Laura...complimenti!

    RispondiElimina
  11. Ma che "signora" lasagna... secondo me la classica versione emiliana ci sfigura al confronto... :-)

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)