lunedì 22 gennaio 2018

Ciambellone alla Panna e Vaniglia Bourbon

Ciambellone alla Panna e Vaniglia Bourbon

Succede prendendo il caffè pomeridiano:
Io: “Mé scusa, ma perché non assaggi la ciambella panna e vaniglia che ho fatto per la colazione di Junio? E’ sofficissima e profumata sai?”
Lui: “Perché a me i dolci bianchi non garbano! Io volevo il ciambellone marmorizzato con il cioccolato”
Io “Va beh… ma assaggiala, se poi la vuoi al cioccolato ci puoi spalmare sopra della Nutella!”
Lui: “Ah beh certo! Con la Nutella spalmata diventerebbe buona pure la ciabatta del tu’ figliolo!”
#maiunagioia
 
Comunque il ciambellone odierno è veramente un tripudio di golosità, ok lo so, sono di parte, adoro i ciambelloni, quelli alti, alti e soffici, soffici che profumano di cose buone e semplici di una volta, i classici dolci della nonna, quelli cotti nella “Petronilla” sul fornello a gas, quelli che riscaldavano la casa, nei freddi pomeriggi invernali, solamente con il loro profumo che si spandeva per tutte le stanze.
 
Forse non tutti sanno che… Vaniglia Bourbon
La pianta della vaniglia è originaria del Messico: gli Aztechi la chiamavano tlilxochitl. La raccoglievano dalla foresta e la utilizzavano per aromatizzare la loro bevanda xocoatl a base di cacao. I conquistatori spagnoli la introdussero in Europa attorno al 1520.
Tuttavia i tentativi iniziali di far produrre frutti alla pianta di vaniglia fuori dal Messico fallirono per mancanza di un animale impollinatore (api Melipona e forse un tipo di colibrì) . Il fiore è fecondabile un solo giorno e la sua forma rende particolarmente ardua l’impollinazione.
Fu solo nel 1836 che il naturalista belga Charles Morren riuscì a fecondare artificialmente il fiore. La coltivazione su larga scala fuori dal Messico tuttavia iniziò solamente nel 1841 quando nell’isola dell’oceano indiano di Réunion, chiamata all’epoca Bourbon, uno schiavo di nome Edmond inventò il metodo utilizzato ancora oggi per impollinare il fiore, utilizzando un bastoncino di bambù. I francesi ben presto iniziarono a produrre vaniglia oltre che nell’isola di Réunion anche nelle isole Comore e in Madagascar. La vaniglia che proviene da quelle regioni ancora oggi si chiama “vaniglia bourbon”. tratto da Scienza in Cucina
 
Ciambellone alla Panna e Vaniglia Bourbon
 
Ingredienti
300 gr farina 00
200 gr zucchero
3 uova grandi
2 gr vaniglia Bourbon (pari a una bustina)
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito vanigliato
100 ml olio di girasole
200 ml panna per dolci
 
Inoltre
Granella di zucchero
Zucchero a velo vanigliato
 
Preparazione
In una terrina sbattete le uova con zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Unite un po’ alla volta la farina setacciata con il lievito, il sale e la vaniglia alternando con la panna e l’olio. Dovrete ottenere un impasto liscio e omogeneo
Versate l’impasto bianco in uno stampo a ciambella (o nella Petronilla) del diametro di 24/26 cm ben imburrato ed infarinato e livellare. Spolverare la superficie con granella di zucchero e cuocere.
Per chi utilizza il Fornetto Versilia: mettete il rompi fuoco del fornetto sulla fiamma più piccola e scaldarlo bene. Appoggiare sopra il fornetto, cuocere 5 minuti a fiamma alta e ulteriori 50/60 minuti a fiamma bassa (fate la prova stecchino).
Per chi utilizza il forno normale: cuocete in forno già caldo 180°C statico (170° ventilato) per 40/45 minuti (fate la prova stecchino).
Una volta cotta, sformare la ciambella, farla raffreddare e cospargerla di zucchero a velo vanigliato.
 
----------------------------------------------
 
Ti garbano i CIAMBELLONI?
Allora sbircia in questa raccolta...

CIAMBELLONI
CIAMBELLONI

  
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

12 commenti:

  1. il fornetto Versilia è da qualche parte, ma dove?....mah, ancora sto cercando oggetti da quando ho traslocato...Lo farò in forno perchè i ciambelloni sono la mia passione !

    RispondiElimina
  2. grazie per la ricetta, è una vita che non preparo un buon ciambellone! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. Come te anche io amo i classici ciambelloni alti e soffici e devo dire che il tuo è venuto una meraviglia!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  4. Una delizia, ho un debole per i ciambelloni.

    RispondiElimina
  5. Non mi sono ancora decisa a comperarlo, devo provvedere al più presto.
    Fantastico questo ciambellone, da farci una mega colazione :)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  6. Una soffice nuvola questa ciambella!!!!

    RispondiElimina
  7. délicieux gâteau je t'en prendrai une tranche pour accompagner ma tasse de café
    bonne soirée

    RispondiElimina
  8. Ha un aspetto davvero soffice e goloso, poi io adoro l'aroma della vaniglia.
    Grazie per la ricetta!
    Un abbraccio
    Sy
    Inartesy

    RispondiElimina
  9. I tuoi mini racconti familiari mi fanno sempre ridere e il tuo ciambellone mi fa venir voglia di affondarci immediatamente i denti, che meraviglia! Ciao ciao.

    RispondiElimina
  10. meraviglioso!! sento il profumo di buono, di casa....anch'io uso il fornetto Versilia e quindi ti copio questa deliziosa ricetta!!

    RispondiElimina
  11. Il tè è pronto, ci vorrebbe questo ciambellone! Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Adoro questi dolci semplici ma buonissimi!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;) I commenti con link pubblicitari verranno segnalati come spam.