martedì 26 marzo 2019

Pappa col Pomodoro

Pappa col Pomodoro

… qualche riga su cui riflettere …
“Il vero piacere della minestra non sta nel mangiarla,
ma nel prepararla e nella sua lunga anticipazione acuita dagli aromi.
Dalla magia”
(S.Agnello Hornby e M.R.Lazzati, La cucina del buon gusto)

Marito vs. lavastoviglie
Io: “Ma perché non hai messo la tazza in lavastoviglie? La stavo facendo partire… … …”
Lui: “Ah sì? Credevo che non partisse a causa dello sciopero…”
… ecco … io boh…
#maiunagioia

Dopo una carrellata di dolci degli ultimi post, prendiamoci una pausa salata. Il riciclo del pane secco crea zuppe favolose (almeno qui in Toscana). La pappa col pomodoro è la mia preferita e non solo mia anche dell’adolescente e dell’inossidabile De Win perché alla fine ti ricorda il pane e sugo che qui a casa è sempre la merenda più ambita. La pappa al pomodoro non è necessariamente una zuppa invernale perché servita a temperatura ambiente è perfetta da proporre anche durante una cena estiva e se viene servita in piccole ciotoline monoporzioni è perfetta per un aperitivo o un apericena.

Forse non tutti sanno che… pappa col pomodoro
Assaporare una cucchiaiata di una qualsiasi zuppa toscana è come immergersi nella realtà contadina di tanti anni fa, una realtà povera ma dignitosa. Infatti con pochi ingredienti della dispensa e in base alla disponibilità dell’orto, la massaia riusciva a creare delle minestre ricche di gusto, dove i sapori dei singoli ingredienti si esaltavano vicendevolmente.
Uno degli ingredienti principali delle zuppe toscane è il pane raffermo, quello bigio cotto nei forni a legna. Una volta non si buttava via niente, soprattutto il pane e le massaie erano abilissime nel creare piatti ghiotti secondo la nobile arte del riciclo.
Ecco così nasce anche nasce la pappa col pomodoro, una zuppa tipicamente toscana, tradizionale del senese e dalle modeste origini contadine. Un piatto semplicissimo ma eccezionale.
Non esiste “la” ricetta per eccellenza perché ogni paese, ogni famiglia, ogni massaia ha la sua particolare variante.
Ma quattro sono gli elementi imprescindibili di questa zuppa:
  • Ci vuole il pane toscano dalla crosta croccante, dalla mollica morbida, senza sale (sciocco) e raffermo.
  • Poi serve l’olio bòno, quello extravergine d’oliva toscano
  • E infine protagonisti, insieme al pane sciocco, sono i pomodori “bombolini”. Quelli che secondo il gastronomo toscano Giovanni Righi Parenti si mettevano appesi alle cappe dei camini di campagna così da risultare leggermente appassiti e quindi più concentrati.
  • E a condire il tutto serve un buon brodo vegetale, aglio e basilico.
La preparazione della pappa con il pomodoro era, per le massaie, un vero rito e secondo la tradizione la zuppa era pronta da portare in tavola quando il sugo insieme al pane formava i “sette veli”, cioè formava per sette volte una sottile pellicina in superficie.
Inutile aggiungere che questa zuppa è stata resa famosa grazie al libro di Vamba, Il giornalino di Gian Burrasca, idolo della letteratura per ragazzi, nei primi anni del ‘900, dove in una famosa scena il protagonista si ribella al vitto del collegio chiedendo a gran voce la pappa col pomodoro al posto della solita minestra di riso.
E negli anni '60 ancor più trionfo è stata data a questa zuppa grazie alla canzone di Rita Pavone, protagonista appunto della trasposizione televisiva del libro di Vamba.

Pappa col Pomodoro

Ingredienti per 4/5 persone
200 gr pane casereccio toscano raffermo tagliato a pezzi
600 gr di pomodori bombolini (oppure 500 gr di polpa di pomodori rustica a pezzettoni)
40 ml olio extravergine d’oliva
1 cipollotto
1 spicchio d’aglio
700 ml brodo vegetale un po’ insipido
Qualche foglia di basilico tritato
Sale q.b.
Pepe nero q.b.

Preparazione
Lava i pomodori, incidili a croce sul fondo con un coltello ben appuntito e immergili in acqua bollente per circa un minuto. Levali dall’acqua, leva la pelle e schiacciali grossolanamente con i rebbi di una forchetta sino ad ottenere una polpa rustica a pezzetti.
In una ciotola bagna il pane con 400 ml di brodo vegetale caldo e schiaccialo con l’aiuto di una forchetta.
In un tegame di coccio dai bordi alti fai rosolare nell’olio il cipollotto e l’aglio tritati finissimi.
Aggiungi la polpa di pomodori, il basilico, regola di sale, pepe e fai cuocere per circa 10 minuti.
Aggiungi il pane e continua la cottura a fuoco moderato per circa 20/30 minuti fino a ottenere una pappa morbida e densa.
Mescola spesso con un cucchiaio di legno e aggiungi altro brodo se la pappa dovesse addensarsi troppo perdendo la sua caratteristica morbidezza.
A fine cottura se necessario regola di sale.
Servi la pappa col pomodoro tiepida o a temperatura ambiente con un filo di olio extravergine d’oliva messo a crudo, una spolverata di pepe nero e una foglia di basilico.

Preparazione con il Bimby
Lava i pomodori, incidili a croce sul fondo con un coltello ben appuntito e immergili in acqua bollente per circa un minuto. Levali dall’acqua, leva la pelle e schiacciali grossolanamente con i rebbi di una forchetta sino ad ottenere una polpa rustica a pezzetti.
In una ciotola bagna il pane con 400 ml di brodo vegetale caldo e schiaccialo con l’aiuto di una forchetta.
Metti nel boccale l’olio, la cipolla e l’aglio tritati e soffriggi 3 minuti, 100°, vel 1
Aggiungi la polpa di pomodori, il basilico, regola di sale e pepe e cuoci 6 min, 100° vel 1
Aggiungi il pane ammollato (senza strizzarlo!), due mestoli di brodo e cuocere 13 min, 100°, vel. 1
A cottura terminata dai 4 secondi di velocità 4/5 per raggiungere la densità desiderata.
Servi la pappa col pomodoro tiepida o a temperatura ambiente con un filo di olio extravergine d’oliva messo a crudo, una spolverata di pepe nero e una foglia di basilico.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

25 commenti:

  1. Fantastica, mi fai tornare bambina, quanto mi piace!!!!

    RispondiElimina
  2. Che buona!!!!!
    Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  3. Che dire se non "W la Pappa Pappa col Popopopopopomodoro!" :)
    Meravigliosa, Laura!
    Baci!
    MG

    RispondiElimina
  4. Dire che è buonissima è poco, questa è quasi un'istituzione e merita veramente tutto l'onore che le fai con questo bellissimo post. Ciao :-)

    RispondiElimina
  5. Sai che non l'ho mai mangiata? sono proprio curiosa..

    RispondiElimina
  6. Quanti ricordi delle vacanze in toscana fatte diversi anni fa, la adoro!
    Un bacione cara

    RispondiElimina
  7. Quella originale non l'ho mai mangiata, deve essere veramente fantastica e tu ci hai aggiunto il valore della tradizione!!!
    Baci

    RispondiElimina
  8. ahahha lo sciopero! mi hai fatto sorridere!!! anche io bisticcio con il mio compagno perchè mi lascia sempre le tazze nel lavandino o sul tavolo anzichè in lavastoviglie!! sono tutti uguali sti uomini eh!!
    questa pappa al pomodoro dev'essere deliziosa!!

    RispondiElimina
  9. verissimo,condivido,un piatto eccellente,questi toscani ne sanno una più del diavolo e tu non sei da meno,un bacio

    RispondiElimina
  10. Sempre gradita in tutte le stagioni. Troppo forte tuo marito :)

    RispondiElimina
  11. Un piatto strepitoso ....e non aggiungo altro! Buona serata a tutti voi splendidi De Win!!!

    RispondiElimina
  12. Una delle ricette toscane fra le più buone, ne mangerei subito anche ora.

    RispondiElimina
  13. Sempre sentito parlare di questa ricetta, ma mai mangiata. Deve essere buonissima, segno la ricetta. Un bacione

    RispondiElimina
  14. Je ne connais pas du tout mais serai curieuse d'y goûter.
    A bientôt

    RispondiElimina
  15. Pensa che io spesso faccio seccare il pane per poterla preparare :-)

    RispondiElimina
  16. Ullalà che delizia! Un piatto che mi piace tantissimo. Il libro dell'Agnello Hornby l'ho letto e mi è piaciuto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. sai che non l'ho mai fatta? mi chiedo il perchè!! e sì che di pane secco che gira per casa ne ho sempre a bizzeffe! segno va! ;-)

    RispondiElimina
  18. Queste ricette della tradizione toscana sono sempre molto apprezzate, pochi ingredienti semplici che combinati insieme regalano emozioni e ricordi. Bravissima!

    RispondiElimina
  19. Troppo pomodoro per me non riuscirei a digerire peccato perchè mi piace. Buona fine settimana. Bacio

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Sai che non ho mai provato a fare questa ricetta, anche se io amo il pomodoro *_+

    RispondiElimina
  22. Molto buona, qualche volta l'ho fatta ma nella stagione dei pomodori, ora li compro ma non sanno di nulla. Per ora godo solo la tua, ha un aspetto invitante ! Claudia

    RispondiElimina
  23. Mamma mia quanto adoro la pappa al pomodoro! L'ho mangiata a Firenze per la prima volta, durante una fredda giornata in un posticino adorabile e l'ho amata! Potrei farne incetta, la tua sembra proprio quella :D

    RispondiElimina
  24. Viva la pappa al pomodoro! Sai che non l'ho mai fatta? Mi hai fatto venire voglia di provarla!

    RispondiElimina

I commenti ANONIMI e quelli della suocera NON verranno pubblicati ;) Grazie per essere passati dal mio blog :)