mercoledì 1 febbraio 2012

Amor Polenta

Amor Polenta

Per quanto possiate avere la cucina più attrezzata del mondo vi mancherà sempre qualcosa. Per esempio io ho scoperto che tra le decine e decine di stampi mi manca proprio quello per preparare Amor Polenta. Questo è un dolce che non facevo da almeno 8 anni, ieri invece complice la neve e un pacco di polenta sul bancone (nevica, pertanto polenta e salsicce è un rito!) mi è venuta voglia di preparare questa torta  delicatissima, friabilissima e profumata di mandorle, che racconta di cose buone di una volta e crea subito quella voglia di casa, di tepore domestico, di una tazza di tè caldo guardando la neve che cade.

Amor Polenta

Ingredienti
40 g farina di mandorle
120 g zucchero
120 g burro morbido
80 g farina di granturco finissima tipo “fioretto”
70 g farina bianca 00
3 uova
Mezza bustina lievito vanigliato per dolci
2 cucchiai di latte
qualche goccia di essenza di mandorle amara
25 ml Maraschino
1 pizzico di sale per gli albumi

Preparazione
Preriscaldare il forno a 180°. Montare a neve ben ferma gli albumi con un pizzico di sale. Montare sino ad avere un composto spumoso i tuorli con lo zucchero. Aggiungere il burro ammorbidito e continuare a montare. Incorporare le mandorle. Setacciare ed incorporare le farine e il lievito, mescolare sempre con le fruste. Aggiungere il latte, il Maraschino e l’essenza di mandorle. Infine incorporare delicatamente i 4 albumi montati a neve ben ferma mescolando col cucchiaio di legno dal basso verso l’alto. Imburrare e infarinare uno stampo da amor polenta e cuocere a 180° per circa 40’. Far raffreddare e sformare in un piatto da portata, spolverare con zucchero a velo.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

20 commenti:

  1. beh, dai anche se non hai lo stampo adatto...ti è riuscito ugualmente strabene!
    E' un dolce di origini lombarde che io adoro letteralmente.

    RispondiElimina
  2. deve essere buonissima...la segno! così quando posso la provo!

    RispondiElimina
  3. All'amor polenta ci pensavo l'altro giorno guardando un pacchetto di farina gialla finissima ormai vicino alla scadenza. Poi scartabellando qua e la mi sono accorta di aver perso la ricetta.
    Poco male, mi son detta, sicuramente qualche amica blogger l'ha pubblicata...mi hai letto nel pensiero? ihihihihihih!
    Nemmeno io ho lo stampo scannellato tipico di questo dolce, non importa! quel che conta è la sostanza!!

    RispondiElimina
  4. meravigliosa storia! great recipe

    RispondiElimina
  5. Manca anche a me quello stampo...ma vedo che anche tu, pur non avendolo, hai sfornato un capolavoro! Quindi non mi resta che provare a rifarlo! Bellissima ricetta! Bacione

    RispondiElimina
  6. Laura guarda stampo o no, questa torta è da fare!la copio!!!!^_^

    RispondiElimina
  7. La testeremmo subito questo amore di polenta, oggi che siamo tutti a casa stiamo infornando anche noi, siamo usciti per prendere un paio di cose che ci mancavano, anche se pensavamo di avere tutto e adesso siamo al calduccio. In settimana proveremo a fare il tuo dolce, non lo conoscevamo mica!
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia... Io non ho lo stampo ma neanche lo stuzzichino test me meraviglioso ...

    RispondiElimina
  9. spesso ho letto questa ricetta sui libri di cucina, sembra buonissima!

    RispondiElimina
  10. Davvero interessante questa torta, mi piace molto...la segno e anche se non ho neanche io lo stampo in qualche modo mi arrangerò...ciao.

    RispondiElimina
  11. Anche io nell'ultima ricetta ho usato la farina di Mais, trovo che dia un risultato gustoso e particolare!

    bellissima questa cake

    RispondiElimina
  12. Ho sentito spesso parlare di questa torta , ma ancora non l'ho mai realizzato. La tya è fantastica , segno subito la ricetta. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  13. Stampo o non stampo carissima Laura, hai realizzato uno dei dolci maggiormente apprezzato nella mia famiglia d'origine!! Delizioso e semplice come piace a me!

    RispondiElimina
  14. Non ho neanche io lo stampo, a parte questo il dolce deve essere una delizia.

    RispondiElimina
  15. Non ho neanch'io lo stampo, a parte questo il dolce deve essere una delizia.

    RispondiElimina
  16. Credo che è squisito! Devo provarlo! Complimenti Laura!! Buona giornata e un abbraccione! :)

    RispondiElimina
  17. non l'ho mai fatto ma adoro tutti i dolci con la farina di mais quindi, prima devo procurarmi pure io lo stampo, poi ci provo, ogni scusa è buona per comprare una caccavella :)

    RispondiElimina
  18. Sarà sicuramente buonissimo con un sapore particolare!

    RispondiElimina
  19. Beh, stampo a parte, il cake è fantastico.Un bacio

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)