mercoledì 13 febbraio 2013

Ciambelle di Patate al Profumo di Limone

Ciambelle di Patate al Profumo di Limone

Oggi sono partita convinta di postare la ricetta delle cipolle fritte. Qui a casa la friggitrice funziona solo la settimana di carnevale, ma in quella settimana diciamo che recupera abbondantemente l’anno di inattività.
Però sull’ultimo numero di Sale & Pepe c’era una ricetta che mi intrigava assai e ogni volta che l’occhio mi cadeva sulla copertina mi ripromettevo di prepararla, insomma o la facevo oggi o passavo il turno al prossimo anno. Sto parlando delle Ciambelle di Patate al Profumo di Limone. Ma quanto sono soffici! che delizia! E mentre scrivo questo post aleggia ancora quel profumo di fritto per la cucina che come dice Junio fa tanto “carnevale”. Marco invece più terra terra ha proposto di “glassare” le ciambelle con la Nutella e… mordendone una ha aggiunto “ma guarda che bella ALVEOLATURA!!!” che dire… degno marito di una food blogger!

Come spiegato nella rivista "le ciambelle di patate risalgono alla festa ebraica di Channukkah, in cui si mangiano cibi fritti in ricordo del miracolo del perdurare dell'olio: durante la festa per la liberazione del Tempio di Gerusalemme dal dominio straniero nel 164 a.C., il candelabro continuò miracolosamente a Bruciare per 8 giorni benché l'olio fosse sufficiente per uno solo".

Ciambelle di Patate al Profumo di Limone
dalla rivista Sale & Pepe, Febbraio 2013

Ingredienti
450 g di patate bianche farinose meglio se vecchie
2 uova
100 g farina
50 g zucchero semolato
1 limone non trattato
Un pizzico di sale
Olio di arachidi per friggere
Zucchero a velo

Preparazione
Lavate le patate sfregandole bene con una spazzola, trasferitele in una pentola con acqua fredda e lessatele per circa 30 minuti dall’inizio dell’ebollizione o fino a quando risultano cotte e morbide. Scolatele, pelatele e schiacciatele con uno schiacciapatate. Fatele intiepidire e impastatele rapidamente con la scorza grattugiata e un cucchiaino del succo di limone, la farina, le uova, lo zucchero e un pizzico di sale. Formate tanti cordoncini di circa 1,5 cm di spessore, tagliateli a tronchetti di una dozzina di centimetri e chiudeteli a ciambella. Friggete le ciambelle in abbondante olio ben caldo fino a che risultano dorate, scolatele su carta da fritti e servitele spolverizzate di zucchero a velo.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

21 commenti:

  1. Ahah, grandissimo tuo marito!! :D Chissà che soddisfazione quando ha parlato di 'alveolatura'.. complimenti per queste ciambelline profumatissime! Te ne ruberei volentieri qualcuna, visto che..qui non hanno fatto un fico secco! :) Un bacione, cara.

    RispondiElimina
  2. che belle!! le segno verrà il momento di farle!!! ^_^

    RispondiElimina
  3. mamma mia,per queste varrebbe davvero la pena interrompere dieta e pigrizia, sembrano deliziose!!!!

    RispondiElimina
  4. hanno un aspetto che par dire: mangiami!
    La friggitrice sarà sicuramente una delle mie prossime spese...io odio il puzzo di fritto in casa!

    RispondiElimina
  5. li vizi sempre , fortunati ! Fin qui non arrivano purtroppo!

    RispondiElimina
  6. Un colore bellissimo e chissà quanto sono buone queste ciambelle, le adoro. Bacio.

    RispondiElimina
  7. Mamma mia che buoneee, posso averne una anch'io?...non oso neanche a pensare al profumino di limone....una vera delizia, complimenti!
    Bacioni

    RispondiElimina
  8. le frittelle di patate sono sempre ottime, qualsiasi ricetta si usi!!! Le tue sono molto belle Laura, per non parlare di tutti gli altri fritti che vedo qui sotto ;)))

    RispondiElimina
  9. Le ciambelle con l'impasto di patate sono troppo buone!

    RispondiElimina
  10. Alla faccia delle cipolle fritte (che sono da impazzire, ci andiamo matti tutti e tre, piccola compresa), diciamo che in questo momento troviamo molto ma molto meglio queste ciambelline, che per giunta profumano anche al limone......ce ne spedisci un cestino?
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. chhissà che buone!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Una vera delizia, brava Laura! Un bacio

    RispondiElimina
  13. sono ipnotizzanti ! Un bacione e buona domenica !

    RispondiElimina
  14. Che buone ! Favolose le tu ciambelle . Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  15. Che buone ! Favolose le tue ciambelle . Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  16. Be, visto che tra poco è di nuovo carnevale....me le sono segnate anch'io!!!
    Baci

    RispondiElimina
  17. Un aspetto a dir poco meraviglioso!!!

    RispondiElimina
  18. Meravigliosi!!! Sono stupita dell'alveolatura senza l'uso del lievito. Ma ho capito bene? Sono senza lievito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì confermo senza lievito :) sono le patat che creano sofficità :)

      Elimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)