lunedì 18 aprile 2016

Maccheroni ai Quattro Formaggi

Maccheroni ai Quattro Formaggi
Maccheroni ai quattro formaggi di Ristorante da Franco 

La pasta ai quattro formaggi è tra le preferite di Junio. L’ha scoperta qui, nel ristorante di un nostro amico. Ottimo ristorante italiano in uno dei luoghi più belli della Baviera.
Io vi ho proposto la ricetta così come garba a Junio, ma questa preparazione si presta a svariate combinazioni di formaggi a seconda dei vostri gusti. E’ un piatto di pasta che sazia molto pertanto potrebbe essere proposto anche come piatto unico, accompagnato magari da un contorno leggero fresco che sgrassa il palato
Attenzione perché i formaggi tendono a rapprendersi velocemente pertanto non indugiate troppo nel servire questo piatto. Proprio per questo motivo il passaggio in forno serve a garantire una maggior fusione dei formaggi insieme alla pasta.
Questa è anche un'ottima ricetta del riciclo poichè vi permetterà di utilizzare i vari rimasugli di formaggi presenti in frigorifero.

Forse non tutti sanno che…
L’acqua di cottura della pasta deve essere molto abbondante. Circa 1 litro per ogni 100 gr di pasta. Una buona pasta durante la cottura aumenta di tre volte il proprio peso e lo fa assorbendo acqua.
Il sale grosso va aggiunto a freddo, un cucchiaino (10 gr) per ogni litro di acqua.
Dopo la cottura non si deve passare mai la pasta in acqua fredda perché così facendo si laverebbe via l’amido necessario a legare la pasta con salse e sughi.
 
Maccheroni ai Quattro Formaggi
 
Ingredienti per 4 persone
320 gr pasta formato maccheroni
5 cucchiai di parmigiano grattugiato
80 gr gorgonzola
80 gr fontina
80 gr Emmental
20 gr burro
4/5 cucchiaiate di latte
Pepe Nero
Prezzemolo grattugiato
 
Preparazione
Cuocere i maccheroni molto al dente in acqua salata. Tagliare i formaggi a cubetti, metterli in una casseruola con il burro e il latte e fateli fondere a fuoco dolcissimo sino a che non diventeranno una crema. Disporre la pasta in una pirofila precedentemente imburrata, condirla aggiungendo anche il parmigiano e passarla per 5 minuti in forno preriscaldato a 150°. Servire cosparsa di prezzemolo e di un pizzico di pepe nero.

 
Abbinamento consigliato: quando entrano in gioco i formaggi le sensazioni di un piatto di pasta possono essere molto incisive (grassezza, succulenza, tendenza dolce, sapidità, aromaticità, intensità e persistenza) e nascondere un tranello gustativo, una tendenza amarognola che potrebbe complicare l’abbinamento con quei vini rossi dotati di finale leggermente amarognolo.
Si suggerisce pertanto un vino dotato di grande morbidezza, ma anche di sapidità e freschezza, piuttosto strutturato, e dotato di buona persistenza aromatica come un Dolcetto di Dogliani con le sue spiccate doti di giovialità e fragranza, i suoi sentori di ciliegia selvatica, mora, marasca e prugna con note amarognole delicatissime.
 

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

9 commenti:

  1. Era la mia pasta preferita quando ero adolescente!!! E' una vita che non la preparo.. mette famissima la tua foto! un bacione e buon lunedì :-*

    RispondiElimina
  2. Piatto ricco, mi ci ficco. Che bontà, Laura!
    Un abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
  3. ....questa piacerebbe anche a Marco !

    RispondiElimina
  4. che cosa buona,complimenti,mmmmmmm,che fameeeeeeeee,un abcione e grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  5. Che buono. Look delizioso cara !

    RispondiElimina
  6. La facevo sempre quando studiavo all'università perchè la mia coinquilina ne andava pazza. Vedo che la scelta dei formaggi è ricaduta su sapori forti e decisi

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)