lunedì 11 luglio 2016

Spaghetti alla Chitarra al Sugo Antico


Anche se fa terribilmente caldo, ci sono giorni in cui si ha voglia di abbandonare frutta e insalate per coccolarsi con un generoso piatto di pasta condito con un buon sugo “ignorante”. Proprio come è successo domenica a casa nostra, quando la sveglia è stata puntata all’alba per godere delle ore di fresco e approfittarne per mettere sul fuoco un profumato ragù.
Il “sugo antico” è una ricetta della tradizione della cucina chiancianese e del monte Amiata. Come pasta vorrebbe i classici rigatoni, io però dalla Toscana sono saltata in Abruzzo avendo in casa una confezione di spaghetti alla chitarra che aspettavano di maritarsi con un sugo “importante” per
un primo piatto molto ricco e saporito, che vista la stagione ho servito come piatto unico per poi passare subito al dessert.

Forse non tutti sanno che.
Gli spaghetti alla chitarra, detti anche tonnarelli, maccheroni alla chitarra o maccheroni carrati , sono una varietà di pasta all'uovo tipica della cucina abruzzese e molisana.
Assomigliano molto ai tagliolini da cui differiscono per la loro caratteristica forma quadrata e per uno spessore maggiore.
Vengono preparati dalle massaie con un attrezzo particolare che si chiama “chitarra” e che conferisce a questa pasta la caratteristica forma quadrata e una consistenza porosa che consente a sughi “importanti” di aderire completamente alla pasta.
Gli spaghetti alla chitarra vogliono una cottura assolutamente al dente e dei condimenti molto corposi.
 
Spaghetti alla Chitarra al Sugo Antico
 
Ingredienti per 4 persone
500 gr Spaghetti alla Chitarra
200 gr vitello macinato
1 petto di pollo macinato
50 gr di rigatino (pancetta tesa) macinato
100 gr rigaglie di pollo tritate
50 gr funghi secchi
1 bicchiere di vino bianco
250 ml passata di pomodoro
1 cipolla
Olio extravergine d’oliva, Sale, Una punta di cucchiaino di zucchero
Foglie di Basilico
Parmigiano grattugiato
 
Preparazione
Mettere i funghi secchi ad ammorbidire in acqua tiepida, poi strizzarli, tritarli e mescolarli alla carne macinata (vitello, pollo, rigatino, rigaglie). Sbucciare la cipolla, tritarla finemente e farla rosolare, a fiamma moderata, in un tegame con 3 cucchiai d’olio. Dopo qualche minuto unire le carni e i funghi e lasciare rosolare a fuoco lento. Bagnare con il vino bianco, lasciarlo evaporare completamente e aggiungere la passata di pomodoro, aggiungere la punta di zucchero, il sale e lasciare cuocere per un paio d’ore a fuoco molto moderato (il sugo deve addensarsi).
Fare cuocere la pasta in abbondante acqua salata, avendo cura di tenerla molto al dente, scolarla e versarla nel tegame del sugo. Fare saltare il tutto per qualche minuto, completare con le foglie di basilico, una spolverata di pepe nero e servire cosparsa di parmigiano.

 
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

21 commenti:

  1. è un sugo che sa di "pranzo della domenica" buono!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Bbuonissimi con questo sugo antico, piaceranno molto a mio marito . Ricetta segnata . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  3. Lo so che piatti così a molti danno più il senso dell'inverno, io personalmente quando sento spaghetti alla chitarra non c'è stagione che tenga

    RispondiElimina
  4. Io adoro questo formato di pasta.. e trovo che oltre ai rigatoni stia benissimo con questo tipo di rag bello ricco e corposo!!!! Buono davvero.. baci e buona giornata :-D

    RispondiElimina
  5. piatto ricco...mi ci ficco...
    Purtroppo a me il caldo non fa mai passare la fame e un piatto così...che dire...me lo papperei anche ora (nove del mattino ;) )
    Bacioni cara

    RispondiElimina
  6. Mamma mia, questa foto mette un'acquolina, che bontà, adoro questo sugo!!!!

    RispondiElimina
  7. Farà pure un caldo torrido (anche se oggi si sta un po' meglio), ma a questa delizia è vietato resistere!Baci!
    MG

    RispondiElimina
  8. Un piattone ma che buono! Adoro gli spaghetti alla chitarra poi..è bello scoprire piatti della tradizione!

    RispondiElimina
  9. Un piatto gustoso e appetitoso :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Un primo piatto che sta bene in qualsiasi stagione. Buonissimo

    RispondiElimina
  11. in effetti col caldo...ma in ogni caso molto buono!

    RispondiElimina
  12. Questo sugo "ignorante" mi piace di brutto, altro che! Da me si sta anche troppo freschi e gli spaghetti alla chitarra, li faccio molto spesso. Sia all'uovo che solo con la semola di grano duro. Da me piacciono moltissimo. Anni fa ho trovato l'attrezzo in un mercatino delle pulci. Non ci ho pensato due volte a prenderlo e meno male! Bravissima Laura, ottimo piatto

    RispondiElimina
  13. Beh per me gli spaghetti alla chitarra sono mille volte meglio dei rigatoni. Altra che insalatine, questo si che è un piatto come si deve, anche con 40 gradi :-D

    RispondiElimina
  14. Qui si è rinfrescato parecchio: mi tufferei senza remore in un piatto così! :)

    RispondiElimina
  15. Non conoscevo il sugo antico, ma deve essere buono!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  16. Che ricetta meravigliosa, questo sugo fa veramente gola, bravissima!

    RispondiElimina
  17. Ciao Laura, questa ricetta mi fa tornare indietro nel tempo... questo piatto è ottimo, anche con 40 gradi all'ombra!! mmmm... una vera bontà!! Ti auguro un buon fine settimana cara..

    RispondiElimina
  18. Un condimento molto particolare con tante diverse pezzature..molto interessante grazie per la condivisione!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)