mercoledì 20 dicembre 2017

Sformato di Cavolfiore e Ricotta

 Sformato di Cavolfiore e Ricotta

Succede nella redazione dell'Antro:
Io:"De Vincentis mi correggi il post?"
Lui: "Sformato di Cavolfiore e Ricotta?"
Io: "Esatto, che poi è quello che abbiamo mangiato oggi!"
Junio dalla sala: "Che schifo..."
De Win dallo studio: "In foto però sembra più bello!"

#maiunagioia
 
Comunque sia il padre sia il figlio l'hanno mangiato eccome e non ammetterebbero mai che in fondo il cavolfiore è buono! E credetemi se vi dico che questo sformato è di una delicatezza senza paragoni! Un antipasto o un contorno perfetto da servire durante le feste! 
 
Forse non tutti sanno che… Noce moscata
La noce moscata è una delle spezie più note in ambito culinario; è il seme di una pianta, la Myristica fragrans, originaria delle Isole Molucche (fu proprio la scoperta di queste isole da parte degli europei a dare inizio al suo commercio su vasta scala) e di alcune isole facenti parte della Nuova Guinea; la Myristica fragrans viene attualmente coltivata in diversi Paesi appartenenti alla fascia tropicale, ma la zona di maggiore produzione sono le Isole Banda, un gruppo di 10 piccole isole vulcaniche dell’arcipelago delle Molucche, che fino al XIX secolo erano praticamente l’unica zona produttiva di noce moscata.
La noce moscata si è affermata in Europa all’inizio del XVI secolo e negli ambienti aristocratici l’utilizzo di questa spezia in ambito culinario e in ambito cosmetico divenne talmente diffuso che la sua commercializzazione fu motivo di vari scontri commerciali fra alcuni Stati europei.
La spezia in questione è stata praticamente la causa della guerra fra la Compagnia Olandese delle Indie Orientali e la Compagnia Inglese delle Indie Orientali che volevano detenerne il monopolio su tutto il commercio europeo.
Nel XIX secolo, quando si riteneva che i cibi dal sapore e dall’odore piuttosto intenso fossero ottimi stimolanti erotici, la noce moscata divenne una delle sostanze afrodisiache più ricercate e si consigliava di spargerla sul collo o di metterne un po’ all’interno delle tasche. tratto da Albanesi.it
 
Sformato di Cavolfiore e Ricotta
 
Ingredienti
600 gr di cimette di cavolfiore
250 gr ricotta
100 gr Parmigiano grattugiato
2 uova
1 cucchiaio di pangrattato
Noce moscata
Sale
 
Inoltre
Olio extravergine d’oliva
Pangrattato
Parmigiano grattugiato
Un ciuffetto di prezzemolo
 
Preparazione
Preriscaldare il forno a 180°
Cuocere a vapore le cimette di cavolfiore, quando sono tenere passarle al mixer per ridurle in purea e farle intiepidire.
Metterle in una terrina e unire la ricotta, il parmigiano, le uova, il pangrattato, la noce moscata e regolare di sale.
Ungere una pirofila con dell’olio, spolverarla di pangrattato, versarci dentro il composto e livellare bene. Spolverare con pangrattato e parmigiano.
Infornare per circa 40 minuti.
Servire tiepido decorato con un ciuffetto di prezzemolo.
 
-----------------------------------------------
 
Ti garbano i BUFFET DELLE FESTE?
Allora sbircia in questa raccolta...

Ai canonici e interminabili pranzi o cene seduti, preferisco di gran lunga organizzare buffet sfiziosi dove gli ospiti possono servirsi a piacere di ciò che più gli garba, muovendosi in tutta libertà.
In questa raccolta troverete tantissime idee stuzzicanti per organizzare, ad esempio, il vostro golosissimo buffet dell’ultimo dell’anno.

BUFFET DELLE FESTE
BUFFET DELLE FESTE

 

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

10 commenti:

  1. ecco il cavolfiore è una di quelle cose che faccio davvero fatica a mangiare, ma questo sformato è davvero invitante quindi lo provo! magari è la volta buona che inizia a piacermi anche questa verdura! :-)

    RispondiElimina
  2. Il fatto che i tuoi uomimini lo abbiano spazzolato la dice lunga . Una fantastica idea il tuo sformato di cavolfiore e ricetta , segno subito la ricetta . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  3. ...meravigliaaaaaaaa
    Lo provo col broccolo romanesco, che ho scoperto da poco e che adoro letteralmente!
    Bacione

    RispondiElimina
  4. adoro gli sformati e questo tuo deve essere delizioso! ne conosco di schizzinosi che storcono il naso davanti ai cavoli e poi appena gleli nascondi in un piattino come questo in realtà ne mangerebbero a iosa ;)
    ottima proposta laura! un abbraccio e buone feste :)

    RispondiElimina
  5. Mi piace, mi piace tantissimo! Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. questa è da fare sicuramente, un bacione !

    RispondiElimina
  7. Non ho alcun dubbio che i De Win abbiano apprezzato questo delizioso sformato.
    Lo preparerò presto, Laura. Grazie per i sempre preziosissimi suggerimenti.
    Baci!

    MG

    RispondiElimina
  8. Io ti credo sulla parola, ha un aspetto molto invitante e mi piacciono gli ingredienti che hai usato, scommetto che lo hanno spazzolato!
    Colgo anch'io l'occasione per farti gli auguri di buone feste Laura, auguro a te e alla tua famigliola protagonista dei tuoi posto un sereno Natale.

    RispondiElimina
  9. I prossimi giorni saranno un turbinio di mille cose da fare, quindi eccomi qui a lasciarti, anche se in anticipo, i miei più affettuosi auguri di un sereno Natale colmo di amore e di tante leccornie!!!
    Buon Natale
    Alice

    RispondiElimina
  10. Un ottimo modo per utilizzare il cavolfiore.

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;) I commenti con link pubblicitari verranno segnalati come spam.