giovedì 12 febbraio 2009

Ribollita


La Ribollita è un gioiello della cucina toscana, un piatto di umilissime origini dove il detto “piatto avanzato l’è meglio gustato” non potrebbe essere più azzeccato. Una volta non si buttava via niente, soprattutto il pane secco che ben si prestava ad essere riciclato, insieme ad altri ingredienti dell’orto umili ma genuini, in succulente pietanze. Il nome “ribollita” si rifà al fatto che questa zuppa veniva preparata in grandi quantità, dalle massaie di una volta, per poi essere via via riscaldata al momento del bisogno e ad ogni riscaldata diventava sempre più appetitosa!

Ribollita
dal libro "Zuppe Toscane" di Laura de Vincentis

Ingredienti
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
250 g di fagioli borlotti, toscanelli o cannellini (o un misto) già lessati
300 g di cavolo nero
200 g di verza
250 g di bietola
2 patate
Qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro casalinga
150 g di pane raffermo toscano
1 rametto di rosmarino
2 litri di brodo vegetale
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe nero

Preparazione
In una pentola di coccio a bordi alti fare rosolare in qualche cucchiaiata d’olio un battuto di cipolla, carota, sedano e lo spicchio d’aglio. Aggiungere tutte le restanti verdure ben pulite e tagliate grossolanamente e fare rosolare per 10-15 minuti. Aggiungere i fagioli, metà ridotti in purea e l’altra metà interi, la salsa di pomodoro e il rametto di salvia. Regolare di sale e pepe e fare cuocere a fiamma bassissima per almeno 2 ore. Tagliare il pane raffermo a fettine e metterlo in una  zuppiera  di coccio alternandolo a mestolate di zuppa a cui avrete levato l’aglio e il rametto di rosmarino. Meglio sarebbe far riposare la ribollita per una giornata. Al momento di servirla riscaldare le porzioni direttamente in scodelle di coccio in forno oppure in un largo tegame dal fondo spesso. La ribollita si serve con un generoso filo di olio extra vergine d’oliva a crudo, rigorosamente toscano, e per chi lo gradisse una spolverata di pecorino. Accompagnare la ribollita con un Chianti Classico morbido e vellutato.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

46 commenti:

  1. E un piatto classico ed intramontabile...auguri per il premio!!!
    ciao Lidia

    RispondiElimina
  2. Adoro la Toscana, e la sua ribollita.........

    RispondiElimina
  3. Chi ha assaggiato la vera ribollita, ce l'ha caldamente consigliata...e noi siamo curiosissime di provare proprio quella originale!!
    La tua sembra davvero invitante!
    bacioni

    RispondiElimina
  4. in bocca al lupo per premio e libro!

    RispondiElimina
  5. Mi hai rapito con la prima parte del libro...fantastico:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  6. Laura c'è un premio per te nel mio blog,se puoi passa un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. @ Lady Cocca pensa che non avevo mai provato a farlo sino ad ora e pertanto mi sentivo Toscana solo a metà :-)

    @ Simo a chi lo dici... il mio amore folle per la Toscana mi ha portato a venire a viverci :-)

    @ Manu & Silvia dovete provarla!!!

    @ Marta ma grazie sei un tesoro!!!!

    @ Unika nei prossimi post metterò qualche altro episodio bipedesco... ehehehehe

    @ Polpettina arrivo :-)

    RispondiElimina
  8. Carino lo strancio del libro! Devo dire che la ribollita è una di quelle zuppe che mi porta a pensare alla pazienza e al tempo che serve alla preparazione e invidio sempre chi si cimenta nel farla! L'ho mangiata in toscana e la trovo gustosissima! Brava Laura!

    RispondiElimina
  9. In giro ce ne sono stante di ricette, ma proverò la tua perché mi ispira...
    grazie

    RispondiElimina
  10. @ Kitty ma grazie :-) Effettivamente è una di quelle zuppe la cui preparazione è "un rito" si inizia la mattina presto godendosi ogni movimento, ogni ingrediente, ogni profumo che pian piano pervade casa... con calma senza fretta possibilmente in una giornata bigia e piovosa d'inverno :-)

    @ Germana io per le ricette toscane ormai mi affido da anni al libro menzionato nel mio post :-) Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. finalmente la meravigliosa ribollita,che solo una fantastica toscana come te sa ben preparare!!!

    RispondiElimina
  12. Oddio Laura che incubo!!! Ma davvero sei riuscita a non strangolare la mammina???
    Va bè parliamo di cose piacevoli...ma tu losai che la ribollita è uno dei miei piatti preferiti! LA tua è davvero spettacolare, bravissima
    Un bacione e buon fine settimana
    fra

    RispondiElimina
  13. Buona la ribollita, aspettavo con ansia la ricetta!!! Baci e buon weekend!

    RispondiElimina
  14. Ma come scrivi bene!!! Che carino dev'essere il tuo libro. Me lo compro!!!Hai fatto bene a postare la ricetta della ribollita, la mangio sempre in toscana ma la ricetta doc non l'avevo. Bacio

    RispondiElimina
  15. Carino il libro.....giretto in libreria!!!!
    La ribollita mai mangiata ma quando ritorno in toscana è un piatto che provero'.
    Baci, Mela.

    RispondiElimina
  16. ciao proprio questa settimana ho litigato di brutto con la suocera, e devi sapere che non perdo mai le staffe, sono molto paziente ma stavolta non c'è l'ho fatta proprio a stare zitta, l'episodio del bipide, mi ricorda il mio matrimonio (quasi ventitrè anni fà), soltanto che mio marito mi ha sempre spalleggiata, quindi le cose che diceva la madre non avevano vita lunga. Cambio argomento e parlo della ribollita che mi piacerebbe tanto provare, però il cavolo nero da noi non si trova proprio. Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Ordinato il libro (ora) e votato (5 giorni fa). Adesso mi resta solo da fare la ribollita e poi sono a posto...

    RispondiElimina
  18. @ Mirtilla ma grazie!!! Se non provavo a farla mi sentivo Toscana solo a metà ehehehe

    @ Fra la mammina co ha lasciato un anno dopo il matrimonio ma in compenso la sorella secca mi ha dato filo da torcere sino all'ultimo giorno del divorzio!!!

    @ Micaela è garbata tantissimo anche a noi :-)

    @ Paola ma grazie! Provala la Ribollita è veramente deliziosa!

    @ 77mele quando ritorni in Toscana la devi assolutamente provare!!!

    @ Carmen il mio ex marito invece dava sempre e dico sempre ragione alla mamma e alle sue sorelle... che nervi!!!!

    @ Aldarita ma grazie!!!!! :-)

    RispondiElimina
  19. Bello il libro!!!
    La ribollita l'adoro!!
    Ciao

    RispondiElimina
  20. Una sorpresa per Te nel mio Blog

    Questo pero':

    http://maidireristorante.splinder.com/

    RispondiElimina
  21. Finalmente , la ribollita toscana! Che delizia! Per essere una grande alchimista ti dono due premi, sono sul mio blog per te un bacione Lulù

    RispondiElimina
  22. Buondì e... buon San Valentino! :)
    Mi piace tantissimo la cucina toscana, che ha dei sapori schietti e genuini. Anni fa, durante una vacanza estiva in Toscana, mio padre è rimasto stregato dalla ribollita tanto che ha voluto acquistare un libro di ricette regionali prima di tornare in patria e per diverso tempo lui e mia madre si sono esercitati nella realizzazione di quello e di altri piatti deliziosi!

    E per quanto riguarda il tuo libro, beh, la piccola parte che ci hai regalato nel tuo post mi ha fatto troppo ridere! Capisco che tu non stavi affatto ridendo in quel momento, anzi! Però è bello vedere che hai superato la cosa e adesso ne parli con questa ironia. Io la suocera l'avrei affogata nel pounch!!! :P

    Un mega bacio e ancora Buona festa degli innamorati!

    RispondiElimina
  23. @ Caralulù ma grazie!!! Arrivo subito!

    @ Babi anche a noi la Toscana ha stregato veramente così tanto da decidere di venirci a vivere :-)
    La suocera è passata a miglior vita subito dopo il matrimonio ma la sorella secca altro che affogarla!!! :-)

    RispondiElimina
  24. quanto è buona la ribollita!!! io la adoro!!! buon san valentino!!! un bacio

    RispondiElimina
  25. Pensa che non l'avevo mai fatta ma sicuramente la replicherò! Un bacio ;-)

    RispondiElimina
  26. La ribollita è un piatto talmente famoso che non ha bisogno di commenti ma solo di lodi!!
    Spesso nei matrimoni la volontà degli sposi ( e in questo caso della sposa) è l'ultima a essere tenuta in considerazione!!!

    RispondiElimina
  27. Heilàààà, ma imbianca da quei pizzi ?
    Un bacioneee

    RispondiElimina
  28. @ Grazia effettivamente per noi la ribollita è stata una piacevolissima scoperta, specie per Marco che da sempre non andava oltre alle Sagne e Fagioli :-)

    @ Jajò qui ha nevicato tutt'intorno ma non a Chianciano. Giovedì eravamo dall'Ornella a Bagno Vignoni e arrivava qualche fiocco di neve dall'Amiata :-)

    RispondiElimina
  29. Mi piace tanto la ribollita, ma non l'ho mai fatta, voglio provare la tua ricetta! vado a votarti!

    RispondiElimina
  30. @ Germana provala e sappiami dire :-)

    RispondiElimina
  31. la ribollita è fantastica e che brano del tuo libro e divertentissimo!!!
    doppiamente bravissima!!!
    ciaoooo e buona settimana!

    RispondiElimina
  32. ho letto mi sono divertito molto, complimenti è buona anche la zuppa ma ho letto più volentieri una parte del tuo racconto

    RispondiElimina
  33. @ Gunther a breve darò prossime pillole :-) Buona serata Laura

    RispondiElimina
  34. ohhhhhh Laura quanto sorrido a leggere il tuo bipede ma quanto ti sono vicina se penso alla farica che hai fatto....meglio tuffarsi nella ribollita ;)

    RispondiElimina
  35. La ribollita per me è un classico della mia tradizione culinaria... La mia nonna la fa buonissima. La tua ha un aspetto perfetto!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  36. @ Lo effettivamente è durato più il divorzio che il matrimonio!!!! ahahaha

    @ Carolina per me la ribollita è stata proprio una gustosissima scoperta... il cavolo nero poi :-)

    RispondiElimina
  37. Massima emozione!!! E'uguale uguale a quella che fa la mia mamma e che io non ho mai imparato a preparare!!! Ha un aspetto favoloso! Grazie per l'estratto del libro, mi hai messo una gran voglia di leggerlo per fare il pieno di risate!

    RispondiElimina
  38. Grazie della visita.....complimenti per il blog è bellissimi e ben curato.....mi hanno colpito le introduzioni che fai ai tuoi piatti....la ricetta dela ribollita è molto interessante buona settimana Luisa

    RispondiElimina
  39. laura mi fai morire con questa storia del bipide!!sei unica e la ribbolita l'ho mangiata a firenze,l'adoro!!baci imma

    RispondiElimina
  40. Mai mangiata, deve essere molto buona!
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
  41. La ribollita è sicuramente da provare...però leggendo il bipede mi sono chiesta come hai fatto ad arrivare al matrimonio, con una famiglia così avrei mollato molto prima :-) In ogni caso hai tutta la mia solidarietà ;-)

    Ciaoooo!

    RispondiElimina
  42. Ma è un libro autobiografico?
    Fortissimo!!! Lo compro! :D :D :D

    Anche la ribollita è fantastica! Mi piace da matti la cucina toscana :-9
    Per quanto riguarda la mescolatrice,ti ho risposto da me ;)
    Ciao

    RispondiElimina
  43. @ Onde99 io la prima volta l'assaggiai dalla mia vicina di casa... buonissima e pertanto mi sono messa all'opera :-)

    @ Soleluna ma grazie per le tue bellissime parole :-)

    @ Dolci a gogo, Imma credo proprio che tu non abbia problema alcuno a riprodurla :-)

    @ Night io la adoro :-)

    @ Aiuolik purtroppo si viveva a 700 km di distanza e pertanto durante il fidanzamento non mi ero accorta diq aunto mi aspettava una volta trasferita nella città bipedesca ....

    @ Antonella diciamo di sì ;-) Vendo a leggerti! Da brava polentona quella mescolatrice mi intriga assai :-)

    RispondiElimina

I commenti anonimi verranno automaticamente eliminati