domenica 21 novembre 2010

Toscana Fusion

Toscana Fusion

Qualche anno fa si parlava di Happy Hour, espressione tipica inglese, usanza nata proprio in Inghilterra,  in pratica una promozione per invogliare la clientela, con l’offerta di due bevande al prezzo di uno, a recarsi a bere nei pub, in quella fascia d’orario desueta che coincideva con l’uscita dal lavoro e dalle fabbriche. Qui da noi l’Happy Hour invece offre aperitivi con ricco buffet da cui spizzicare a prezzi “popolari”.

Subito a seguire, ecco apparire il brunch, usanza che io adoro particolarmente per la possibilità di gozzovigliare tra dolce e salato in una fascia oraria che ingloba la colazione e il pranzo, sino ad allungarsi nel primo pomeriggio. Il brunch, così informale, sfizioso, comodo è per eccellenza un’usanza dei giorni di festa, quando magari ci si alza tardi e non c’è tempo per fare la colazione ed il pranzo. I cibi vengono reinventati e sulla tavola si trovano a buffet proposte dolci e salate a coccolare qualsiasi palato. Il brunch ormai è una divertente abitudine che ha preso piede in tutto il mondo diversificando anche la proposta dei menu proposti. Si parla così di brunch americano quando la tavola è caratterizzata da un buffet a base di muffins, hamburger, cheesecake, egg & bacon; c’è poi il brunch etnico che spazia ovviamente su proposte etniche caratterizzate dal gusto fortemente speziato; curioso è il brunch cinese,  il “dim sum” che sta prendendo piede in tutti i vari ristoranti cinesi del mondo. Mi ricordo che già più di 10 anni fa frequentavo un locale simile a Roma. 
Le ultime tendenze di moda oggi sono: il  drunch quando trattasi di un ricco buffet che “ingloba” merenda, aperitivo, cena e il “Fusion” ovvero proposte "finger food”  che uniscono chicche orientali (in special modo giapponesi) a prodotti tipici del territorio.

E così nasce questo Toscana Fusion, un po’ per gioco, un  po’ per provare accostamenti di sapori inusuali fatti con prodotti toscani, spezie, erbe aromatiche. Carina la presentazione in piccole coppettine. Uno sfizio versatile per un Happy Hour, un brunch, un drunch o una più verace merenda campagnola fatta con l’arte del riciclo, per quando avete salumi e formaggi che attendono nel vostro frigorifero un seno del destino che eviti loro l’infausta visita nella pattumiera. 

Toscana Fusion

Ingredienti
Avanzi di salame toscano
Avanzi di pecorino semistagionato
Polvere di pistacchi
Scagliette di mandorle pelate e tostate
Erbe aromatiche balsamiche: origano, rosmarino, salvia
Spezie: pepe nero, bacche di ginepro
Olio extravergine d’oliva
Biscottini salati

Preparazione
Tagliare a cubetti il salame e il pecorino. Metterli in un contenitore e condirli con abbondante olio extravergine d’oliva, le erbe aromatiche, le spezie e le mandorle. Fare insaporire il tutto per qualche ora mescolando di tanto in tanto. Servire in piccole coppette. Decorare con pistacchi tritati, qualche lamella di mandorla tostata e un biscottino salato.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

7 commenti:

  1. IL toscana fusion è molto più interessante anche se io sono troppo abitudinario colazione pranzo e cena per partecipare a un aperitivo o un brunch

    RispondiElimina
  2. io non partecipo mai se sono in giro ma a casa si può creare l'atmosfera no? è così carino poter finire tutti i rimasugli di salumi e formaggi è questo è un modo elegantissimo! ciaooo Ely

    RispondiElimina
  3. che bella presentazione!!!! ideali per un happy hour.....mi ricorda tanto Milano io praticamnete ci cenavo!!!! ciao

    RispondiElimina
  4. molto carina la tua presentazione!

    RispondiElimina
  5. Interessantissimo questo Toscan fusion...come sempre hai realizzato una ricetta gourmet nuona settimana Luisa

    RispondiElimina
  6. CIAO...Nulla si inventa...tutto si ripropone! Chissà cosa penserebbero i nostri vecchi "Barba" (termine piemontese-torinese per indicare le persone "anziane" di casa...no,no non c'entrano nulla i barbapapà!!!!) al sapere che la loro "merenda sinoira" ora si chiama DRUNCH ???!!!!!! Ho imparato una parola nuova !Bella la tua presentazione.
    SMIILE
    Lucy64

    RispondiElimina
  7. @ Gunther io invece mi rovino con queste stuzzicherie e salto a piè pari la cena :D

    @ Ely in casa certo che sì! Si può creare benissimo l'atmosfera... anzi diventa tutto più intimo.

    @ Masterchef... Milano già... lo ricorda tanto anche a me :)

    @ Sweetmaremma grazie!

    @ Soleluna grazie!

    @ Lucy64... il termine "Barba" da quanto tempo non lo sentivo!!! Per me il termine "merenda" conserva sempre quel che unico di estremamente romantico...

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)