giovedì 3 febbraio 2011

Gigli alla Zucca con Rigatino Croccante

Gigli alla Zucca con Rigatino Croccante

Questa pasta è nata dopo una visita ad un pastifico della Valdorcia. Ovviamente una pasta così profondamente legata al suo territorio d’origine non poteva non essere condita con ingredienti di pari levatura.

Gigli alla Zucca con Rigatino Croccante
di Laura De Vincentis

Ingredienti per 4 persone
Una noce di burro
1 scalogno
300 g zucca lardaia
Mezzo bicchiere di vino bianco
200 g di rigatino di cinta senese
350 g di pasta formato gigli
Una manciata di scagliette di mandorle
Parmigiano grattugiato

Preparazione
In un tegame fare sciogliere una noce di burro. Unirvi uno scalogno tagliato a velo e fate rosolare per qualche minuto. Unite 300 g di zucca tagliata a piccoli dadini, lasciate rosolare anch'essa per qualche minuto dopodiché sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco. Coprire il tegame e portare a cottura la zucca, se si asciuga troppo aggiungete qualche cucchiaiata d’acqua calda, regolare di sale. In un'altra padella antiaderente mettere 200g di rigatino tagliato a striscioline e fatelo diventare croccante. Cuocete 350 g di pasta formato gigli al dente seguendo le indicazioni di cottura riportate sulla confezione. Scolateli e saltateli nel tegame insieme alla zucca, aggiungete il rigatino, una manciata di scagliette di mandorle e servire. A piacere spolverate ogni piatto con parmigiano.



N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto e della ricetta, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

12 commenti:

  1. Da leccarsi i baffi, ma che buoni!!

    RispondiElimina
  2. che fameeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  3. ammazza che goduria questo primo!!! la cinta senese è buonissima, ci sta bene con questi gigli alla zucca! brava!

    RispondiElimina
  4. Laura è meravigliosa ricca di prodotti tipici del tuo bellissimo territorio...buona giornata Luisa

    RispondiElimina
  5. ...ma che signor piatto!!!!!!!!
    Baci
    P.s: che meraviglia la tua terra...

    RispondiElimina
  6. che meraviglia Laura, certo da te non si fà mi ca fatica a cucinare e mangiare bene, avete prodotti tipici che qui ci sognamo! baci Ely

    RispondiElimina
  7. Laura che primo da urlo...Non ho mai avuto il piacere di assaggiare il rigatino ma già mi immagino il sapore...Evviva la cinta senese!
    un bacione
    simona

    RispondiElimina
  8. Ho sempre avuto una particolare simpatia per questo formato di pasta. E certo l'hai valorizzato alla grande con questo condimento. Un baciotto

    RispondiElimina
  9. che formato di pasta particolare!!!

    RispondiElimina
  10. ma questo non è un piatto, non è una ricetta!!!
    questa è POESIA!!!
    ma quanto ti adoro???
    baci

    RispondiElimina
  11. se qundo è possibile bisogna sempre adoperare prodotti locali, specie se sono di gran qualità come questi

    RispondiElimina
  12. E' vero che la zucca debba essere usata entro il periodo di carnevale? Beh, io apprezzo sempre, ma in questo piatto di più!! ^_^

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)