martedì 8 maggio 2012

Ciambella al Cacao Bertolini

Ciambella al Cacao Bertolini

Questo è quanto è successo questa mattina durante la colazione: “Mamma, posso avere un’altra fetta di ciambella al cioccolato?” “No Junio, la devo fotografare! Ma ti prometto che a merenda la potrai mangiare tutta”. Questo è il rischio che corre il figlio di una mamma foodblogger: avere davanti un ciambellone al cacao e doversi accontentare di una misera fettina.  Sinceramente è da questa mattina alle 7 che mi sento una stronza per avere negato a Junio un’altra fetta ma, cazzarola! Io quella torta non l’avevo ancora fotografata!!!
Ricetta semplicissima che profuma di cose buone di una volta. Le nocciole danno a questo dolce un gusto particolare, vi consiglio di non ometterle. La ricetta l'ho rispolverata da un vecchio ricettario Bertolini, direttamente dalla cucina "vintage" di Mariarosa.

Ciambella al Cacao Bertolini
dal ricettario Bertolini

Ingredienti
200 g di zucchero
150 ml di olio di semi (1 bicchiere)
125 g di farina
125 g di fecola di patate
50 g di nocciole tostate e sgusciate e tostate
30 g di cacao amaro
5 uova
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito vanigliato

Preparazione 
Riducete le nocciole in granella. In una terrina sbattete le uova con zucchero e sale fino ad ottenere un composto spumoso. Unite un po’ alla volta la farina setacciata con la fecola, il cacao ed il lievito, alternandovi l’olio. Versate il tutto in uno stampo a ciambella del diametro di 24 cm imburrato ed infarinato e copritelo con la granella di nocciole. Cuocete nella parte bassa del forno già caldo (elettrico: 180°C, ventilato: 170°C, a gas: parte centrale, 190°C) per 40-45 minuti


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

18 commenti:

  1. M'hai fatto troppo ridere, questa scena mi sa che l’ho rivista pure nella mia cucina :)) Cazzarola bona la ciambella, oggi doppia golosita a tutto cioccolato :D! Bacioni

    RispondiElimina
  2. che buona..adoro le ciambelle, col cacao poi mi fanno impazzire!

    RispondiElimina
  3. ahaha succedesse a me, mia figlia non mi chiede mai di assaggiare quello che sforno di dolce!!

    però cazzarola è stupenda sta ciambella!!!copio eh!!^_^

    RispondiElimina
  4. Il libricino di Mariarosa.. ci sono cresciuta! Dovrei ancora averlo da qualche parte, a casa dai miei..
    Che meraviglia quella ciambella: peccato la dieta!! a quando qualche post di ricette protal? ^^

    RispondiElimina
  5. oh, come ti capisco...stesse cose succedono anche qua!
    ha un aspetto strepitoso...dai che è l'ora della merenda, ora Junio ci si butterà a capofitto!!!!

    RispondiElimina
  6. a chi lo dici a me i capricci li fa il marito, e ti ho detto tutto. Comunque non hai fatto male, semmai bene, una fetta è più che sufficiente visto che si tratta per quanto buona pur sempre di grassi, quindi niente rimorsi. Baci

    RispondiElimina
  7. Stessa scena anche a casa mia,ormai ragazzi e marito si son rassegnati!!E siccome ci son "cazzarola" a go go,dico anch'io"cazzarola,ma che meraviglia è stà ciambella"!!Un abbraccio cara e buona settimana!

    RispondiElimina
  8. mmhhh si mangia con gli occhi da oggi hai una fans in più ciao rosa.kreattiva

    RispondiElimina
  9. Ciao!!!
    Ahahah...poverino! Ma questa è la scena di più o meno tutte noi food blogger!!!Ahahaah!!!!
    Mi hai fatto troppo ridere!
    Questa ciambella sembra deliziosa, ci credo che tuo figlio non resisteva!
    Me la segno! Un bacio, ah...ti aspetto al mio contest daiii!!! ^_^

    RispondiElimina
  10. senza cuore !!!
    E' bellissima.

    RispondiElimina
  11. Ma perchè quando vedo il cacao non ragiono più? Più volte ho rischiato di soffocarmi per il cacao dolce mangiato a cucchiaiate!!!!
    Te l'ho già copiata....un bacione.

    RispondiElimina
  12. Beh, dai ...Junio non ha dovuto patire più di tanto a merenda sono sicura che si è rifatto alla grande e poi...tu sforni un sacco di bontà spessissimo.
    Poi pensa a noi che quella bella ciambella la vediamo solo in foto!!! ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  13. Ahahah! la scena si ripete un pò ovunque direi. Non ti dico io quando preparo qualcosa al pomeriggio e aspetto fino al mattino del giorno dopo perchè non ho luce a sufficienza, che facce a casa!
    Me la ricordo e come la canzoncina troppo bellina. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Scriteriata! Al posto di Junio avrei armato un casino di quelli... Ma puoi negare una bontà del genere????

    RispondiElimina
  15. sono proprio i dolci più semplici ad essere maggiormente apprezzati, ricordo quel ricettario, devo averlo anche io!

    RispondiElimina
  16. E' una fortuna o una sfortuna non esserci ancora durante il periodo del Carosello? In ogni caso la filastrocca la so tutta perchè veniva riportata sui vecchi ricettari e credo di averle provate tutte le ricette di quei libricini... e Si Mariarosa sapeva il fatto suo perchè sta torta era davvero bona!!!!
    Faccio un dolce dei più fini coi prodotti... ;-)

    RispondiElimina
  17. Deliziosa la canzoncina che ancora ricordo...e comunque capita anche a me di fermarli all'assaggio!

    RispondiElimina
  18. è il destino di ogni figlio d'arte!!! però mi sembra che le "privazioni" siano ampiamente ricompensate! questa torta è squisita, si vede!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)