venerdì 24 maggio 2013

Tagliolini in Brodo con Persa e Pomodoro

Tagliolini in Brodo con Persa e Pomodoro

La ricetta di questi tagliolini in brodo arriva dritta, dritta dalla Trattoria La Palazzina a Rieti. Ho preparato questo piatto oggi a pranzo e considerando le temperature a dir poco polari, cosa c’è di meglio di un piatto caldo e profumato? Di un’ottima minestra che profuma di cose buone di una volta e  che scalda il cuore prima ancora del corpo? Trattasi di un’antica minestra reatina, una ricetta contadina di semplicissima preparazione e grande bontà. Perché in quei tempi la massaia utilizzava con maestria quello che la dispensa e l'orto offrivano, creando con pochi talvolta poveri ingredienti piatti di grande gusto. Io ho seguito la ricetta alla lettera, alla fine al posto del pecorino ho messo però una spolverata di pepe nero che dà un tocco vivace al piatto. Ora voi vi starete chiedendo “ma che cos’è la persa????” beh… che cos’è questa misteriosa “persa” ve lo svelerà, nelle prossime righe,  Giorgia che si occupa della parte promozionale e social del locale.

Forse non tutti sanno che... la persa
“Uno dei segreti della cucina tipica del reatino è la presenza sul territorio di numerose spezie ed erbe aromatiche autoctone, che crescono spontanee in questi luoghi e vengono da sempre utilizzate per insaporire e dare un gusto unico e particolare alle ricette tradizionali.
Tra le più note, si possono trovare in tutta l'area geografica, spesso denominate con epiteti dialettali diversi, mentuccia, salvia, finocchio selvatico, erba cipollina, origano, maggiorana (o la persa), menta, rosmarino, timo, borragine, alloro, aneto, melissa, ortica, cumino e ginepro.
Oggi l'ingrediente speciale della nostra semplice ricetta è proprio la maggiorana, che in questi luoghi è conosciuta quasi esclusivamente con il nome di "persa", e che conferisce un odore ed un sapore particolari e gradevoli.”


Tagliolini in Brodo con Persa e Pomodoro
Ricetta della Trattoria La Palazzina

Ingredienti e Preparazione
Soffriggere in una pentola da minestra, alta e stretta, a due manici, un po' di lardo, un po' di olio d'oliva, aglio schiacciato, e una buona manciata di foglioline di maggiorana.  Aggiungere poi il pomodoro e fare restringere, a fiamma bassa, il sughetto. Allungare quindi con tanta acqua quanti sono i commensali, come se fosse una minestra. Portare ad ebollizione e lasciare insaporire a fuoco basso, sempre continuando a bollire, per circa 30 minuti. Versarvi a questo punto i tagliolini all'uovo (fatti in casa!) tagliati fini fini, come cappellini. A cottura ultimata (un paio di minuti), scodellare e spolverare, a piacere, di pecorino grattugiato al momento.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

12 commenti:

  1. Le origini abruzzesi di mio padre mi hanno riportato ai tagliolini in brodo, dove i tagliolini erano rigorosamente tagliati a mano o alla chitarra e il brodo era gustosissimo brodo di pecora. Questa versione la ritengo assolutamente incredibile e deliziosa. Grazie per averla proposta e....complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura, quella foto fa venire l'acquolina, gustosissima questa "minestra" ideale in queste serate ancora fredde!!! E poi ho imparato un'altra cosa: che la maggiorana si chiama anche "persa", grazie!!!Bravissima!!!
    Bacioni, buon fine settimana...

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, con questo freddo una bella zuppa fumante ci sta tutta!

    RispondiElimina
  4. Con vento ghiaccio di oggi, quel bel piatto caldo caldo ci sarebbe stato da dio! I taglionini in brodo mi riportano dritta a casa. Bella l'idea di profumarli con la maggiorana, almeno quella sopravvive al mio pollice nero :))) Un bacio, buon we

    RispondiElimina
  5. Delizioso questo piatto, caldo e corroborante, proprio quello che ci vuole!!!!

    RispondiElimina
  6. Buoni, da mangiare caldi, con questo gelo ci vuole (stamattina il termometro qui segnava 6!)

    RispondiElimina
  7. wow...deve essere squisito... fanno proprio gola..

    RispondiElimina
  8. adesso so come usare "la persa" che ho sul davanzale,non sarà come quella selvatica ma io mi accontento, grazie Laura per questa buona e corroborante ricetta, buon weekend !

    RispondiElimina
  9. Ciao Laura, adoro le ricette della nonna, quelle semplici, contadine, saporite!! Con queste strane temperature il tuo piatto è perfetto!! Lo proverò!!
    Un abbraccio stretto, buona serata!!!

    RispondiElimina
  10. Mi ero già persa con la persa, per fortuna ho letto tutto il post...ottima riceta

    RispondiElimina
  11. Questo proprio non la conoscevo...so della pappa al pomodoro ma questa no...quindi ti ringrazio...da provare assolutamente...inoltre ancora non fa caldo, quindi...!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)