mercoledì 15 gennaio 2014

Insalata di Cavolo Cappuccio

Insalata di Cavolo Cappuccio

Oggi una ricetta assolutamente detox. Un piatto di cui io sono ghiottissima con buona pace di mio marito: l’insalata di cavolo cappuccio. Alzi la mano chi come me è ghiotto di cavoli! Io li adoro, ci farei anche colazione… e di questa insalata ne faccio vere e proprie scorpacciate al limite della dignità umana!

Curiosità: le proprietà del cavolo cappuccio ormai sono più che note! Pochissime calorie, ricco di antiossidanti (attenzione però: più lo fate cuocere, più lo impoverite di questi elementi!). Alcuni nutrienti del cavolo cappuccio potenziano le difese organiche e sono utili nelle gastriti, nelle coliti, e negli stati di affaticamento. Gli antichi romani, prima di ogni opulento banchetto, erano soliti consumare un’abbondante insalata di cavoli crudi poiché asserivano che il cavolo aiutasse ad assorbire l’alcol.

Insalata di Cavolo Cappuccio
dal libro “Cucinare nelle Dolomiti” di Athesia

Ingredienti per 4 persone
1 piccolo cespo di cavolo cappuccio
3 cucchiai di aceto bianco di vino
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Mezzo cucchiaino di cumino
Sale fino
Pepe bianco

Preparazione
Liberare il cavolo dalle foglie esterne, tagliarlo in quattro parti e rimuovere il torsolo. Tagliarlo in fette molto sottili (con un coltello ben affilato, con una grattugia, con una mandolina o con l’affettatrice). Mescolare in una ciotola il cavolo al sale. Condire con aceto di vino bianco, olio, cumino e pepe bianco, mescolare bene e fare riposare per almeno 30 minuti,

Volendo è possibile arricchire l’insalata con dello speck:
Tagliare dello speck o della pancetta (provvisti di grasso) a striscioline o a piccoli dadini, farli rosolare in padella e bagnare con aceto di vino bianco. Versare ancora caldo sul cavolo e condire come sopra.


Abbinamento consigliato: la ricca presenza di aceto rende impervio, se non impossibile, qualsiasi abbinamento con il vino. Se proprio si vuole osare un abbinamento il consiglio è di andare su un vino bianco morbido, fruttato, delicato e leggero come potrebbe essere un Lugana Doc.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

16 commenti:

  1. ciao Laura!
    Buon anno innanzitutto. Questa cosa del cavolo e dell'alcol proprio non la sapevo. Curiosamente...il cavolo cappuccio a me ricorda la Mongolia...perché quest'estate in vacanza era una delle POCHISSIME verdure che abbiamo mangiato. Li lo condiscono con aceto, zucchero, zenzero, abbiamo anche pubblicato la ricetta nel nostro post sulla Mongolia...che bei ricordi mi hai evocato con questa insalata...
    Un bacione
    simo

    RispondiElimina
  2. A me piace anche quello viola. Mi piacciono anche crudi.

    RispondiElimina
  3. Oltre ad essere buonissimi, fanno anche tanto bene... ne mangio anch'io quantità industriali :)
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  4. A noi ci piace e sottolineo il ci, tanto per rafforzare il concetto! Curiosa l'aggiunta del cumino, sto provando ad immaginarlo legato al cavolo e non ci riesco, vorrà dire che ci facciamo questa bella insalata, fetta di pane compresa!
    Baciotti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  5. Anche io fan dei cavoli, ne consumo in tutte le salse! Questa insalata la faccio in versione tiepida, facendo saltare il cavolo cappuccio per un minuto in padella con del garam masala e un filo d'olio. Proverò la variante cumino!!!

    RispondiElimina
  6. che ricetta gustosa, adoro il cavolo e mangiato così è il massimo ! Buona serata

    RispondiElimina
  7. Io alzo tutte e due le mani, mi piace assai!!!
    E il suggerimento dello speck mi piace ancor di più!
    Buona serata

    RispondiElimina
  8. Eh noi con i cavoli e le verze di questa stagione ci andiamo propri oa nozze! semplice ma molto molto gustoso questo cavolo!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Mi piace moltissimo!!! W le ricette detox ricche di carattere e poi adoro i cavoli!

    RispondiElimina
  10. W cavoli, broccoli e cavolfiori una vera ricchezza che la natura ci offre in questo periodo

    RispondiElimina
  11. Grazie di esserti aggiunta un onore sei molto conosciuta anche se io ammetto purtroppo no. Esatta la tua presentazione ..l'achimia nella cucina è diverso dal cucinare solo per vivere...perfetto. Il cavolo capuccio da noi si usa molto ma traformato nei famosi "crauti acidi" (cotti nel vino o messi in salamoia) per la nostra zuppa "Jota" oppure crauti in tecia (tegame) consumati per benino con "kuemmel" oppure con prosciutto cotto quello di Praga (triestino doc) oppure accompagnato con salsicce i cosidetti wuerstel o meglio ancora i "cragno" penso che si trovino solo qui. Per la zuppa se ti interessa a meno che non la conosci già la trovi sul mio blog come anche i "sarma" parlando sempre di cavolo capuccio. Buona giornata.

    RispondiElimina
  12. ecco guarda quei Latini quante ne sapevano! sarà vero? sperimenterò :P buona l'insalata *.*

    RispondiElimina
  13. Ricetta molto gustosa..da provare. Buona serata.

    RispondiElimina
  14. anch'io la faccio spesso, però lascio il cavolo in sale e limone per 1 giorno intero. Ottimo !!!

    RispondiElimina
  15. Se oltre che buono fa anche bene...abbondiamo!!

    RispondiElimina
  16. come consumare il cavolo cappuccio...ottima idea...visto che poi fa benissimo! Grazie per la semplice e ottima ricetta! Roby

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)