venerdì 4 aprile 2014

Pita con Farina Integrale

Pita con Farina Integrale Macinata a Pietra

La pita è stata una vera rivelazione nella cucina dell’Antro! Un pane, una sorta di focaccia, che si prepara con pochissimi ingredienti, di facile esecuzione e ottimo ad essere farcito in mille modi essendo un pane che in cottura si gonfia lasciando vuoto l’interno.

Curiosità: la pita è un pane lievitato tipico e il più diffuso dell’area medio orientale e del Mediterraneo che va della Grecia al Nord Africa sino all’Afghanistan. Viene chiamato anche pane arabo, siriano, libanese a seconda delle zone. Le origini di questo pane sono arabe e sono antichissime mentre il termine “pita” risale alla cucina greca nella seconda metà del novecento. Sull’origine del nome “pita” ci sono diverse teorie: chi lo fa derivare dalla parola greca moderna “Vassilopita” che significa torta; chi lo fa derivare dal termine greco antico pēktos che significa denso; chi lo fa derivare dall’ebraico “pat” che significa pagnotta. Vero è che il termine pita indica in maniera più generale il pane. La particolarità di questo pane è quello di venire cotto al forno ad altissime temperature facendo si che il pane gonfi rapidamente e rimanga vuoto al suo interno permettendo così di farcire questa tasca anche con sughi o salse (Hummus, tzatziki ) o per contenere il kebab o il gyros o il felafel.

Pita con Farina Integrale
Ingredienti
250 gr di farina integrale
130 ml di acqua calda
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
8 gr sale
20 gr di lievito madre in polvere

Preparazione
Nella planetaria (o a mano) impastare tutti gli ingredienti sino ad ottenere una palla liscia, elastica e soda. Se dovesse risultare troppo appiccicosa aggiungete un po’ di farina, se al contrario dovesse risultare troppo dura aggiungete qualche goccia di acqua calda. Fare lievitare coperta in luogo caldo per 1 ora.
Preriscaldare il forno a 230°
Dividere l’impasto in 6 pezzi, appiattirli con il mattarello allo spessore di 1 cm scarso e metterli su una teglia foderata di carta forno. Infornare per circa 7 minuti o sino a doratura della superficie.
Per non farle seccare appena escono dal forno mettere le pite in un sacchetto di carta. In forno questo pane si gonfia mentre l’interno resta vuoto pertanto si presta a molteplici farciture.


Pillole di Enologia: i vini del Medio Oriente
Nel Medio Oriente troviamo la viticultura più antica del mondo, qui c’è il Monte Ararat dove si racconta che Noè piantò la prima vite del mondo, anche se oggi la produzione di vino in questa zona è molto limitata.
La Turchia è tra i maggiori produttori di uva da tavola e di uva passa ma solo il 3% diventa vino. In questa zona ci sono oltre 1000 varietà di vitigni autoctoni ma solo una sessantina vengono coltivati. Inoltre troviamo dei vitigni europei come il Gamay, il Pinot Nero, il Riesling, il Grenache e il Carignan. I vini bianchi presentano un po’ tutti sentori troppo ossidati mentre i rossi sono molto alcolici, ma negli ultimi anni si sta cercando di migliorare la qualità della produzione del vino con la consulenza di enologi esperti e avvalendosi di tecniche più moderne di vinificazione.
Nel Libano la viticultura si concentra tutta nella valle della Bekaa, a circa 1000 mt di altezza con notti fresche e giornate di pioggia tali da non fare maturare l’uva troppo velocemente ottenendo così una produzione di buona qualità. A causa dell’influenza francese troviamo vitigni come il Cinsault, il Carignan, il Cabernet Sauvignon e il Syrah. Molto particolare e conosciuto anche all’estero è il vino rosso di lungo invecchiamento prodotto da Chateau Musar. Il Libano è famoso anche per la produzione del distillato “arrak” con il suo particolarissimo profumo di arance.
In Israele la viticoltura è da sempre stata favorita sia dagli ebrei che dai cristiani e il vino ha sempre avuto una grande importanza. Nel ‘600 però tutti i vitigni furono distrutti dalle conquiste arabe, ma nel 1800 grazie alle donazioni del barone Edmond de Rothschild di Chateau Lafitte furono impiantati nuovi vigneti con vitigni sudafricani che ben si adattavano al clima di quelle zone. L’industria del vino così rifiorì grazie anche alla richiesta estera dei vini Kosher. Attualmente i vitigni più coltivati sono il Carignan, il Grenache, l’Alicante, il Sémillon, lo Chenin Blanc, il Moscato di Alessandria, il Cabernet Sauvignon, il Merlot, lo Chardonnay e il Riesling. L’obiettivo dei produttori vitivinicoli israeliani è quello di realizzare vini sempre migliori e pregiati da offrire a livello mondiale.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

24 commenti:

  1. Wow, quante cose meravigliose in questo post... il pane che devo assolutamente provare e poi le pillole di enologia... per un'appassionata come me... è il massimo!
    Un bacione Laura!

    RispondiElimina
  2. Una delizia la ricetta e anche di particolare interesse la pillola di Enologia

    RispondiElimina
  3. la vorrei avere tra le mani una pita riempita con del formaggio cremoso e del prosciutto crudo slurp..
    lia

    RispondiElimina
  4. ho la farina integrale e l'idea di fare la mia amata pita greca mi attira moltissimo, grazie Laura ! Buon we, un bacione

    RispondiElimina
  5. O_O buoniiiiiiiiiiii!!!! me li segno!! buon we

    RispondiElimina
  6. Pane molto versatile , da riempire con ogni cosa !!

    RispondiElimina
  7. buonissime questi pani,brava,felice w.e

    RispondiElimina
  8. buono, forse, se non sbaglio, lo potrei aver mangiato durante un mio viaggio in Turchia, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. segnata tra le cose da rifare! io adoro il gyros e la ricetta della pita mi mancava!

    RispondiElimina
  10. Mai fatta....segno e riproduco quanto prima!!
    Grazie :-)!
    Buona serata,
    Elisa

    RispondiElimina
  11. E' un pane che mi piace molto e che ogni tanto, quando sono senza pane tradizionale, faccio...anche senza lievito!
    Brava Laura e buon we :D

    RispondiElimina
  12. ragazza mia che meraviglia!!!

    RispondiElimina
  13. mi piace e lo vogliob provare, prestissimo!!!

    RispondiElimina
  14. gustosa e poliedrica, la pita, uno dei miei pani preferiti!

    RispondiElimina
  15. Ha un aspetto molto invitante. In questi momenti mi domando: ma perché non mangi pane??? E ne sono ghiottissima ^_^
    Brava, davvero splendide queste pite.

    RispondiElimina
  16. Ciao, curiosa questa preparazione, certo si presta agli usi più diversi. Tutta da provare e da assaggiare.
    baci baci

    RispondiElimina
  17. Una ricetta che devo fare quanto prima, per me che adoro panificare, le tue pite sono una vera delizia! Un bacio, buona domenica

    RispondiElimina
  18. Adoro questo pane , il tuo è bellissimo e perfetto, segno subito la ricetta . Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  19. domanda banale e se volessi sostituire il lievito madre con il comune lievito di birra che dose mi consiglieresti di quest'ultimo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania 13 gr di lievito di birra credo possano bastare. Eventualmente prolunga la lievitazione di ulteriori 30 minuti

      Elimina
  20. Anche per me è una vera rivelazione! e grazie alla domanda di Stefania ... perché avevo la stessa da porti!! Belle e utili tutte le info con le quali ogni tuo post risulta sempre così ben proposto.
    a presto, Clara

    RispondiElimina
  21. Ciao, grazie per la ricetta sono molto buone....il problema è che non si gonfiano.....cosa ho sbagliato? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che lievito hai usato? Forse provare ad alzare ulteriormente la temperatura del forno? Perchè il calore forte del forno è quello che li fa gonfiare. Fammi sapere se li rifai

      Elimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)