lunedì 24 novembre 2014

Focaccette di Kamut al Parmigiano

L'Antro dell'Alchimista di Laura De Vincentis

Oggi impastiamo e ci deliziamo con delle focacce tonde e saporite. Avete presente quelle focacce ancora calde che si compravano dal fornaio prima di entrare a scuola? Ecco proprio loro!
Queste sono focaccette particolarmente gustose non solo per la merenda, ma anche per il momento dell’aperitivo. E se vi sentite particolarmente golosi potete anche imbottirle con del buon salame toscano o della mortadella.

Curiosità: una sorta di focaccia “primordiale” veniva preparata già dai Fenici utilizzando i cereali a loro disposizione. Le prime fonti scritte che fanno riferimento alla focaccia, risalgono però all’anno mille. Sono state ritrovate delle carte, presumibilmente un inventario, dove si menziona una pietra per focacce. Durante il Medioevo, periodo in cui la focaccia era un alimento base, viene emanato un decreto in cui si vietava l’utilizzo di salse nocive per cuocerela. Nel Rinascimento la focaccia, insieme al vino, rientra nel rito del matrimonio (gli sposi la offrivano ai presenti in segno di ringraziamento) sino a quando il vescovo di Genova Matteo Gambari la proibì dalle celebrazioni poiché il continuo masticare durante la funzione copriva la voce dell’officiante.
Il consumo della focaccia (intesa come un pane condito con il grasso a disposizione e cotto sul fuoco) è diffuso in tutta la penisola. In alcune regioni, dove vi era disponibilità, veniva condita con olio, nelle restanti con lo strutto. La focaccia è stata da sempre un modo semplice e di basso costo per saziarsi e vincere la fame nonché uno dei primi autentici “cibi da strada”
Il nome focaccia deriva dal latino “focus” ovvero cotta sul fuoco, sotto le braci.

Focaccette di Kamut al Parmigiano

Ingredienti
500 farina di Kamut
280 g d'acqua
7 g lievito di birra
8 g sale
2 cucchiai di olio di oliva
3 cucchiai di parmigiano grattugiato

Per la salamoia
4 cucchiai di olio
4 cucchiai d'acqua
Un pizzico di sale

Inoltre     
80 gr parmigiano grattugiato

Preparazione
In una ciotola fondere il lievito con una parte dell'acqua, poi unire un poco di farina, 2 cucchiai d'olio d'oliva, sale e ancora la rimanente farina, acqua e parmigiano sempre battendo l'impasto. Mettere sul tavolo e lavorare battendo per 7-8 minuti, rimettere nella ciotola unta d'olio e fare raddoppiare in luogo tiepido(circa 2 ore). Rovesciare di nuovo sul tavolo e formare delle palline di circa 130 gr l’una.
Fare riposare per altri 15 minuti poi spianare con un corto mattarello, formare delle focaccette tonde e disporle su una teglia da forno. Fare infine lievitare per un’ora. Affondare le punta delle dita nella pasta formando sulla superficie delle impronte, irrorare il tutto con una salamoia ottenuta battendo 4 cucchiai d'olio con 4 cucchiai d'acqua e un pizzico di sale. Fare raddoppiare abbondantemente (sarà necessaria un'ora e mezza). Cospargere la superficie di parmigiano e infornare a  forno preriscaldato a 190° per 15 minuti circa (il parmigiano deve dorare).


Pillole di enologia: pasteggiare a bollicine
Purtroppo ancora oggi gli italiani sembrano concentrare il consumo di spumante solo nel periodo tra Natale e Capodanno. Da noi ancora non si è diffusa l’abitudine di accompagnare un pranzo o una cena con una bottiglia di spumante di qualità. Eppure tanti sarebbero i motivi per apprezzare lo spumante a tavola! Innanzitutto il rendere il pasto ancora più gioioso e vivace poiché da sempre lo spumante predispone alla convivialità e al buon umore, vuoi per lo schiocco del tappo, vuoi per la spuma e il perlage, vuoi per i colori brillanti e i profumi eleganti che predispongono il palato ad assaporare qualcosa di estremamente piacevole.
Spumanti bianchi o rosati, secchi o Demi-sec posso essere abbinati a molte preparazioni esaltandole.
La struttura dello spumante, infatti, non sovrasta mai il sapore dei cibi ma li esalta. Le bollicine di anidride carbonica, la piacevole pungenza e acidità puliscono le papille gustative e favoriscono il perfetto apprezzamento di ogni sapore.
Occorre fare attenzione però a scegliere sempre la tipologia di spumante più adatta, più giovane e fresca o morbida ed evoluta, bianca o rosata, a seconda dei piatti che si vogliono proporre.
Piatti come un carpaccio di pesce crudo, una tartare di salmone, un risotto agli scampi o alle zucchine, un branzino al sale, un rombo al rosmarino, una grigliata di pesce vengono notevolmente esaltati se accompagnati da un buon spumante. Ma non solo anche un prosciutto crudo, un culatello, un agnello al forno sono valorizzati dall’elegante freschezza delle bollicine di un rosato.
E vogliamo parlare dei formaggi? la morbidezza e la struttura di uno spumante, si abbina perfettamente a qualche scaglia di parmigiano, o a del camembert, o a un pecorino semi stagionato.
E per concludere il pranzo, un’elegante spumante Demi-sec può accompagnare un delicato dessert.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

12 commenti:

  1. queste focaccette sparirebbero ancora prima di arrivare in tavola, troppo buone :P

    RispondiElimina
  2. Come si fa a dire di no a queste focaccette con quella crosticina di parmigiano sulla superficie.

    RispondiElimina
  3. Laura che meraviglia, lo sai che amo queste ricette! Un bacio

    RispondiElimina
  4. wowww e molto invitante ..complimenti la vedo accoppiata bene con del prosciutto crudo mmmm gnam gnam
    lia

    RispondiElimina
  5. che meraviglia....saporitissimaaaaaaaaaaa!!!!!

    RispondiElimina
  6. fa vo lo se,complimenti cara sono deliziose mi hanno colpito e affondata,grazie per la delizia

    RispondiElimina
  7. bellissima e buonissima, il parmigiano è una genialata :)

    RispondiElimina
  8. Belle e golose le tue focacette , impossible resistere . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  9. gustose e ben lievitate, fanno veramente gola!!!

    RispondiElimina
  10. la crosticina mi invoglia da morire...e io non ho mica tanto bisogno di essere invogliata!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)