mercoledì 9 marzo 2016

Cassatine Mignon

Cassatine Mignon

Roma è meravigliosa se vista con gli occhi di un turista, ma viverci 365 giorni l’anno in un palazzone di oltre 70 condomini dove gli appartamenti erano poco più grandi di un loculo, in un altrettanto sovraffollato quartiere dove per il posteggio si doveva girare anche 30/40 minuti … beh non era il massimo della qualità della vita, a mio avviso. Una delle poche cose belle di quando vivevamo a Roma era la pasticceria sotto casa che sfornava delizie a tutte le ore del giorno. Tra queste c’erano le cassatine siciliane “mignon” di cui Marco era ghiottissimo.
Ora vivendo tra le dolci colline senesi la qualità della vita è al top ma… le cassatine sono introvabili! Così mi sono armata di santa pazienza, ho navigato per la rete alla ricerca di una ricetta garbina da provare e l’ho trovata qui. Fare la cassatine non è un lavoro difficile, ma richiede il suo tempo, però se acquistate il pan di spagna già pronto questa preparazione diventa velocissima. Un’accortezza particolare dovete averla nella ricotta che deve essere di qualità sublime!
 
Forse non tutti sanno che…
Il termine cassata deriva dall’arabo "qas’at" (bacinella rotonda). 
La prima volta che questo dolce apparve in un testo fu nel Declaurus di Angelo Sinesio (1305-1386) dove si parla della cassata come di un formaggio (ricotta) amalgamato con miele e avvolto nella pasta di pane.
Nel corso della storia la cassata ha avuto diversi arricchimenti con l’introduzione di nuovi ingredienti. Quando gli arabi arrivarono a Palermo, portarono la canna da zucchero, la mandorla, il cedro, il limone, l’arancia amara e il mandarino che andarono ad arricchire il dolce.
L’introduzione della pasta reale (o martorana) avviene alla fine del 1100 ad opera delle monache del convento di Martorana di Palermo. Mentre per il cioccolato e del pan di Spagna dobbiamo aspettare l’arrivo in Sicilia degli Spagnoli. Nel passato la cassata veniva prodotta dalle monache siciliane durante il periodo pasquale.
La decorazione della cassata, come la conosciamo oggi, fu ad opera del pasticcere palermitano Salvatore Gulì intorno al 1870.
 
Cassatine Mignon
 
Ingredienti per 6 cassatine
Per il Pan di Spagna (stampo tondo 18 cm)
2 uova
60 g di farina 00
60 g di zucchero
 
Per la crema
250 g di ricotta di pecora (ben scolata dal suo siero)
130 g di zucchero
1 pizzico di cannella
4 cucchiai di gocce di cioccolata
 
Per la decorazione
200 gr marzapane
Poche gocce di colorante verde
Ciliegine candite
Scorzette di arance candite
Succo di un’arancia
Zucchero a velo
 
Per la glassa
1 albume
40 gr zucchero a velo

 
Preparazione 
Pan di Spagna
Montate a lungo le uova con lo zucchero fino a quando diventeranno chiarissime, e sollevando le fruste cadranno restando in rilievo (scrivono). Aggiungete la farina setacciata incorporandola a mano, delicatamente e mescolando dall’alto verso il basso per non smontare le uova. Versate in un piccolo stampo tondo imburrato e infarinato o ricoperto da carta forno, e cuocete in forno preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti, controllate toccando la superficie (che deve risultare stabile e dorata) o fate la prova classico. Fate raffreddare su una gratella per dolci, poi tagliate il pan di spagna perpendicolarmente a fette (come se fosse una melanzana o una zucchina) di circa 1 cm di spessore
 
Crema di Ricotta
Setacciate la ricotta, zuccheratela e unite la cannella e le gocce di cioccolato amalgamando per bene il tutto
 
Glassa
Monta l’albume con lo zucchero a velo e continua a montare con le fruste elettriche fino a ottenere una glassa consistente.
 
Assemblaggio del dolce
Colorate il marzapane con due gocce di colorante verde per alimenti e stenderlo in una sfoglia di 2/3 mm di spessore aiutandovi con un po’ di zucchero a velo e ritagliarne 6 dischi.
Foderare con della pellicola trasparente degli stampini monoporzione a cupoletta, spolverizzateli con zucchero a velo e rivestiteli col marzapane, facendolo aderire bene ai bordi.
Riempite con una cucchiaiata abbondante di ricotta, livellarla e infine coprite con una fettina a misura di pan di spagna leggermente imbevuta di succo d’arancia e premere leggermente.
Mettete in frigorifero per almeno un paio d’ore poi sformate le cassatine, mettete un bottoncino di glassa al centro, decorate con mezza ciliegina candita e una scorzetta di arancia candita. Servire subito.
 
 
In abbinamento: Moscato di Noto
La cassata siciliana trova il suo abbinamento perfetto nel  Moscato di Noto. La caratteristica particolare di questo moscato è quella di essere imbottigliato a meno di un anno dalla vendemmia. Rimane pertanto un vino fine e delicato da bersi giovane. Il colore è giallo paglierino intenso, tendente al dorato. Al naso presenta sentori di miele, agrumi, fichi e vaniglia; sentori che ritornano al palato con piacevoli e dolci sensazioni gustative in perfetto equilibrio con una delicata sapidità che lo rendono perfetto oltre che con la cassata e con le torte a base di ricotta anche con la pasticceria secca in generale.

 
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

17 commenti:

  1. se sono mignon allora ne prendo due, che delizia !

    RispondiElimina
  2. troppo golose...io le prenderei tutte!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. Sono deliziose complimenti!
    Buona serata<3

    RispondiElimina
  4. eh si bisogna attrezzarsi e tu lo hai fatto in maniera egregia!!! Sei bravissima, complimenti per la foto.

    RispondiElimina
  5. che visione,buoneeeeee,grazie carissima

    RispondiElimina
  6. Desidero farle da tempo ma poi ho sempre altre ricette da provare....grazie per la bella ricetta.

    RispondiElimina
  7. Una splendida visione cara Laura, che delizia golosa!!!
    Bravissima!!!
    Un abbraccio e dolce notte!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
  8. Strepitose cara, ne sono golosissima.... quanto sono invitanti!!!!

    RispondiElimina
  9. la cassata è uno dei miei dolci preferiti! ^_^

    RispondiElimina
  10. bravissima!!! sia nella realizzazione, fedele alla ricetta originale, sia nella narrazione delle origini!!!

    RispondiElimina
  11. Semplicemente un capolavoro le tue Cassatine, Laura. Sei un mito!
    MG

    RispondiElimina
  12. Le "mie" cassatine, quelle della mia infanzia, adolescenza, gioventù, insomma quelle della mia vita a Napoli. Le cassatine mignon sono uno dei dolci napoletani delle feste natalizie. Le tue sono perfette. Un bacio

    RispondiElimina
  13. Deliziose mi prende una voglia irresistibile di riprodurle ma so che così belle non verranno mai, non ho molta pazienza coi dolci

    RispondiElimina
  14. Beh quando l'ho vista su fb sono rimasta a bocca aperta! amo le cassate e queste tue così piccine, sono così allegre ed invitanti, irresistibili che è impossibile dirgli di no!!! :-P
    buon week end! <3

    RispondiElimina
  15. O_O no va beh da vetrina, stupende!!

    RispondiElimina
  16. anche se ho già cenato una la mangerei....meglio 2

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)