mercoledì 25 gennaio 2017

Minestra di Maccarronis de Busa e Ceci

Minestra di Maccarronis de Busa e Ceci

Un piatto di minestra scalda il corpo ed il cuore nelle fredde serate invernali. Il profumo che si spande per tutta casa, di quella pentola di coccio che bolle piano piano sulla stufa, riporta a dolci ricordi del passato a casolari di campagna, a camini accesi.
Una buona minestra “profuma di mamma e di nonna”, "sa di casa" e crea convivialità attorno ad un tavolo trasmettendo tutto il calore e l’intimità famigliare.
Le minestre più buone sono quelle preparate con ingredienti umili, stagionali in base a quello che l’orto, regalava un tempo, e a quello che la massaia trovava nella madia. Eppure nella loro semplicità sono sempre così ricche di gusto e di tradizione. Assaporare un cucchiaio di minestra è come assaporare un racconto di tanti anni fa (talvolta secoli), fatto di civiltà contadina povera ma dignitosa, dove la massaia riusciva con i pochi ingredienti a disposizione a creare delle minestre ricche di gusto, a “celebrare” matrimoni perfetti dove i sapori dei singoli elementi si esaltavano l’uno con l’altro.
La ricetta di oggi unisce due regioni: la Sardegna con la sua pasta particolare i Maccarronis de Busa e la Toscana con una tra le sue minestre più tipiche: quella di ceci.
 
Forse non tutti sanno che… Maccarronis de Busa
I Maccarronis de Busa, sono un’antichissima pasta sarda che devono il loro particolare nome all’attrezzo anticamente utilizzato nella loro preparazione, il ferro da calza (Busa o ferrittu in lingua sarda, a seconda della zona di origine), dove l’impasto ridotto in piccole strisce veniva avvolto. La particolare forma e lavorazione, l’utilizzo di trafile di bronzo e la lenta essicazione, rendono Is Maccarronis de Busa una pasta ruvida e porosa, capace di catturare il condimento, saporita, profumata e resistente in cottura, nonché ad alto contenuto proteico. tratto da La Casa del Grano
 
Minestra di Maccaronis de Busa e Ceci
 
Ingredienti
200 gr pasta formato Maccarronis de Busa (per l’Antro La Casa del Grano)
350 gr ceci secchi
1 cipolla media
2 spicchi d’aglio
50 gr rigatino (pancetta tesa)
2 rametti di rosmarino
Foglie di salvia
Foglia di alloro
100 ml olio extravergine di oliva
100 ml vino bianco
1 cucchiaino di dado vegetale
Sale
Pepe nero
Un po’ di farina di mais
 
Preparazione
Lavare i ceci, metterli a bagno per 24 ore in abbondante acqua fredda, leggermente salata, con una manciata di farina di granoturco per ammorbidirli. Trascorso questo tempo, gettare l’acqua dell’ammollo, lavare i ceci molto bene e versarli in una pentola, possibilmente di terracotta, aggiungere l’acqua necessaria, qualche foglia di salvia, una foglia di alloro, qualche ago di rosmarino e uno spicchio d’aglio non sbucciato. Dopo aver portato a bollore, coperchiare e fare cuocere i ceci a fuoco basso sino a che non diventano teneri (circa 2 ore), scolare, tenere da parte l’acqua di cottura (levando la salvia, l’aglio e il rosmarino), e passarne la metà al setaccio per ridurli in purea.
Intanto tritare finemente il rigatino, la cipolla, lo spicchio d’aglio, mettere in una pentola di coccio dai bordi alti insieme alla salvia e al rosmarino e fare soffriggere in olio extravergine d’oliva per qualche minuto a fuoco moderato. Levare il rametto di rosmarino, aggiungere i ceci (interi e in purea), la pasta, sfumare con il vino bianco, aggiungere circa l’acqua di cottura dei ceci bollente e portare a cottura la pasta (circa 15 minuti). Se serve, o la desiderate più brodosa potete aggiungere del bordo vegetale sempre bollente. Levare dal fuoco regolare di sale, aggiungere un pizzico di pepe nero.  Servire la minestra condita con un filo di olio extravergine d’oliva a crudo.
 
----------------------------------------------
 
Ti garbano le MINESTRE, le ZUPPE o le VELLUTATE? 
Allora sbircia anche in questa raccolta...
 
Minestre, Zuppe e Vellutate
MINESTRE, ZUPPE & VELLUTATE


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

27 commenti:

  1. Che bella e che buona...scalda l'anima!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Giustissimo scaldano il cuore e rievocano ricordi..che buona, mi hai fatto venire una fame! baci

    RispondiElimina
  3. che delizia ci vuole una bella pasta coccolosa,un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Che buona questa pasta (non ne conoscevo il nome) e poi vado matta per i ceci!! :)

    RispondiElimina
  5. Garbanzos con salvia y romero que bien!!!
    Un saludito

    RispondiElimina
  6. Condivido ogni tua parola Laura,grazie per avermi fatto conoscere un tipo di pasta che ignoravo,un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo questo formato di pasta, sembra ottima come la minestra!!
    Io poi adoro i ceci e le zuppe in generale!!!
    Un abbraccio cara buon pomeriggio!!!!

    RispondiElimina
  8. Adoro quasi tutti i legumi secchi. L'unico che qui da me non si trova sono le fave secche, surgelate fresche si. Ho proprio fatto una vellutata di ceci ieri, stasera tocca alle lenticchie e poi farò la tua se trovo questa pasta sarda ma ho i miei dubbi. Buona serta.

    RispondiElimina
  9. Buonissima, adoro i ceci, una minestra sana e gustosa, perfetta per questo periodo di freddo!Un bacione!

    RispondiElimina
  10. Pasta e ceci è un classico a casa mia. Io l'adoro perchè sa proprio di casa. Mia nonna me la faceva sempre in inverno, sapeva che io ne andavo pazza, rigorosamente con il rosmarino. Non avevo mai sentito il nome di questa pasta, io la conoscevo come maccheroni col ferretto e pensavo fosse pugliese...guarda ti che ignoranza

    RispondiElimina
  11. davvero deliziosa questa minestra e grazie per avermi fatto conoscere questa pasta!

    RispondiElimina
  12. Ricetta molto interessante e invitante, poi non conoscevo questa particolare pasta, me la vado a cercare ;)

    RispondiElimina
  13. In questo periodo adoro tutte le minestre con i legumi, questa con i ceci e una vera delizia. Buona serata e a presto

    RispondiElimina
  14. Una minestra che adoro! Un bacio

    RispondiElimina
  15. un vero confort food in queste fredde serate d'inverno! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  16. Questo piatto è una vera coccola! In questi giorni sono sempre alla ricerca di queste ricette x scaldare cuore, anima e pancino ^_^

    RispondiElimina
  17. non conoscevo questo tipo di pasta, deve essere perfetta per le minestre e abbinata a ceci e pancetta diventa un piatto davvero irresistibile!

    RispondiElimina
  18. La pasta coi legumi quando fa freddo ci sta benissimo!

    RispondiElimina
  19. avevo letto minestra di macarons....stordita che sono, buonissima, il genere, poi oggi con sto freddo sarebbe un toccasana, un bacione

    RispondiElimina
  20. ottima ricetta, semplice e gustosa. Non sapevo che si potesse utilizzare la farina di granoturco per ammorbidirli!!!! non si finisce mai di imparare

    RispondiElimina
  21. Un connubio perfettamente riuscito!!!
    Baci

    RispondiElimina
  22. Buona! Io adoro le minestre e se sono di legumi, ancora di più.

    RispondiElimina
  23. Perfetta questa minestra per queste fredde serate!

    RispondiElimina
  24. Hai ragione, queste minetre o zuppe confortano, rassicurano, raccontano, evocano ricordi di famiglia, è bello perchè il cibo non è soltanto nutrimento del corpo, ma anche dell'anima! mi piace tantissimo così semplice! a presto

    RispondiElimina
  25. Siamo in perfetta sintonia, allora. Minestra di legumi anche per me oggi :-)

    RispondiElimina
  26. una minestra che in inverno preparo spesso, mi piace tantissimo!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)