giovedì 14 settembre 2017

Barchette Capresi

Barchetti Capresi

“Junio mi trovi un nome per questi rustici che ho fatto oggi?”
“Barchette Capresi!”
Interviene l’inossidabile De Win “Ha proprio ragione! Sembra una flottiglia di barchette! Buonissime! Arriveranno a domani?”
No.
 
Queste barchette sono di una semplicità disarmante però per un lunch veloce accompagnate da un fresco contorno o per un aperitivo sono veramente golose e velocissime da preparare, insomma una tira l’altra e la flottiglia sparisce in un amen!
 
Forse non tutti sanno che… Pomodori
Se le sue origini americane sono risapute, meno si sa dell’originario colore giallo dorato (da cui il nome). Il pomodoro, infatti, diventa rosso nel meridione d’Italia dopo selezioni e innesti. Ancora oggi ne esistono varietà bianche, arancioni e gialle, fino al “nero di Crimea” dal caratteristico colore violaceo.
I conquistadores spagnoli ne riportarono alcune piante  dai loro viaggi in Messico e Perù. Lì era una pianta ornamentale e lo fu anche in Europa per più di un secolo: il pomodoro, infatti, era considerato tossico. A quel tempo si credeva anche che il pomodoro avesse proprietà afrodisiache ed era usato per preparare filtri e pozioni.
Nel Seicento, anche grazie al clima, era utilizzato in Francia e Italia. Con una particolarità: al di là delle Alpi era appannaggio delle classi nobili, mentre in Italia meridionale era consumato dal popolo, per lo più crudo o in zuppe.
Oggi il pomodoro, nel nostro Paese è ovunque, a partire dalla bandiera: il colore rosso, infatti, è codificato come 18-1662, cioè rosso pomodoro (G.U. 174, 28 luglio 2006). Del resto è condimento per i piatti-simbolo della penisola in tutto il mondo.
 
Barchette Capresi
 
Ingredienti per 16/18 pezzi
1 rotolo di pasta sfoglia rotonda
2 pomodori ramati medi
1 scalogno
4 foglie di basilico tritate
1 scatoletta di tonno piccola
40 gr mozzarella
1 cucchiaio parmigiano grattugiato
Olio extravergine d’oliva
Mezzo cucchiaino di origano tritato
Sale
Pepe nero
 
Preparazione
Preriscaldare il forno a 190°
Dal rotolo di pasta sfoglia ricavate 16 tarlette e metterle in frigorifero.
Lavare i pomodori, asciugarli e farli a piccoli cubetti. Metterli in una terrina insieme allo scalogno tritato, alle foglie di basilico, al tonno ben sgocciolato e sminuzzato, alla mozzarella tritata, al parmigiano. Condire con un filo di olio extravergine d’oliva, l’origano, un pizzico di sale e uno di pepe.
Foderare una teglia tonda con carta forno. Riempire le tarlette e disporle a cerchio sulla teglia.
Spolverare di parmigiano e infornare per circa 20 minuti, passare poi al grill sino a doratura delle tarlette.
 
-----------------------------------------------
 
Ti garbano i RUSTICI?
Allora sbircia in questa raccolta…
 
RUSTICI
RUSTICI

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

10 commenti:

  1. nome perfetto per una sfiziosità da acquolina !

    RispondiElimina
  2. Sono proprio belle queste barchette e di sicuro anche buonissime :-P
    baciotti ^__^

    RispondiElimina
  3. Sfiziose e proprio simpatiche con questo nome! Un abbraccio Laura, ne assaggio una volentieri!

    RispondiElimina
  4. Ti ruberei volentieri una barchetta :)
    Molto stuzzicanti.
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Belle sfiziose e irresistibili le tue barchette , ne prendo una e ti invio un grande abbraccio , Daniela.

    RispondiElimina
  6. Queste, per dirlo alla tua maniera...mi garbano assaiiiii
    Che buone!!!

    RispondiElimina
  7. I rustici mono porzione sono un modo carino e veloce per svuotare il frigo e allo stesso tempo mettere su una cena o un'aperitivo improvvisato.. Ottima idea!

    RispondiElimina
  8. Ecco qui mangerei tutto!!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)