mercoledì 11 ottobre 2017

Crostoni Integrali con Trippa alla Fiorentina

Crostoni Integrali con Trippa alla Fiorentina

Liceale modalità on: siamo andati a ritirare tutti i libri del liceo, entusiasta dico al figliolo: "Junio sei contento che finalmente sono arrivati tutti i libri del liceo????""
Lui: "Diciamo di sì... anche perché di no non mi è permesso dirlo!"
... ... ... #maiunagioia
 
Adoro la trippa, mi garba talmente tanto che quando vivevo a Roma un’amica la preparava divinamente e ogni volta che la faceva mi diceva di andarne a prendere un vasetto e conoscendomi insieme al vasetto di trippa fumante mi dava anche una forchettina sapendo che quella trippa non sarebbe mai arrivata a casa ma l’avrei finita tutta sulla strada del rientro.
Poi ho conosciuto casualmente e fortunatamente La Bottega del Trippaio e ho avuto modo di assaggiare la loro trippa alla fiorentina. Ho risentito lo stesso sapore della trippa che faceva mia madre, buona da morire, così tenera, profumata di verdure dell’orto ed erbe aromatiche. E pensi a quanto sono buone quelle ricette semplici di una volta, quando con pochi ingredienti a disposizione della massaia si creavano delle pietanze da leccarsi i baffi!
 
Forse non tutti sanno che… nun c'è trippa pe' gatti
Il popolare modo di dire romanesco "Nun c'è trippa pe' gatti" è un'espressione che nacque ai primi del Novecento ad opera dell'allora primo cittadino di Roma, Ernesto Nathan. L'aneddoto narra che quando al neoeletto sindaco venne sottoposto il bilancio del Comune per la firma, questi lo esaminò attentamente ma chiese spiegazioni riguardo alla voce "frattaglie per gatti". Il funzionario che gli aveva portato il documento per la firma rispose che si trattava di soldi utilizzati per il mantenimento di una colonia felina che serviva a difendere dai topi i documenti custoditi negli uffici e negli archivi del Campidoglio. Nathan depennò la voce dal bilancio, adducendo la logica e rigorosa spiegazione che i gatti avrebbero dovuto sfamarsi con i roditori a cui dovevano dare la caccia, ed aggiungendo a margine la celebre frase "Non c'è trippa per gatti". Tratto da Troppa Trippa
 
Crostoni Integrali con Trippa alla Fiorentina
 
Ingredienti per circa 6/8 persone
8 fette di pane integrale spesse circa mezzo cm
1 vasetto di Trippa alla Fiorentina pari a 480 gr (La Bottega del Trippaio)
120 gr fagioli cannellini in scatola
2 spicchi d’aglio
Scaglie di parmigiano
 
Preparazione
Scaldare la trippa e aggiungere i fagioli, scolati e ben sciacquati. Portare il tutto a ebollizione e levare dal fuoco.
Abbrustolire le fette di pane e strofinarle con l’aglio.
Disporre la trippa coi fagioli sulle fette di pane.
Guarnire con scaglie di grana e servire.
 
----------------------------------------------
Ti garbano BRUSCHETTE & CROSTINI?
Allora sbircia in questa raccolta...
BRUSCHETTE E CROSTINI
BRUSCHETTE & CROSTINI

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

8 commenti:

  1. che goduria, molto, molto invitante !

    RispondiElimina
  2. Che buona la trippa alla fiorentina, e questi cristoni con trippa e fagioli sono davvero deliziosi . Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  3. Ti è per caso avanzata una porzione di trippa? il mio compagno la adora ma io non so neanche da dove iniziarla a cucinare... bellissima! A presto LA

    RispondiElimina
  4. Adoro la trippa, gustosa idea questi crostoni!!!!

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia di crostone, lo mangio con gli occhi, è bello ed invitante!

    RispondiElimina
  6. un crostone meraviglioso..tutto autunno e molto salutare

    RispondiElimina
  7. Davvero golosi! Un abbraccio

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)