giovedì 2 novembre 2017

Gnocchi alla Norcina

Gnocchi alla Norcina

Di rientro dalla lezione di solfeggio:
"Mamma che fai?"
"Il sugo alla norcina, quello con la salsiccia!
"Perché? Cosa si mangia questa sera?"
"Gnocchi alla Norcina! "
"Sì ma ‘sto sugo fallo per bene! Metticele sul serio le salsicce!!!! Che tu solitamente ne metti solo il minimo sindacale!!!!"
... minimo sindacale... e questa dove l’avrà mai sentita????
 
La ricetta di oggi è non golosa, di più! E’ un “comfort” food perfetto nelle fredde domeniche di tardo autunno. Gli gnocchi sono favolosi, il sugo alla norcina pure. Sommate insieme due cose buonissime e il totale sarà sarà un piatto sontuoso, ricco di gusto.
 
Forse non tutti sanno che… Pasta alla Norcina
“Norcino”, fin dal Medioevo, è sinonimo di maestro nella lavorazione della carni di maiale. Da Norcia, nei mesi invernali, i norcini lasciavano la loro città per girare l’Italia Centrale durante la macellazione dei suini. Furono loro a diffondere, a Roma, l’arte di produrre salumi. “Norcino”, a Roma, divenne così sinonimo di esperto salumiere.
Una delle denominazioni più ambigue della nostra gastronomia è la pasta “alla norcina”. Con lo stesso nome vengono infatti indicati due piatti completamente diversi. Tutta “colpa” di Norcia, una vera e propria miniera di sapori!
La prima versione della pasta alla norcina è quella che prevede l’utilizzo di ricotta (che in epoca moderna è stata sostituita dalla panna), pecorino e salsiccia umbra. L’appellativo “alla norcina”, in questo caso, dipende dall’utilizzo delle salsicce dei maestri norcini.
La seconda versione è quella con il tartufo nero di Norcia grattugiato e riscaldato assieme a olio extravergine d’oliva, acciughe e aglio. “Alla norcina”, in questo caso, si intende proprio “di Norcia”, come il tartufo nero che ne è l’ingrediente principale.
Qual è, dunque, la vera “norcina”? La storia dei norcini fa propendere per la prima.
Il nome della variante con il tartufo sarebbe, allora, da ripensare: perché non chiamarla, ad esempio, “spaghetti alla nursina”, sfruttando l’antico nome di Norcia?  tratto da La Cucina Italiana
 
Gnocchi alla Norcina
 
Ingredienti per 4 persone
350 gr di salsiccia di Norcia
130 gr ricotta
1 bicchiere di vino bianco secco
Pecorino di Norcia grattugiato
Olio extravergine d’oliva
Pepe Nero
Sale
 
Preparazione
Spellare le salsicce, sbriciolarle finemente e farle dorare in una larga padella con un filo d’olio, quindi sfumarle con il con il vino bianco. Aggiungere la ricotta stemperata con qualche goccia di latte. Alla fine aggiungere un’abbondante macinata di pepe.
Intanto lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolarli e farli saltare in padella con la salsiccia e il pecorino, aggiungendo se necessario qualche cucchiaiata di acqua di cottura dei gnocchi. Servire con un’ulteriore spolverata di pecorino.
 
-----------------------------------------------
 
Ti garbano gli GNOCCHI?
Allora sbircia in questa raccolta…

GNOCCHI
GNOCCHI


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

15 commenti:

  1. Un piatto da leccarsi i baffi!Qui dai noi in Umbria si tende ad usare la panna invece della ricotta ma la tua versione mi piace moltissimo,sicuramente più leggera!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. adoro gnocchi, looks delicious!

    RispondiElimina
  3. Il minimo sindacale! Ma sarete un mito? :D
    Meraviglioso e succulento piatto, Laura!
    Baci!!!
    MG

    RispondiElimina
  4. Ciao Laura, non conoscevo questa ricetta... mi stuzzica molto appena preparo gli gnocchi voglio provarla anche io. A presto LA

    RispondiElimina
  5. Beh! Difficile dire di no ad un piatto così... da fare il bis.

    RispondiElimina
  6. entrambe le versioni sono da leccarsi i baffi, con gli gnocchi non si sbaglia mai ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Veramente un signor piatto!!!
    Baci

    RispondiElimina
  8. Una ricetta deliziosa! Quasi quasi torno onnivora! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. beh, sono d'accordo con te: un connubio perfetto per un gran piatto!

    RispondiElimina
  10. Innanzitutto grazie per l'esauriente storia della provenienza del Norcino ed inoltre per questa golosa ricetta :) Potrei farne incetta fino a finire il piatto!!! Sono stata tanti anni fa a Norcia, quando era bella e splendente, ricca di negozietti e profumi fantastici, mi fa male ora saperla distrutta dal terremoto. Pertanto colgo l'occasione di questo tuo post per augure a tutti gli abitanti di Norcia di ritornare al loro vigore e splendore.

    RispondiElimina
  11. Mamma mia che bontà.. mai preparati eppure gli ingredienti sono tra i miei preferiti! Ho assolutamente voglia di cimentarmi! Un bacio cara Laura, buon inizio settimana per domani!

    RispondiElimina
  12. Adoro gli gnocchi e adoro il sugo alla norcina , un piatto da 10 e lode . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  13. Che fame! Grazie anche per le informazioni, la pasta alla norcina l'avevo mangiata anni fa in un ristorante e aveva sia salsiccia che tartufo che panna, quindi un po' di chiarezza mi ci voleva!

    RispondiElimina
  14. ingredienti che amo...una vera bonta'!!
    baci

    RispondiElimina
  15. non ho mai assaggiato una vera pasta alla norcina, anche se solo a leggere gli ingredienti so che la amerei alla follia! grazie per aver condiviso la ricetta :)

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)