lunedì 29 giugno 2009

Pici all'Aglione

Pici all'Aglione

Il piatto dei giorni di festa, qui da noi, non può essere che uno solo: i Pici. Pici al Ragù, Pici all'Aglione, Pici con la Nana, Pici con le Briciole, pici... pici... pici... Ovviamente rigorosamente fatti in casa!!!
Due anni fa ho anche partecipato ad una gara di pici! Tira, tira, tira (occhio a NON spezzarlo!) il mio picio misurava mt 2,20! Vinse però una ragazza che ne fece uno di oltre 3 metri. I Pici "più pregiati", infatti, sono quelli più lunghi, non a caso le massaie più brave superano anche i 3 metri per picio!
Il condimento per eccellenza dei pici è il Sugo all'Aglione. Ogni famiglia ha il suo modo di preparare questo condimento, vero è che questo sugo è tanto più buono e "toscano" quanto più aglio riuscirete a mettere.

Pici - Ricetta Base


Ingredienti per 4/5 persone
500 g di farina 0
2 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
un pizzico di sale

Preparazione
Versare la farina sulla spianatoia e unitevi l'olio, un pizzico di sale e l'acqua sufficiente ad impastare con cura con le mani sino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico. Formare una palla, ungerla bene con olio extravergine d'oliva. Ricoprire con un canovaccio e lasciatelo riposare per 1 o 2 ore

La Lavorazione del Picio
Prendere un pezzettino di impasto e lavorarlo a rotolino. La pasta ben si presta a questa lavorazione perchè è un impasto abbastanza morbido (ma non appiccicoso) ed elastico. Man mano che il rotolino si allunga occorre fare una leggera pressione della dita verso l'esterno poichè essendo un impasto elastico tende a ritirarsi verso l'interno. Per dare un'dea della lunghezza del picio "medio" diciamo che è intorno ai 20/25 cm (secondo poi il gusto di ognuno). Per evitare che si attacchino l'un l'altro metterli in un vassoio con farina di mais e spolverarli con la stessa farina. I Pici si cuociono in abbondante acqua bollente salata per circa 13 minuti, devono comunque risultare al dente.

Sugo all'Aglione
dal libro Cucina Toscana
sapori antichi, essenziali di nobili e contadini

Ingredienti
40 g di aglio fresco
700 g di pomodori pelati
50 g di Pecorino grattugiato
Olio extravergine d'oliva
Sale e Pepe

Preparazione
Sbucciare l'aglio, tagliarlo a fettine, metterlo in una casseruola di coccio con abbondante olio evo. Far rosolare a fuoco basso quindi unite i pomodori pelati, lavati e passati al setaccio. Aggiungere sale e pepe e lasciate cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti. Nel frattempo cuocere i pici, scolateli e conditeli in un saltiere con il sugo caldissimo. Portateli subito in tavola con il pecorino grattuggiato a parte.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved.

42 commenti:

  1. Laura devono essere buonissimi i pici fatti in questo modo, copio la ricetta perchè non li ho mai assaggiati! baci

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura belle le tue foto, e..... la ricetta dei pici la copio
    baci baci
    cristina

    RispondiElimina
  3. Laura è da tanto che mi ripropongo di farli, mi guardo il procedimento passo per passo.
    Grazie e un bacione.

    RispondiElimina
  4. meravigliosi questi picci ma anche la parata e il tuo splendido ometto!!!baci imma

    RispondiElimina
  5. Buonissimi questi pici!!!!!!!
    Ho già stampato la ricetta il prossimo fine settimana provo a farli, me li sento già in bocca!!!!!!
    Grazie ciao carissima!!!!

    RispondiElimina
  6. ciao tesoro,come va?
    che gran bell'aspetto che hanno i tuoi pici!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao manco da un pò,è sempre interessante visitare il tuo blog.
    buoni i pici

    RispondiElimina
  8. @ Micaela non è difficile farli... ci vuole solo tanta tanta pazienza!

    @ Cristina copia pure ;-)

    @ Sabrina pe qualsiasi help chiedi pure!

    @ Imma ma grazie!!!

    @ Stefi poi fammi sapere come è andata ;-)

    @ Mirtilla ma... è un periodo un po' così... sarà il tempo ballerino ?????

    RispondiElimina
  9. sempre belle e interessanti le tue foto....ho idea che a tuo figlio i pici siano piaciuti tanto...
    mi copio la ricetta grazie!!ciaooo

    RispondiElimina
  10. Fanno proprio venire voglia di provarli.
    Li farò sicuramente.
    Baci

    RispondiElimina
  11. Io non li ho mai fatti, non so se riuscirei.....
    I tuoi hanno un aspetto incantevole, con quel sughetto poi....davvero gustosissimi ;-)
    Ciao e buona serata!!!

    RispondiElimina
  12. mamma che spettacolo tutti belli ricchi di sugo....mmmm....fanno venire una fameeeee

    RispondiElimina
  13. @ Emamama effettivamente lui è ghiottissimo di pici :-)

    @ Germana fammi sapere l'esito :-)

    @ Luciana non è difficile, ci vuole solo tanta pazienza a tirarli uno ad uno :-)

    @ Simo ma grazie!!!

    RispondiElimina
  14. Cara Laura
    io penso che i pici sino favolosi , ma penso con quel gustoso sugo sia buona anche altra pasta vero ? come gli spaghetti alla chitarra . baci

    ciao army

    RispondiElimina
  15. Laura mi ricordo molto bene di quella gara. Ho conosciuto i pici ( nella nostra precedente vita ) grazie a te e li ho amati da subito.
    Bellissima la foto di MJ con il piattone di pici.
    un bacio

    RispondiElimina
  16. Laura sono favolosi!! mi salvo la ricetta!!! brava!!

    RispondiElimina
  17. Belli, i pici, e soprattutto dalla faccia di tuo figlio mi immagino quanto siano buoni!
    Chianciano pare molto accogliente e verde dalle tue foto, e la sfilata è veramente carina. Chissà che un giorno... :)

    RispondiElimina
  18. @ Armanda eh sì qui in agriturismo è un piatto che sanno fare molto bene!

    @ Erminia è vero ... allora mi sa che di anni ne sono passati 3!!!!!!!

    @ Federica fai pure ;-)

    @ MarinaV... perchè no???? Mai dire mai!!! :-)

    RispondiElimina
  19. Chianciano è veramente una cittadina deliziosa.... come il tuo piccolo Marco... come sicuramente lo sono anche i pici... io opterei per quelli all'aglione... Ciao Laura!

    RispondiElimina
  20. ahhhhh...l'aria che si respira dalle tue parti dev'essere proprio rilassante! bello il reportage sulla festa, San Giovanni Battista è anche il Patrono di Angri, città in cui abito da più di sette anni e anche qui fanno una gra festa con tanto di corteo storico, Palio delle contrade ecc. ecc.... che dire poi dei pici?...nulla...bisognerebbe solo gustarli!
    un abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  21. Ciao! che belle immagini..e che buona la pasta!!
    un bacione

    RispondiElimina
  22. non l'ho mai assaggiata questa pasta ma sicuramente sarà buonissima!! le tue foto sono davvero belle!!! bacioni!!

    RispondiElimina
  23. Ma che bella festa.. e soprattutto bellissima sfilata.. grazie per tutte quelle foto... I pici!!!! io li adoro! li ho mangiati per la prima volta a Pienza... con il pomodoro :-)))))) slurp.....

    RispondiElimina
  24. @ Maggye i pici all'aglione sono d'una bontà unica!!!!

    @ Dida io sono scappata da Roma due anni fa e non la rimpiango assolutamente :-) anzi non mi vedrei a vivere in nessun altro posto. Amo follemente la Toscana non a caso l'abbiamo scelta per viverci... è tutto così a dimensione d'uomo :-)

    @ Manu e Silvia ma grazie!!!

    @ Katty è deliziosa!

    @ Claudia Pienza è la patria dei pici :-)

    RispondiElimina
  25. Laura!, che bella la festa a chianciano, non la conoscevo... io vado a Sarteano e conosco la Giostra, e i pici all'aglione!!! yhuuummm. Che buoni, tutti quanti! Grazie a mi socero Franco!, un bacio.

    RispondiElimina
  26. Devono essere buonissimi ...adoro l'aglio!
    ciao!

    RispondiElimina
  27. Mamma mia...Come direbbero a Roma "me ne magnerei 'na cofana!"

    RispondiElimina
  28. Con te si fa' sempre festa...e si mangiano delizie! Mi hai ricordato i pici e adesso ho una fame incredibile. Buona serata

    RispondiElimina
  29. Laura come dirti grazie per questa ricetta....fantastica...e semplice...ma per me sconosciuta...ci provo! mi hai insegnato gli spaztle...ora imparo i pici

    RispondiElimina
  30. I pici..che meraviglia!fameeee..bravissima!

    RispondiElimina
  31. @ Criss eccome se conosco la giostra del saracino :-) noi siamo contradaioli di san martino :-)

    @ Nicoleta se adori l'aglio allora questo piatto è il tuo

    @ Pupina sante parole!!!

    @ Dada allora ti sei sfamata ;-)

    @ Lo i pici sono semplicissimi ma ti daranno una grande soddisfazione!

    @ Night è sempre l'ora giusta per un piatto di pici :-)

    RispondiElimina
  32. Ciao Laura che bella festa dev'essere!!
    ti volevo chiedere un consiglio ...per un chilo di pici quanto sugo devo fare all'aglione? la dose che hai dato tu....per quanta pasta sarebbe? hehe
    scusa ma vorrei provarla questa ricetta che è un bel pò che me lo riprometto!!!!
    un bacio
    Pippi

    RispondiElimina
  33. @ Pippi questa è una dose per 4/5 persone :-) raddoppiando la dose di sugo dovrebbe bastare per 1 kg di pici :-)

    RispondiElimina
  34. Cara Laura ,

    questa settimana ho detto che li faccio , così ti rubo la ricetta ,spero che venga buoni come quelli che ho mangiato in Toscana Fantastici , ti farò sapere, poi li pubblico nel mio blog sai ahahahaha baci
    ciao army

    RispondiElimina
  35. @ Armanda sono curiosissima di leggere il post!!!!

    RispondiElimina
  36. li ho mangiati fatti proprio così ed erano deliziosi !

    RispondiElimina
  37. Eco un piatto che io adoro, buonissimi i tuoi pici all'aglione . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  38. i pici sono una vera delizia, ma così non li ho mai fatti...da provare!

    RispondiElimina
  39. li mangiai durante un blog tour a Siena buonissimi! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  40. hanno un aspetto troppo invitante, fantastici!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)