venerdì 17 gennaio 2014

Vellutata di Topinambur con Olio al Tartufo

Vellutata di Topinambur con Olio al Tartufo
Vellutata di Topinambur con Olio al Tartufo del Ristorante Flötscherhof 

Topinambur ovvero storia di una folgorazione. Da sempre ho visto ricette con questo strano tubero, ma ne sono sempre stata diffidente sino a che al cenone di San Silvestro non mi è stata servita proprio una vellutata di topinambur. Oddio, non nego che ho storto il naso, ma non potendo rimandarla indietro non mi restava altro che assaggiare. E qui mi si è aperto un mondo poiché alla prima cucchiaiata sono stata letteralmente folgorata! Vellutata di topinambur con olio al tartufo… non buona, di più!!! Da fare il bis, il tris, da farsi portare tutta la zuppiera. Un piatto così buono da imbastire il "solito" divertente siparietto, della food blogger esultante, fatto di concitati gridolini e di occhietti a cuoricino davanti alla scoperta di un alimento, sino ad allora sconosciuto, che le garba da impazzire.

Curiosità: Il topinambur è un tubero che si raccoglie in autunno/inverno. Il gusto è una piacevole via di mezzo tra il carciofo e la patata. Si può consumare sia crudo che cotto. In Piemonte è addirittura considerato tra le migliori verdure da intingere crude nella bagna cauda. Da cotto viene usato come le patate (in purea, fritto, trifolato, come base di vellutate e così via).
L’aspetto interessante è che a differenza delle patate non contiene amido ma inulina, una fibra solubile dalle preziosissime proprietà per il nostro organismo. Pertanto il topinambur non è solo buono, ma fa anche tanto bene: è un alimento indicato a chi vuole dimagrire (come non amarlo ancora di più???), ha una funzione depurativa nei confronti dell’intestino. E’ un alimento indicato per i diabetici poiché abbassa il livello di assorbimento degli zuccheri da parte dell’intestino e del colesterolo. Infine è ricco di vitamina A e B e sali minerali come ferro, zinco, magnesio e selenio.
il topinambur viene anche chiamato patata del Canada, pera di terra, carciofo di Gerusalemme, rapa tedesca e tartufo di canna. Può essere coltivato senza difficoltà anche in un normale orto casalingo o sul balcone di casa.

Vellutata di Topinambur con Olio al Tartufo

Ingredienti per 4 persone

600 gr topinambur (già pelati)

200 gr patate (già pelate) 

1 scalogno
30 ml olio extravergine d’oliva
600 ml brodo vegetale
50 ml panna da cucina
2 cucchiai di vino bianco (Sauvignon blanc)
Olio extravergine d'oliva al tartufo

Preparazione Classica
Tritare la cipolla metterla, in una pentola dai bordi altri (meglio se di coccio) e farla appassire nell’olio. Unire i topinambur e le patate tagliate a tocchetti e fate insaporire per qualche minuto. Coprire con il brodo vegetale e fate cuocere a fiamma dolce per circa 45 minuti (i topinambur devono diventare morbidi).
Frullare il tutto, rimettere sul fuoco, condire con la panna e il vino (se la vellutata dovesse risultare troppo densa allungare con un po' di brodo caldo).
Versare la vellutata nei piatti e guarnirla con un filo di olio al tartufo.

Preparazione con il Bimby
Inserite nel boccale lo scalogno e tritate 5 sec. vel. 7.
Unite l'olio, le patate, i topinambur e tritate grossolanamente 5 sec. vel. 5/6.
Unite il brodo e cuocere per 30 min. 100° vel. 1.
Al termine frullate per 6 secondi vel. 7/8.
Condire con la panna da cucina e il vino, mescolare 6 sec. vel 4.
Versare la vellutata nei piatti e guarnirla con un filo di olio al tartufo.


Abbinamento consigliato: per questo piatto a tendenza dolce (patate, topinambur), delicatamente aromatico (olio di tartufo), di modesta grassezza e untuosità (panna, olio), il vino consigliato è un vino bianco morbido ed elegante, di discreta struttura, di buona sapidità e freschezza, dai delicati sentori fruttati e floreali, e di buona persistenza aromatica come un Alto Adige Terlaner Sauvignon Blanc.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

16 commenti:

  1. Laura, io ADORO i topinambur!! Quest'autunno li ho anche piantati in giardino (ma per motivi ornamentali, trovo i suoi fiori bellissimi), certo è che questa vellutata garba tantissimo anche a me!!

    RispondiElimina
  2. Deliziosa la tua vellutata, un vero comfort food , in questa giornata piovosa. Ottimo il vino che hai abbinato . Buon fine settimana Daniela.

    RispondiElimina
  3. Ciao Laura, perfetta sintonia... anche per me oggi crema di topinambur ^_*
    Trovo che sia deliziosa!!!
    Bacioni, buon fine settimana...

    RispondiElimina
  4. lo conosco e anche io ne vado matta...ma perchè non ho mai messo nessuna ricetta sul blog? Li cerco....Buon weekend !

    RispondiElimina
  5. Raffinata! Buonissima proposta Laura!

    RispondiElimina
  6. Non l'ho mai assaggiato, mi hai incuriosita. Voglio provarlo.

    RispondiElimina
  7. eppure non ho ancora mai usato e gustato il topinabur...devo iniziare a gustarlo perche questa vellutata e invitante
    lia

    RispondiElimina
  8. Mi piace il tuo piatto, lo trovo molto raffinato! Bello anche come l'hai presentato! Buona serata

    RispondiElimina
  9. In Piemonte ne mangiamo a volontà!! Buonissimi!!!
    Ricetta molto molto invitante!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  10. Adoro tutte le vellutate, e non so perché con il topinambur non l'ho ancora fatta, mi segno la tua anche se dovrò sostituire l'olio al tartufo (che non posso mangiare) con un altro olio.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. gnam gnam ricetta sopraffina...ma tu il topinambur dalle nostre parti dove lo trovi?

    RispondiElimina
  12. Confesso la mia ignoranza, non l'ho mai assaggiato, ottima la tua ricetta, da provare alla prima occasione

    RispondiElimina
  13. Chissà perché a volte siamo diffidenti di fronte a certi ingredienti o piatti. Per poi, una volta che li proviamo, trovarli irresistibili!
    Sublime vellutata, Laura!
    Grazie!
    MG

    RispondiElimina
  14. Adoro le vellutate, se poi aggiungi l'olio al tartufo, allora siamo proprio alla perfezione! Un bacio

    RispondiElimina
  15. adoro il topinambur e con l'olio al tartufo l'ahai reso ancora più prezioso

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)