lunedì 10 marzo 2014

Tortine Mimosa con Crema al Cioccolato

Tortine Mimosa con Crema al Cioccolato

Un dolce tormentone che gira tra i blog in questi giorni e, ovviamente, anche io ho dato! Oggi parliamo di torta mimosa, quel dolce soffice, delicato, cremoso che con il suo colore dorato tenue è un richiamo alla primavera. Una preparazione non particolarmente complessa, ma che richiede però pazienza anche se, come nel mio caso, utilizzate il Bimby per la sua preparazione.
Io ne ho fatto una versione decisamente “eretica” poiché l’ho farcito di voluttuosa crema pasticcera al cioccolato arricchita da bacche di goji e gelatine di pesca. E non ho fatto una torta unica ma delle graziosissime tortine monoporzione che sono sparite in una serata (quella di sabato per l’appunto).

Curiosità: La mimosa è diventata il dolce simbolo della giornata della donna nel 1946. Quando le donne appartenenti all’UDI (Unione Donne Italiane) prepararono la prima festa della donna del dopoguerra, scelsero un fiore delicato e profumato che potesse diventare il simbolo di questa festa: la mimosa che fiorisce abbondantemente a marzo nelle campagne e pertanto era un fiore “povero” (ai tempi… non certamente oggi!). La Torta Mimosa nasce a Roma sempre intorno al 1946: i pasticceri che dovevano preparare un dolce per questa festa scelsero di decorare la torta con tanti piccoli dadini di pan di spagna per ricreare l’effetto “mimosa”. Per ottenere un colore più giallo del Pan di Spagna basta aggiungere all’impasto un po’ di zafferano o della curcuma.

Tortine Mimosa con Crema al Cioccolato
(Versione Bimby)

Pan di Spagna Ingredienti per 4 tortine (o una torta intera dal diametro di 24 cm)
4 uova fresche a temperatura ambiente
50 gg acqua
1 pizzico di cremor tartaro
150 g zucchero semolato
160 gr farina

Per la farcitura
Rum
500 gr crema pasticcera al cioccolato ben soda
4 gelatine di pesca a dadini tritate
2 cucchiai di bacche di goji

Inoltre
Zucchero a velo
Bacche di goji
4 Gelatine di pesca

Preparazione
Posizionare la farfalla, suddividere gli albumi dai tuorli. Versare gli albumi nel boccale e frullare 2 min. vel 3-4. Sempre con le lame in movimento aggiungere l’acqua e il cremor tartaro, continuare a montare gli albumi 4 min. vel 3-4. Togliere gli albumi dal boccale e versarli delicatamente in una ciotola.
Pulire il boccale e asciugarlo bene. Preparare lo zucchero a velo: 10 sec. Vel.9. Posizionare la farfalla, aggiungere i tuorli, montare: 3 min vel 3-4. Sempre con le lame in movimento a vel. 3-4 versare la farina e continuare a lavorare: 3 min vel.3-4. Unire al composto delicatamente gli albumi montati: 5 sec.vel.3
Versare il composto in uno stampo tondo, di 24 cm di diametro, ben imburrato e infarinato e cuocere in forno caldo statico a 160° per circa 40 minuti. Lasciare in forno spento per circa 10 minuti. Levatelo dallo stampo e fatelo raffreddare su una gratella per dolci.
Intanto fate rinvenire le bacche di goji in acqua tiepida per una ventina di minuti. Scolarle e asciugarle bene. Tritate grossolanamente le gelatine di pesca.

Tagliate orizzontalmente il pan di spagna in due dischi di 1 cm di spessore. Con un coppa pasta ricavatene 8 tortine. Il pan di spagna avanzato tagliatelo in piccolissimi dadini e teneteli da parte. Bagnate i cerchietti di pan di spagna con il rum. Farcite 4 tortine con la crema pasticcera, aggiungere qualche bacca di goji e le gelatine di pesca tritate.
Richiudete con i restanti dischetti e mettete in frigorifero a rassodare per almeno 30 minuti. Trascorso questo tempo stendere il resto della crema sulle tortine e ricoprite tutta la superficie con i dadini di pan di spagna. Tenere in frigorifero sino al momento di servirle. Prima di portarle in tavola spolveratele abbondantemente di zucchero a velo e decorate con qualche bacca di goji e una gelatina di pesca sulla sommità.

Abbinamento consigliato: la Torta Mimosa è un dolce delicato, ma nel contempo ricco, a base di Pan di Spagna bagnato di liquore dolce, farcito di crema, dove spiccano la tendenza grassa, la dolcezza e l’aromaticità e la delicata persistenza. In abbinamento si propone un vino “importante” di buona personalità, intenso come un Cinque Terre Sciacchetrà. Un vino particolarissimo, figlio di quella “viticoltura eroica” caratteristica dei vigneti della Liguria a picco sul mare. Un vino che viene prodotto sono in annate particolari “quando il sole fa arrossire le bucce degli acini di bosco, albarola e fermentino” donando al vino colori intensi, caldi di un colore giallo dorato con riflessi ambrati. Al naso si presenta con intensi profumi di spezie dolci, frutta secca ed essiccata. Al palato si presenta dolce ben sorretto da un’adeguata spalla acida, di buona sapidità, morbido e vellutato di buona persistenza gusto olfattiva.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

21 commenti:

  1. O_O bellissime e irresistibili Laura!! Buona settimana!

    RispondiElimina
  2. Sarà come scrivi una versione "eretica", ma è molto golosa. :)

    RispondiElimina
  3. La torta mimosa è una delle mie torte preferite l'abbiamo anche scelta come torta nunziale al nostro matrimonio ed era buonissima, in monoporzione poi mi attira ancora di più! Un bacione

    RispondiElimina
  4. mi piace la tua versione e poi presentata in monoporzioni è ancora più invitante.

    RispondiElimina
  5. Adoro le monoporzioni. E questo è un fatto. La torta mimosa poi ... la considero fra i dolci più raffinati e di non facile esecuzione! Quindi complimenti per tutto Laura, proprio una bella e buona proposta, anche se "eretica"! :-D

    RispondiElimina
  6. ciao Laura che buone queste tortine con le bacche di goji hanno una marcia in più buona serata

    RispondiElimina
  7. Anch'io ho preparato la mimosa, ma in versione decisamente più classica rispetto alla tua. Una mimosa in monoporzioni è un'idea originale, hai dato un tocco in più con il ripieno con crema al cioccolato, sai che effetto sorpresa per i commensali?!complimenti!

    RispondiElimina
  8. Interessante la tua versione,complimenti e buona giornata

    RispondiElimina
  9. Meravigliosa questa torta mimosa Laura!
    bravissima... Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. ke delizia....non è la solita versione forse, però me gusta mucho!!!!

    RispondiElimina
  11. Bellissime queste mimose eretiche e sicuramente anche molto golose!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Mi piace la tua versione, la provo, la mimosa mi piace ma non è fra i miei dolci preferiti, la tua però un po' diversa mi ispira curiosità!

    RispondiElimina
  13. bellissima la variante al cioccolato!!bacio

    RispondiElimina
  14. qst monoporzione nella tua versione mi strapiace!!!!!

    RispondiElimina
  15. che bella ricetta!!!!! Mi farebbe piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/
    ti aspetto ^_^

    RispondiElimina
  16. Laura sono una meraviglia, bravissima! Le tortine sono golose e chic, ne mangerei una adesso! Un bacio

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia la tua torta Mimosa, bellissima e golosissima . Un abbraccio, buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  18. Ciao carissima, come sempre la tue ricette sono una vera delizia...Ti ho assegnato un premio: http://ricettesfogliate.blogspot.it/2014/03/premio-versatile-blogger-award.html...spero che tu lo gradisca e che possa venire a ritirarlo...un abbraccio grande :-)

    RispondiElimina
  19. Che delizia queste mimose in formato monoporzione!

    RispondiElimina
  20. Bellissime!!!!!!! Mi farebbe molto piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/
    ti aspetto ^_^

    RispondiElimina
  21. E' fantastica la versione monoporzione!!! E poi con bacche, pesca e crema al cioccolato... Pura libidine!!!
    Sei sempre un pozzo di idee!!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)