lunedì 8 settembre 2014

Madeleine al Cioccolato e Fior di Sale

Madeleine al Cioccolato e Fior di Sale

Allora riprendiamo questo blog? 3 mesi e mezzo di stop. Forse dopo 6 anni serviva una lunga pausa. Nel frattempo tante cose sono successe e chi mi segue su FB ne è al corrente... Insomma ripartiamo da qui, da questa ricetta preparata per il 21 Maggio e mai postata. Oggi parliamo di madeleine, quella piccola coccola dolce, morbida, burrosa, a forma di conchiglia. Un pasticcino da te tipico francese che deve il nome a Madeleine Paulmier, la pasticcera che lo ideò nel ‘700.

Forse non tutti sanno che... madeleine

Le madeleine devono la propria fama allo scrittore Proust che nel primo capitolo del suo romanzo “Alla ricerca del tempo perduto” racconta il gesto, fatto da bambino, di inzuppare una madeleine nel tè che gli procurò talmente tanta felicità da mandarlo in estasi.

L'episodio della madeleine
Una sera d’inverno, appena rincasato, mia madre accorgendosi che avevo freddo, mi propose di prendere, contro la mia abitudine, un po’ di tè. Dapprima rifiutai, poi, non so perché, mutai parere. Mandò a prendere uno di quei dolci corti e paffuti, chiamati maddalene, che sembrano lo stampo della valva scanalata di una conchiglia di San Giacomo. E poco dopo, sentendomi triste per la giornata cupa e la prospettiva di un domani doloroso, portai macchinalmente alle labbra un cucchiaino del tè nel quale avevo lasciato inzuppare un pezzetto della maddalena. Ma appena la sorsata mescolata alle briciole del pasticcino toccò il mio palato, trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me. Un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozione di causa. E subito, m’aveva reso indifferenti le vicissitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita...non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale. Da dove m’era potuta venire quella gioia violenta ? Sentivo che era connessa col gusto del tè e della maddalena. Ma lo superava infinitamente, non doveva essere della stessa natura. Da dove veniva ? Che senso aveva ? Dove fermarla ? Bevo una seconda sorsata, non ci trovo più nulla della prima, una terza che mi porta ancor meno della seconda. E tempo di smettere, la virtù della bevanda sembra diminuire. E’ chiaro che la verità che cerco non è in essa, ma in me. E’ stata lei a risvegliarla, ma non la conosce, e non può far altro che ripetere indefinitamente, con la forza sempre crescente, quella medesima testimonianza che non so interpretare e che vorrei almeno essere in grado di richiederle e ritrovare intatta, a mia disposizione ( e proprio ora ), per uno schiarimento decisivo. Depongo la tazza e mi volgo al mio spirito. Tocca a lui trovare la verità...retrocedo mentalmente all’istante in cui ho preso la prima cucchiaiata di tè. Ritrovo il medesimo stato, senza alcuna nuova chiarezza. Chiedo al mio spirito uno sforzo di più...ma mi accorgo della fatica del mio spirito che non riesce; allora lo obbligo a prendersi quella distrazione che gli rifiutavo, a pensare ad altro, a rimettersi in forze prima di un supremo tentativo. Poi, per la seconda volta, fatto il vuoto davanti a lui, gli rimetto innanzi il sapore ancora recente di quella prima sorsata e sento in me il trasalimento di qualcosa che si sposta, che vorrebbe salire, che si è disormeggiato da una grande profondità; non so cosa sia, ma sale, lentamente; avverto la resistenza e odo il rumore degli spazi percorsi...All’improvviso il ricordo è davanti a me. Il gusto era quello del pezzetto di maddalena che a Combray, la domenica mattina, quando andavo a darle il buongiorno in camera sua, zia Leonia mi offriva dopo averlo inzuppato nel suo infuso di tè o di tiglio...."  (Marcel Proust "Alla ricerca del tempo perduto")

Madeleine al Cioccolato e Fior di Sale

Ingredienti per circa 18 piccole madeleine
150 g di farina per dolci
1 cucchiaio di farina di mandorle
2 uova + 1 tuorlo
110 g di burro
50 gr cioccolato fondente
150 g di zucchero
Mezza bustina di lievito vanigliato per dolci
Qualche goccia di aroma di mandorle
Qualche goccia di estratto di vaniglia
1 cucchiaino raso di Fior di Sale

Inoltre
Burro e farina per gli stampi

Preparazione
Setacciare insieme la farina, la farina di mandorle e il lievito. Fondere il burro e il cioccolato a bagnomaria e lasciarli intiepidire. In una ciotola montare le uova con lo zucchero, fino a ottenere un composto spumoso. Incorporare la farina setacciata con il lievito, il burro e il cioccolato fusi e intiepiditi, l’aroma di mandorle, l’essenza di vaniglia e un cucchiaino scarso di fior di sale. Mescolare sino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Coprire la ciotola con pellicola e lasciar riposare in frigo per almeno 2 ore. Trascorso il riposo, distribuire un cucchiaino di impasto  nelle formine da madeleine.  Riporre in frigorifero e accendere il forno a 220 gradi. Quando il forno avrà raggiunto la temperatura e sarà ben caldo infornare le madeleine a 200° per 5/6 minuti. Quando iniziano a gonfiarsi abbassare il forno a 180° per altri 5/6 minuti. Una volta fredde cospargerle, a piacere, di zucchero a velo.


Abbinamento consigliato: quando nel dessert è presente il cioccolato, specie se fondente, l’abbinamento con un vino non è sempre facile. In questo caso ci troviamo davanti a dei delicati pasticcini dove spiccano la tendenza amarognola del cioccolato fondente, la grassezza dell’impasto e una impercettibile sapidità data dalla presenza del fior di sale. In abbinamento propongo un Valle d’Aosta Chambave Moscato Passito dal bellissimo colore giallo oro con qualche sfumatura d’ambra. Al naso presenta un bouquet intenso e aromatico di frutta matura, marmellata, agrumi canditi, fiori secchi, fieno, spezie dolci. Al palato risulta molto morbido, rotondo e vellutato, dolce ma di buona freschezza, mineralità e sapidità che rendono questo vino ben equilibrato. Finale pulito, fresco che invita a un nuovo sorso.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

15 commenti:

  1. bello rileggerti Laura, felice che tu sia tornata e alla grandissima ;)
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. sai che penso proprio di no aver mai assaggiato questi biscotti?
    so, ovviamente , della loro esistenza, ma non ho mai affondato gli incisivi...

    RispondiElimina
  3. si, si riapri alla grande! Troppo golose le tue madeleine! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. Bentornata :)
    Proust l'adoro. Mi piace l'abbinamento cioccolato e fior di sale.

    RispondiElimina
  5. bentornata Laura, un modo veramente coccoloso per ritrovarti !

    RispondiElimina
  6. Ciao! buonissime e delicate queste tue madelaine!

    RispondiElimina
  7. Bentornata e grazie per queste dolcissime madeleines.

    RispondiElimina
  8. Ci sei mancata,è sempre un vero piacere leggere le tue parole,i tuoi consigli,felice giornata

    RispondiElimina
  9. Bentornata Laura , che delizia le tue madeleines al cioccolato, ne prendo una e ti invio un grande abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  10. le madeleine sono buonissime chiare, ma al cioccolato diventano divine!

    RispondiElimina
  11. non ho mai assaggiato le madeleine.. sono curiosissima e per una ghiotta di cioccolato come me sarebbero perfette!

    RispondiElimina
  12. Bellissime le tue madeleines al cioccolato! Interessante il racconto sulla nascita di questo dolcetti, ho imparato una cosa che prima non sapevo grazie al tuo post! Bacioni

    RispondiElimina
  13. le proverò sicuramente!!!!!!!!!!!!!! devono essere buonissimeee!!!!

    RispondiElimina
  14. Non ho mai preparato le madeleine, nonostante io abbia lo stampo da tempo!! mi hai fatto venir voglia di prepararle. Rimango del parere che avevo quando sono entrata a leggere questa ricetta. devono essere buonissime!!! buona serata

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)