venerdì 18 novembre 2016

Strudel di Patate e Pere con Crema alla Vaniglia

Strudel di Patate e Pere con Crema alla Vaniglia

Dove si trova l’angolo del Pc nella casa della brava food blogger? Ma in cucina ovvio, perché altrimenti come è possibile accedere agevolmente all’infinito archivio di ricette da provare se non lo si tiene a stretto contatto con farina, zucchero, spezie e alimenti vari? Certo, così facendo c'è il rischio che il pc e i suoi accessori divengano parte integrante della dispensa dell’Antro… e il De Win l’ha scoperto qualche sera fa quando gli ho chiesto di darmi un’occhiata al “topo” che funzionava a singhiozzo e dalla cucina lo sentivo borbottare, in modalità pentola di fagioli: ”Lei mi dice il mouse non va tanto bene... E ci credo! Lo smonto e ci trovo gli ingredienti degli ultimi sei anni dell'Antro dell'Alchimista!!!”. E non oso pensare a quello che uscirà quando daremo una botta di compressore al pc per pulirlo dentro!!!

Oggi una ricetta del mio adorato Tirolo, un dolce che è un grande classico di questa cucina: lo strudel.
Assaggiando vari tipi di strudel, nel corso degli anni, mi sono accorta delle mille variabili che ci sono nel fare la sfoglia. Qualche tempo fa mi ha colpita particolarmente un involucro che assomigliava molto alla pasta frolla, friabile, dal sapore delicato ma intenso, solo che a differenza della pasta frolla l’impasto viene fatto con… le patate! Sìsì avete capito bene, proprio con le patate!
E oggi vi propongo la ricetta di questa delizia da gustare con una buona e fumante tazza di tè, di quelle miscele invernali (cannella, arancia, mela, rum, uva passa…) che adoro sorseggiare quando sono tra le mie montagne innevate. Se invece lo volete servire come dessert dopo un pranzo o una cena, potete accompagnarlo con una crema alla vaniglia, o con una pallina di gelato alla vaniglia o alle noci.
 
Forse non tutti sanno che… Strudel
Il termine tedesco “strudel” tradotto alla lettera significa “vortice”, e fa riferimento alla struttura del dolce fatto involtando nella pasta una farcitura di frutta.
Lo strudel sembra sia una variante dell'antico dolce turco “baclava”, che nel 1526 il sultano Solimano con la sconfitta dell’Ungheria avrebbe diffuso in quei territori.
L’evoluzione del “baclava” in strudel avvenne con l’introduzione tra gli ingredienti delle mele, quasi del tutto assenti in Turchia, ma molto popolari nell’area magiara.
Con la conquista dell’Ungheria da parte dell’Austria (1699) lo strudel fece il suo ingresso trionfale a Vienna.
Oggi lo strudel dell'Alto Adige è tutelato da un apposito disciplinare che ne stabilisce gli ingredienti. Secondo la cultura popolare la giusta consistenza della sfoglia sarebbe quella che consente di leggervi in trasparenza una lettura d'amore.
Esistono comunque numerose varianti di questo “rotolo”, sia per il contenuto che per le qualità della pasta. Nella sua preparazione si può ricorrere a tre diversi tipi d'impasto: la cosiddetta “pasta matta”, molto elaborata come preparazione; la pasta frolla, prediletta per la pienezza del sapore; la pasta sfoglia, apprezzata per la leggerezza. tratto da Taccuini Storici
 
Strudel di Patate e Pere
da “Strudel e Dolci Particolari” di A. Kompatscher
 
Ingredienti per 8/10 persone
300 gr patate farinose
250 gr farina
2 uova
1 bustina di lievito in polvere
2 cucchiai di amido
100 gr burro ammorbidito
100 gr zucchero
1 cucchiaio di zucchero vanigliato
 
Per il ripieno
600 gr di pere
75 gr uva passa di Corinto fatta macerare nel rum
40 gr pinoli
30 gr zucchero
30 gr burro
1 cucchiaino di cannella
 
Per guarnire
Zucchero a velo vanigliato
 
Preparazione
Il giorno precedente lavate, cuocete e sbucciate le patate.
Il giorno successivo preriscaldare il forno a 190°. Grattugiate le patate, oppure passatele e amalgamatele con la farina, il lievito e l’amido. Sbattere, fino a formare una spuma 100 gr di burro, 100 gr di zucchero, lo zucchero vanigliato e le uova; aggiungetevi il composto di patate. Se necessario aggiungete ancora un po’ di farina: deve formarsi un impasto liscio, non colloso. Spianate l’impasto su una superficie leggermente infarinata formando una sfoglia di 1 cm.
Sbucciate le pere e tagliatele a tocchetti, distribuitele insieme all’uva passa (ben scolata dal rum) sull’impasto e cospargetevi lo zucchero e la cannella. Arrotolate il tutto con molta cautela e disponete in una teglia rivestita di carta oleata (o carta forno). Fare sciogliere il burro e spalmatevi lo strudel.
Cuocere in forno per circa 40/45 minuti finché non avrà preso un bel colore dorato. Se dovesse scurirsi troppo schermare con un foglio di carta d’alluminio. Fare raffreddare e servire cosparso di zucchero a velo.

-----------------------------------------------

Crema alla Vaniglia
da “Strudel e Dolci Particolari” di A. Kompatscher
 
Ingredienti
1 baccello di vaniglia
400 ml latte
60 gr zucchero
1 presa di sale
1 cucchiaino di amido da cucina
2 tuorli d’uovo
 
Preparazione
Incidete il baccello di vaniglia e raschiate il contenuto. Fate bollire gli ingredienti in un pentolino insieme al latte, lo zucchero e il sale.
Mettere l’amido in un pentolino con poca acqua e mescolatelo sino a quando non presenta più grumi, aggiungetelo al latte e fatelo scaldare.
Toglietelo dal fornello.
Sbattere con il frullino due tuorli e amalgamarli al latte. Fare raffreddare la crema, mescolando quando occorre, alla fine togliere il baccello di vaniglia.
 
-----------------------------------------------
 
Ti garba lo Strudel? Allora leggi anche…

 
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

46 commenti:

  1. La presenza delle patate nella sfoglia dello strudel è una vera sorpresa! Ho letto anche con molto interesse la storia di questo dessert... e devo dire che le tue parole mi hanno fatto fremere ancor più di impazienza per le mie imminenti vacanze in Tirolo!

    RispondiElimina
  2. Cavoli questa sì che è una novità!
    Mi ha incuriosito moltissimo questa versione di strudel, a parte il fatto che non conoscevo la sua etimologia (ora la so: grazie!) nemmeno immaginavo potesse esistere una variante di sfoglia più simile alla frolla e preparata con le patate poi!
    Proprio vero che non si smette mai di imparare! Complimenti Laura!

    RispondiElimina
  3. O MAMMA MIA!!! ma in pratica la pasta è fatta con le patate????!!! Magnifico!!!! Non so perchè ma credevo fosse salato...ed invece è uscito un perfetto dolce.
    Complimenti e buon week end

    RispondiElimina
  4. Ma dai, non avevo mai visto fare una "sfoglia" con le patate. Davvero sorprendente. La consistenza com'è?

    RispondiElimina
  5. Che strudel delicato, buonissimo! In bocca al lupo per il tuo mouse... Un abbraccio, Giada

    RispondiElimina
  6. Figurati se Tommy mi potrebbe mai lasciar mettere il pc in cucina... lo coccola come se fosse un figlio!! :-)
    E così mi tocca prendere appunti in un'altra stanza e passare alla cucina munita di carta e penna, stile giornalista anni '80.
    Davvero interessante questo strudel. L'impasto con le patate deve essere molto soffice.

    RispondiElimina
  7. Una pasta fatta con le patate??? mamma mia.. ha un aspetto super gustoso.. Baci e buon w.e. :-*

    RispondiElimina
  8. Que buen corte te ha quedado :-)))))
    Un saludito

    RispondiElimina
  9. Mio figlio vive all'estero: un po' Germania un po' Svizzera ed ho potuto mangiare vari strudel.. se vedessero quanti qui usano sfoglia pronta 😱 ... ma diciamo anche che forse loro cucinano la pasta in modo discutibile 😂 Comunque io la pasta strudel la faccio e mi sembra semplice, quindi ... un grande plauso! Questo strudel è favoloso! Un abbraccio e buon week

    RispondiElimina
  10. Questa versione mi stuzzica molto, io adoro gli strudel.

    RispondiElimina
  11. una versione così originale non l'avevo mai vista, geniale !

    RispondiElimina
  12. Molto interessante e originale. Io mi limito al mio strudel con pasta matta insegnatamomi dalla nonna ungherese. A Trieste si fa anche lo "strucolo in straza" un modo molto datato originariamente dall'altopiano carsico di influenza slovena. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  13. Questa sì che è una genialata! l'aggiunta delle patate nell'impasto è molto interessante e penso renda lo strudel indiscutibilmente fantasticoooooo!!!

    RispondiElimina
  14. Bellissima ricetta! Una volta ho fatto qualcosa di simile, ma era più semplice :)

    RispondiElimina
  15. Mamma mia che visione golosa questo strudel.. e con le patate sarà sofficissimo! Grazie cara, prendo nota!!!

    RispondiElimina
  16. Con le patate mi manca, devo provarlo, mi hai incuriosito tantissimo!
    Anche nel mio pc si possono trovare reperti della cucina, ma come si fa ad averlo in un'altra stanza?
    Uno strudel paradisiaco :)
    Un bacio e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  17. Laura, non dirmi nulla....io impiastriccio sempre la reflex, poverella, se lo scoprisse il marito, con tutto quello che l'ha pagata!!!! Ehm, l'altro giorno sul pc mi si è rovesciata un po' di tisana....ho temuto x la sua (del pc) e la mia vita, lo giuro. Grazie a Dio tutto si è concluso bene....
    Questo dolce è un tripudio di bontà, cosa darei x averne una fetta oggi a colazione.....

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia questo strudel, mi piace molto l'idea di mettere le patate nell'impasto, lo proverò sicuramente,complimenti! Buon fine settimana, baci!

    RispondiElimina
  19. Se vedessi la mia macchina fotografica!!!!!Imbrattata di ogni sorta di cibo!!!
    Il tuo strudel è una vera tentazione!!!!!
    Buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  20. Questa è una cosa assolutamente deliziosa!!

    RispondiElimina
  21. E' molto invitante,complimenti!!! Mi incuriosisce la patata nell'impasto, da provare!
    Baci<3

    RispondiElimina
  22. Adoro gli strudel, ma li preparo sempre così poco. L'involucro che prevede le patate nell'impasto mi è nuovo e mi incuriosisce parecchio. Lo replicherò sicuramente :)

    RispondiElimina
  23. Con lo strudel ho un discorso aperto già da un po' di tempo, ma sarebbe troppo lungo da spiegare.
    Patate nella crosta? Quasi quasi ci provo e trovo la scusa per arrivare in fondo a quella questione...
    Un abbraccio,
    V.

    RispondiElimina
  24. diverso dal solito..mai fatto con le patate..l'aspetto è invitante e da provare!!
    baci

    RispondiElimina
  25. Uno strudel molto originale e estremamente goloso. Un bacione e buona serata

    RispondiElimina
  26. con le patate? wow conservamene una fettaaaaaaaaaaaaa :))

    RispondiElimina
  27. Spettacolare!!! Deciso, domani se mi sarà possibile,replicheró questa tua splendida ricetta, con le mele come variante alle pere! Grazie per aver condiviso questa ricetta :-) .... Buona serata, bacioni e a prestissimo

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

  29. Laura ho provato ad iscrivermi al tuo bellissimo sito ma non mi è stato possibile, esce un messaggio che dice che non si pu4 iscriversi tramite il feed! Sai se è come posso fare ? Felice inizio settimana ... Ti abbraccio Rita

    RispondiElimina
  30. Stupendo, una versione particolare, assolutamente da provare, complimenti!

    RispondiElimina
  31. Immagino la bontà di questo strudel! Con le patate si può fare di tutto, i dolci vengono soffici e gustosi!

    RispondiElimina
  32. L'aspetto di questo strudel non inganna: deve essere assolutamente delizioso, morbido e profumato...insomma una meraviglia!!!

    RispondiElimina
  33. Cara Laura sei un vulcano di idee... una ricetta strepitosa!!! buona giornata

    RispondiElimina
  34. Complimenti per questo meraviglio strudel morbidissimo, delicato e ricco nel ripieno, ottima ricetta, bravissima!

    RispondiElimina
  35. Questa ricetta mi lascia sorpresa e incuriosita perchè non avevo mai sentito della patata nell'impasto. E' da provare! bravissima Laura. buon inizio settimana

    RispondiElimina
  36. Ma vuoi vedere che anche il mio pc funziona a scartamento ridotto perché sta in cucina? Comunque lo strudel è fantastico!!!!

    RispondiElimina
  37. Lo strudel è quel dolce che amo ma che non preparo mai..posso rubarne una fetta dal tuo??

    RispondiElimina
  38. Ma sai che nn ne avevo mai vista una versione con le patate nella pasta???
    Cmq se può consolarti a casa mia ogni aggeggio elettronico che entra in cucina se ne esce con ditate di crema, macchie d'olio e spolverato di farina ahaahahaha

    RispondiElimina
  39. Mi era sfuggita questa ricetta. Meglio tardi che mai!

    RispondiElimina
  40. anche io amo il tirolo e amo lo strudel, mai provato con le patate, wow mi intriga molto questa versione, me la salvo e prima o poi provo, grazie!

    RispondiElimina
  41. mi piace moltissimo l'idea di una pasta alternativa a base di patate! devo assolutamente provarla, il tuo strudel ha un aspetto delizioso e deve essere molto particolare nel gusto... buona giornata cara, a presto!

    RispondiElimina
  42. lo sai che anche io adoro il Tirolo e i suoi piatti...lo strudel in modo particolare, ma questa pasta non la conoscevo!

    RispondiElimina
  43. Che dire? E' la merenda ideale! La mangerei adesso!!! Un bacio

    RispondiElimina
  44. Uno strudel diverso dal solito, deve essere delizioso! Un bacione

    RispondiElimina
  45. mi piace troppo questa versione di strudel, la trovo ancora più buona del solito!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)