martedì 1 agosto 2017

Brutti ma Buoni

 Brutti ma Buoni

Sfornando Brutti ma Buoni. "Mè!!!!! Vieni ad assaggiarli!!!! Sono loro!!!! Quelli che da bambina, quando stavo in vacanza a Cuvio andavo a comprare in una pasticceria di Casalzuigno famosa per questi biscotti!!!! “
L'inossidabile De Win assaggia e dice "Mmmmmm!!!! Ma che bontà!!!!.... brutti... ... dai non diciamo che sono brutti, diciamo piuttosto che sono un tipo!" 😂😂😂
 
Forse non tutti sanno che… Brutti ma Buoni
I “Brutti ma buoni” nascono nel varesotto a Gavirate, nel 1878 nell’antica pasticceria di Costantino Veniani e di sua moglie e diventano subito molto popolari in tutta la Lombardia e nelle regioni limitrofe. Sono dei biscotti di forma irregolare e bitorzoluta (“brutti”), leggeri e dal gusto delicatissimo (“buoni”) preparati con albumi, zucchero, essenza di vaniglia, nocciole e mandorle. 
La particolarità di questi biscotti è che vengono preparati, incartati e confezionati a mano, avvolti in coppia, in una tipica cartina in stile liberty dai colori blu (per indicare l’aroma alla vaniglia) o rossi (per la variante alla cannella).

Non solo food…  succedeva sabato pomeriggio
"Dolce Sentire" di Riz Ortolani
video
Soprano la sottoscritta mentre...
il sassofonista è l’inossidabile De Win 😄

-----------------------------------------------

Brutti ma Buoni
 
Ingredienti
2 albumi
1 pizzico di sale
150 g di zucchero
100 g di granella di nocciole
50 gr granella di mandorle
Una bustina di vanillina
 
Preparazione
Montare gli albumi, con un pizzico di sale, a neve ben ferma. Continuando a montare aggiungere lo zucchero un po’ per volta.
Incorporare poi, poco per volta, la granella di nocciole, di mandorle, la vanillina mescolando delicatamente con un cucchiaio di legno.
Versare il composto in un pentolino antiaderente e fare cuocere a fiamma bassa per circa 13/15 minuti mescolando continuamente sino a che il composto diventerà scuro (deve brunirsi).
Foderare una teglia di carta forno e con l’aiuto di due cucchiaini disporre sulla teglia dei mucchietti di impasto, tutti della stessa dimensione ma dalla forma irregolare.
Portare il forno a 150° in modalità statica e infornare i “brutti ma buoni” per 20 minuti (devono dorare leggermente e spaccarsi in superficie).
Levarli subito dalla teglia molto delicatamente per non romperli e sistemarli su una gratella a raffreddare. Si conservano in una scatola di latta per molti giorni.


Abbinamento consigliato: i brutti ma buoni possono essere serviti con tè, caffè, cioccolata. Oppure con spumanti dolci e liquore. Ma l’abbinamento migliore è quello con il liquore l’Elixir del Borducan
L’Elixir del Borducan è il liquore del Sacro Monte di Varese.
E’ un infuso a base di arancia e di erbe aromatiche inventato dal garibaldino Davide Bregonzio nel 1872. Varesino di nascita, era un esperto erborista. Durante un viaggio in Algeria, ne apprezza le arance e, al suo rientro a Varese, decide di inventare un nuovo liquore, l'Elixir al Borducan (Borducan significa arance in algerino).
La ricetta funziona e conquista una rapida fama, passando nelle mani dei discendenti fino all'ultimo, Bruno Bregonzio (nipote di Davide) che, fino alla morte, ha distillato l'Elixir tutto da solo, proprio nei locali del rinnovato albergo-caffetteria "Al Borducan".
Sulla base dei libri di Davide Bregonzio e delle sue ricette originali, il Borducan viene oggi prodotto artigianalmente in una distilleria della zona e la ricetta resta naturalmente ancora un segreto. tratto da Borducan
 

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

14 commenti:

  1. Troppo divertente la storia che questi biscotti sono un tipo!!! Bacioni e buone vacanze :)

    RispondiElimina
  2. anche io biscotti,complimenti carissima per tutto

    RispondiElimina
  3. che buoni che sono, per me sono anche belli !Un bacione

    RispondiElimina
  4. Questi sono buonissimi, lo so anche io! E poi non mi sembrano nemmeno brutti, per la verità. Quante ricette mi stavo perdendo ... ma ora mi sono messa in pari. Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. I brutti ma buoni sono intramontabili. Sono un po' la metafora dei dolci delle nonne, estetica così così ma buonissimi :-) Sai che non li ho mai fatti?

    RispondiElimina
  6. Non li ho ancora mai fatti, ma li conosco benissimo! Non solo sono buoni, io li trovo pure belli! Un bacione

    RispondiElimina
  7. ahahahahah giusto.... un tipo :))
    E comunque sono buonissimi!
    Tu invece hai una voce straordinaria e l'inossidabile suona che è un piacere stare ad ascoltare. Siete una grande coppia! Complimenti!
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. Golosissimi! Prima o poi li farò! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Per me sono buonissimi e anche molto invitanti . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  10. Deliciosa esta receta de merengues con frutos secos, yo los hago, pero antes no los hago cocer, los pongo directamente en el horno, tendré en cuenta tu siste4ma. Un beso desde Barcelona

    RispondiElimina
  11. Scusa ma i brutti e buoni passano in secondo ordine .... Hai una voce bellissima !! complimenti a tutti e due !!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Questi spariscono subito... uno tira l'altro!!!

    RispondiElimina
  13. sono fantastici, mas pericolosi...se ne mangiano troppi!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)