venerdì 3 agosto 2018

Torta Cornetto Algida dei 53

Torta Cornetto Algida

“Le capacità mentali di ognuno di noi esistono a livello potenziale e sono in attesa di essere attivate,
poiché la mente non ha nessun tipo di barriera tranne quelle che abbiamo scelto di erigere.”
(Gehring Slavy)

2 Agosto h. 00.21
Da 21 minuti stiamo festeggiando il compleanno dell'inossidabile De Vincentis. Io credevo facesse 52 anni, in realtà ne fa 53 pazienza… me lo terrò anche se più anziano di quello che credevo.
Come regalo gli ho concesso di fumare la pipa in sala e siccome fumare da solo è triste gli sto facendo compagnia con un sigaro e siccome fumare senza bere è ancora più triste, ci stiamo gustando un favoloso liquore all'anice fatto dalla mia carissima amica Alda.
E per festeggiare? Torta Cornetto Algida dei 53!!!
Dove 53 sono le candeline che l’inossidabile vorrebbe sul dolce del suo compleanno.
53 candeline su una torta gelato?
Tocca far capire all'inossidabile De Vincentis che non è assolutamente cosa!
#maiunagioia

Questa torta è un tormentone che, ultimamente, ho visto girare spesso in rete . Come non provarla? E quale occasione migliore del compleanno dell’inossidabile De Win? Occorrono pochissimi ingredienti, un adeguato riposo nel freezer, scalpello e martello se decidete di servirla fredda di "ghiacciaia" senza darle un adeguato riposo a temperatura ambiente di circa 25/30 minuti per raggiungere appunto la consistenza fredda e cremosa del blasonato cornetto.

Forse non tutti sanno che… Cornetto Algida
Il cono è nato a New York alla fine dell’Ottocento. Fu un italiano, tale Italo Marchioni, a brevettarlo. La sua idea nacque per risolvere una problematica di carattere pratico. Spesso i bicchieri di vetro che usava per servire i gelati si rompevano o non venivano restituiti.
Già nel 1912 i coni iniziarono ad essere prodotti su scala grazie all’invenzione di una macchina capace di arrotolarli meccanicamente. Restava però un problema: il cono non poteva essere impiegato nella produzione di gelati su scala industriale perché la crema finiva per impregnarlo, fino a renderlo fradicio.
Nel 1959, un gelataio napoletano Spica risolse il problema. Il gelataio ebbe il colpo di genio di ricoprire l’interno del cono con uno strato di cioccolato, in modo che la cialda si mantenesse asciutta e croccante anche una volta riempita di gelato.
Spica associò il suo cono ad un gelato alla crema di latte , sulla quale fu apposta copertura al cacao magro con granella di mandorle e nocciole. La commercializzazione del Cornetto iniziò nel 1961 e restò una sua esclusiva per 15 anni.
Nel 1976 la Spica fu acquisita da Unilever che aveva già rilevato l’Algida due anni prima. Il Cornetto fu lanciato su scala mondiale, ottenendo risultati immediati in termini commerciali. Bastarono pochi anni al nuovo arrivato per soppiantare il Cremino, il gelato più famoso di casa Algida. Già negli anni Ottanta il Cornetto era il prodotto simbolo dell’estate.
Negli anni l’Algida ha commercializzato diciotto varianti del Cornetto. Nove sono ancora in produzione.
Ma il Cornetto più conosciuto e amato dagli italiani resta il «cuore di panna». Una piccola magia di wafer, cioccolato e crema al latte nata a Napoli, in una gelateria della periferia Orientale. tratto da Comunicacaffè

Torta Cornetto Algida dei 53

Ingredienti
500 di panna zuccherata da montare
Gocce di cioccolato (secondo il mantra del più ce ne metti, più ce ne trovi)
100 gr cioccolato fondente
Granella di nocciole tostate

Preparazione
Foderare uno stampo da plum-cake con un doppio strato di pellicola.
Montare la panna fredda di frigorifero.
Quando sarà ben montata aggiungere le gocce di cioccolato e amalgamarle delicatamente al composto con una spatola.
Versare la panna nello stampo da plum-cake e livellatela bene.
Coprire con un altro foglio di pellicola e riporre in freezer per almeno 12 ore.
Trascorso questo tempo fondere il cioccolato fondente e lasciarlo intiepidire.
Estrarre il dolce dal freezer, levare la pellicola, levarlo dallo stampo e disporlo su un piatto di portata.
Mettere il cioccolato sciolto in una siringa per dolci e decorare la torta.
Terminare con una abbondante spolverata di nocciole tostate e tritate.
Rimettere nel freezer ma levare il dolce 25/30 minuti prima di essere servito perché deve risultare fresco e cremoso come il cornetto.


NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

13 commenti:

  1. Auguriiiii! Un adolescente.... cosa vuoi che siano 53 ;)
    Che buona questa torta, ho voglia di farla anch'io, ma aspetto che scenda la temperatura di qualche grado, mi si squaglierebbe subito visto che casa mia è un forno :)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Auguri, è coscritto di mio marito!! Colpita e affondata con questo fresco dolce, che golosità!

    RispondiElimina
  3. ancora auguri all'augusto coniuge e a te complimenti per questo goloso dessert !

    RispondiElimina
  4. absolutely buono e delizioso cara! Have a nice weekend!

    RispondiElimina
  5. Tantissimi auguri al festeggiato....la torta è spettacolare e ti è riuscita splendidamente. Ho comprato gli ingredienti ed è il dolce che ho intenzione di preparare domani , uso famiglia...adesso ho la ricetta perfetta: la tua, una garanzia, un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  6. In ritardo..Auguri al marito
    Complimenti x questa fresca e golosa torta..
    Baci

    RispondiElimina
  7. Ma è davvero così semplice da preparare?? Non mi resta che provarla!
    A proposito...Auguriiiiiiii

    RispondiElimina
  8. L'ho fatta lo scorso anno per il blog, è facilissima buona e fa un figurone. A me sembra perfetta anche per festeggiare il compleanno del tuo consorte. Auguri a lui e brava tu ad averlo deliziato con questo dolce, ti venuto benissimo. Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Interessante la torta, semplicissima e immagino molto golosa. Tanti auguri all'inossidabile! :-)

    RispondiElimina
  10. Mamma mia cosa vedono i miei occhi!!!!Una vera libidine... doppia libidine anzi...come diceva Gerry Calà doppia libidine coi fiocchi!!
    Non potrai metterci le candeline ma la preferisco di gran lunga alla solita torta con panna!!!!

    RispondiElimina
  11. Ma che buona!!! Direi che io mi prenoto per mangiare la parte superiore, eheheheheh!

    RispondiElimina
  12. Un délicieux dessert. Bravo. J'aime beaucoup.
    A bientôt

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)

SIETE PASSATI DI QUI IN...