giovedì 17 ottobre 2019

Pizza Rossa del Fornaio


“L’anima libera è rara,
ma quando la vedi la riconosci,
soprattutto perché provi un senso di benessere
quando le sei vicino”
(C.Bukowski)

La domenica andando alla messa. "E' stato imbarazzante, c'erano talmente tante stecche che sembrava di stare in una sala biliardo più che in chiesa!” (cit. l'inossidabile De Win) 😂😂😂😂😂😂

Martedì è giornata topica. L’Unno non rientra per pranzo perché va direttamente a lezione di pianoforte pertanto quando alle 15.30 varca la soglia di casa è un lupo affamato. Di certo a quell’ora non può trovarsi pronto un piatto di pasta considerando che alle 20 ceniamo ma un “fermino veloce”. Pertanto pizze, pizzette, focacce, focaccine, rustici a me! La ricetta di oggi l’ho trovata da Benedetta in un martedì mattina in cui cercavo idee golose per il “fermino”.
Ha ragione Benedetta quando dice che il punto di forza di questa pizza rossa è che non solo è buona calda appena sfornata, ma è deliziosa a temperatura ambiente e anche il giorno dopo senza necessità di essere riscaldata! 

L’angolo del mugugno: ultimamente noto diversi blog che scopiazzano ricette senza mai citare la fonte, alcuni addirittura copiano le introduzioni alla ricetta, sulle foto poi ormai ci s’è fatto il callo. Per non parlare di Instagram. E non parlo di blog di “primo pelo” anzi…
Forse costoro credono che citare la fonte della ricetta svilisca la loro creatività di food blogger?
Forse non hanno tempo/voglia/ fantasia per scrivere di loro pugno due righe introduttive alla ricetta?
Ma daiiiii…
Per me condividere è un gesto bello, ha un che di magico, crea un legame nella storia della ricetta. Pertanto se provo una preparazione di tizia sono felice di farlo sapere; se da caia prendo uno spunto per una mia ricetta mi fa piacere di raccontarlo. Questione di rapporti, di rapporti umani che vanno oltre il monitor e non a caso proprio grazie all’Antro ho conosciuto persone che, nel corso degli anni, sono diventate delle carissime amiche.

Pizza Rossa del Fornaio


Ingredienti per 8 pezzi
400 g di farina 00
7 gr (pari a 1bustina) di lievito di birra secco
2 cucchiaini di zucchero
sale a piacere
250 ml di acqua tiepida
2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva per l'impasto

Per condire
200 g di passata di pomodoro
Sale, zucchero, pepe nero
Olio extravergine d’oliva
Pasta di acciughe (facoltativa)
Origano q.b.

Preparazione
Impasto a mano: in una ciotola versa la farina, unisci il lievito di birra disidratato e due cucchiaini di zucchero (che servono per attivare il lievito). Mescola bene e inizia a unire l'acqua tiepida un po' alla volta mescolando con una forchetta. Continuando a mescolare, unisci l'olio e il sale e la restante acqua. Lavora il panetto con le mani, deve rimanere leggermente appiccicoso. Trasferiscilo in una ciotola, coprilo con la pellicola e lascialo lievitare 2 ore (deve raddoppiare).
...
Se utilizzi la macchina del pane: metti tutti gli ingredienti nel cestello (prima i liquidi, poi i secchi) e avvia il programma impasto + lievitazione. La mia impiega un’ora e mezza. Al termine del programma, senza alzare il coperchio, faccio proseguire la lievitazione per altri 30 minuti.
Preriscalda il forno 190°-200° statico.
Nel frattempo condisci la passata di pomodoro con un filo d’olio, sale, una punta di zucchero e pepe nero.
Trasferisci l'impasto in una teglia coperta con carta forno ben oliata e stendi la pizza con i polpastrelli delle mani.
Una volta che la pizza sarà ben stesa, condiscila con la passata di pomodoro, l'origano e termina con un giro d’olio
Se lo gradisci puoi aggiungere qua e là un po’ di pasta di acciuga e magari delle olive nere.
Quando il forno raggiunge la temperatura cuoci per circa 20-25 minuti.
Una volta cotta levala dal forno, mettila su un tagliere di legno e condiscila con un giro di olio a crudo.


MI TROVI ANCHE QUI

    


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

31 commenti:

  1. Magnifica questa pizza!!! Mi ricorda quella che preparava la mia mamma quando eravamo in Liguria. Che felicità rientrare a casa e trovare ad accoglierci il profumino di una calda e fragrante pizza fatta in casa (che, scritto tra noi, io riesco a magnare pure dopo qualche giorno, se ci arriva, quand'è dura come un tocco di legno).
    Anch'io cito sempre le mie fonti e metto sempre nei miei post il rimando alla ricetta originale (perché tanto io ci metto sempre il mio zampino per cui offro l'alternativa qualora il mio "zampino" non dovesse riscuotere consensi). Io trovo che sia anche un atto dovuto verso chi ci è stato fonte di ispirazione nonché di rispetto. E poi non mi piace far passare che una ricetta sia tutta farina del mio sacco se non lo è per davvero (e qua forse viene fuori tutto il senso di giustizia del mio essere bilancia).
    Un grande abbraccio e grazie per questo post: seguo anch'io Benedetta e questa ricettina mi era sfuggita!

    RispondiElimina
  2. Eccomiiiiiiiiiiiiiiiiiiii ne voglio una fetta :-) che delizia io mangerei sempre così qui lo dico e qui lo nego.
    Sullo scopiazzo ma sai che hai ragione? A me piace da morire copiare ma sempre legalmente :-) che differenza fa citare la fonte? che ti devo dire.... noi continuiamo così! Baciiiii

    RispondiElimina
  3. Buonissima! Mi sembra di sentire il profumo di pizza calda ^_^
    Citare la fonte? Troppa fatica, dovrebbero pensare ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Che bontà questa pizza, sarebbe l'ora giusta per uno spuntino ^_^ un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ecco io questa la mangerei a colazione, pranzo, merenda cena e spuntini vari! E sono d'accordo che citare è doveroso: dov'è la "rete" sennò?? Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  6. Buonissima!! adoro la pizza rossa, e poi ho anche la macchina del pane quindi posso farla davvero con facilità.. grazie per l'idea Laura! ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  7. bellisima e buona la tua pizza!!

    RispondiElimina
  8. Quoto al cento per cento ogni tua parola amica mia, in merito alla condivisione e al significato di quella bella parola.....
    Comunque, anche oggi, sbavando su questa pizza, ho imparato una parola nuova: fermino!
    Sei mitica, ahahahahah

    RispondiElimina
  9. Non so se sia possibile resistere ad un trancio di questa pizza!! Favolosa!!

    RispondiElimina
  10. Adoro la pizza, fantastica visione!!!!!

    RispondiElimina
  11. Scommetto che questa pizza, come tutte le tue delizie, è sparita in un nano secondo.
    Fortunatamente, il web regala anche preziosi incontri come quello con persone uniche e speciali come te, cara Laura!
    Baci!
    MG

    RispondiElimina
  12. Mamma mia che bontà!!! Alla pizza non rinuncerei per nulla al mondo: la tua è davvero superlativa, magnifica anche la foto!! Beato chi si siede alla tua tavola, un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
  13. Concordo totalmente con l'angolo del mugugno...e per dimenticare o farci una risata sopra ti propongo di farci una bella teglia di questa pizza

    RispondiElimina
  14. La pizza piace a qualsiasi ora del giorno, soprattutto se si presenta così bene ........... immagino la felicità del tuo "piccolo" al rientro a casa!!!
    Baci

    RispondiElimina
  15. sullo scopiazzo ormai non mi stupisco più di nulla...purtroppo! è una tristezza assoluta :( a volte mi sento quasi idiota quando quando mi viene da citare la fonte di ispirazione anche se poi, della ricetta originale, dopo tutti gli zampini che ci ho infilato, è rimasto quasi niente.
    questo "fermino" mi piace che mi piace che mi piace. davvero la prima immagine che mi è venuta in mente è stata quella della pizza rossa del forno ai tempi della scuola. mi salvo la ricetta con la smania di impastare, una volta tanto, a mano. uno dei migliori scarica-stress che ci siano. un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  16. La pizza è il mio tallone di Achille, resisto a tutto ma alla pizza faccio fatica a dire no. La rossa in effetti la preferisco perchè si mangia bene anche fredda. Ti è venuta una meraviglia Laura, complimenti!un abbraccio

    RispondiElimina
  17. sfondiamo porte aperte con me con questo post!!!! <3 <3

    RispondiElimina
  18. Una goduria questa pizza, ci credo che è buona anche fredda! Sullo scopiazzo meglio sorvolare. Anche a me fanno incazzare quelle che copiano (le foto poi non parliamo proprio!!) e non citano nemmeno la fonte. La trovo una mancanza di rispetto assoluta. Hai ragione tu: è così bello condividere ...

    RispondiElimina
  19. Bollente,calda fredda.....mmmmhhh la voglio Ahahahahah ciao carissima!

    RispondiElimina
  20. Questa oer me è LA pizza rossa! Da bambina era la mia merenda preferita da portare a scuola, che ricordi!

    RispondiElimina
  21. Che aspetto invitante di certo non si può resistere ad una bontà simile!!!!
    Condivido pienamente con te per quanto riguarda nel citare la fonte delle ricette, è doveroso!
    Un abbraccio ^__^

    RispondiElimina
  22. c'est un plat qu'on aime chez moi un régal
    bonne soirée

    RispondiElimina
  23. Oh Oh!!!! questa te la rubo di sicuro!!! Mio figlio ama molto la cosiddetta "pizza del fornaio", che resta proprio come dici tu, buona e morbida anche il giorno dopo, anche fredda!!!
    Grazie!!! Baci

    RispondiElimina
  24. Una merenda gustosissima, una cena golosa, un pranzo da re... Insomma la mangerei sempre. Buonissima.

    RispondiElimina
  25. Ciao! Quanta ragione hai! Mi hanno copiato non solo le nuove idee ma persino nelle virgole con copia incolla da gente che decantava di avere avuto in dono ricette prese da un cassetto quando invece erano le mie se non addirittura di famiglia. Fantasia in cucina zero ma nelle balle taaaanta!
    Adoro la pizza rossa! Anche noi ne abbiamo una che adoriamo a temperatura ambiente ed il giorno dopo è l'unica cosa per la quale rinuncio ad una tazza di buon latte! Il tocco personale è nella passata di pomodoro, chissà che prima o poi ne scriva.
    Un bacio e grazie per il tuo passaggio, felice weekend

    RispondiElimina
  26. Buonissima! Io ne faccio sempre una simile per darla ai miei ragazzi per la merenda a scuola.

    RispondiElimina
  27. mi prometti che la prossima volta mi inviti, e' spettacolare e io non mugugno. Baci Sabry

    RispondiElimina
  28. Ci vorrebbe ora ^_^!!!!!!! Un abbraccio a tutti splendida famiglia!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  29. Fatta!!! Non riuscivo a resistere!
    Per gusto personale, diminuirei un po' lo zucchero nell'impasto, e poi ho messo più salsa, perchè ci piace bella ricca!!! Ci è piaciuta un sacco!!! Mio figlio ha voluto che ne condissi metà con la mozzarella, e i pezzi rimasti glieli ho dati per merenda a scuola il giorno dopo!! L'ho fatta di sera, quindi niente foto, ma appena la rifaccio di giorno, la fotografo e la posto!!! Grazieeeeee

    RispondiElimina

Grazie per essere passati dal mio blog :)