lunedì 26 settembre 2016

Torta Quattro Quarti al Cacao

5 commenti:
Torta Quattro Quarti al Cacao

Avete presente il Paradiso? bene questa torta sta un piano sopra (forse anche due o tre). Non è buona, è un vero e proprio comfort food, una coccola, un antidepressivo naturale. E’ proprio vero, come afferma Carole Matthews, che non sono i diamanti ma è il cioccolato il vero amico delle donne.
Ho scoperto questa torta da lei e l’ho provata subito. E’ di una semplicità disarmante e di una bontà da lasciare senza parole. Io l’ho servita spolverata di zucchero a velo, ma potete accompagnarla anche da una pallina di gelato alla crema, piuttosto che da un generoso ciuffo di panna montata se poi volete proprio strafare (viva la golosità!) la potete farcire di crema chantilly all’italiana.

Forse non tutti sanno che… il cacao e gli effetti sulla fame

venerdì 23 settembre 2016

Muffins al Cappuccino con Farina d’Avena e Caviale di Cioccolato

19 commenti:
Muffins al Cappuccino con Farina d’Avena e Caviale di Cioccolato

“Mé mi vai in dispensa a prendermi una bustina di lievito che in cucina l’ho finito e sto facendo i muffins? Grazie!”
Credo che il “marito-tipo” della food blogger preferisca di gran lunga che gli si chieda di andare in miniera a zappettare piuttosto che andare a tentare di cercare qualcosa nella dispensa solitamente stracolma di ogni sorta di gastroboiata.
E non a caso l’inossidabile De Win rientra in cucina a piene mani o meglio a piene bustine: vanillina, lievito vanigliato, zucchero a velo, lievito per microonde, lievito madre disidratato in polvere, lievito per dolci semplice, lievito vanigliato per dolci, lievito di birra granulare, lievito istantaneo per torte salate… e così via…
Me lo guardo di sbieco: “ti ho chiesto solo una bustina di lievito non si traslocare parte della dispensa in cucina!”
“Eh ma io non so mica cosa vai cercando! Guarda qui quanti tipi di lievito ci sono di là!” E mi mostra tutto tronfio la busta dello zucchero a velo…
Se non altro apprezzo la buona volontà, se non altro scopro anche di avere in dispensa il lievito per dolci al microonde che devo provare a utilizzare prima che scada. Ma non oggi, non in questa ricetta.
 
Forse non tutti sanno che… Farina d’Avena

mercoledì 21 settembre 2016

Tagliolini con Sugo Finto

28 commenti:
Tagliolini con Sugo Finto

Una domenica da “Nonna Papera”… da quanto tempo non facevo la pasta fatta in casa! Mentre lui, il De Win giocava a fare il “tapparellaio”.
Domenica ore 9.17: la tapparella di una delle due portafinestra della sala è venuta giù in blocco! C'è il De Win che bardato in assetto da guerra si accinge a tentare di ripararla. Secondo me sfascia anche quell'altra… vedremo... ... ... ("donna di poca fede" mi apostrofa il marito!)
Aggiornamento delle 11.30: il De Win sta sulla scala con il cassone della tapparella aperto che sbuffa e mugugna. Lo sento che ripete in loop che "gli servirebbero due mani". Forse nottetempo ne ha persa una???? No perché sino a ieri sera le aveva tutte e due!
Aggiornamento delle 11.53: Rientra Junio e per una volta il leitmotiv del De Win non è stato "ora però mettiti a fare i compiti" bensì "Vieni a darmi una mano". Ora sono in sala: due cuori, una tapparella e qualche santo... no tapparella, no party!
Gran finale delle 12.30 La tapparella è aggiustata!!!! Il De Win è un uomo nuovo (insieme alla tapparella)! Ora se ne va in giro per casa tutto tronfio collo dritto, muso franco come se avesse portato a termine da solo l'immensa opera di bonifica dell'agro-pontino.

Diciamo che dedicarmi alla mia nonna Papera e al sugo finto (un sugo tipico toscano) è stato il modo migliore per estraniarmi e far finta di non sentire gli smoccolamenti del marito. Ma vi dico anche che ne è valsa la pena perché abbiamo fatto un pranzo domenicale da urlo!

Forse non tutti sanno che… Nonna Papera sì o no?

lunedì 19 settembre 2016

Frollini con Gocce di Cioccolato

26 commenti:
Frollini con Gocce di Cioccolato

Avete presente Baby Herman? Ecco il De Win è più o meno così! Infatti quando rientra da Roma, apre la porta, annusa l’aria e se “sente” quello che spera esulta declamando “Biscotto!!!!”.
Proprio come è successo la scorsa settimana quando, rientrando dalla caotica Roma con il solito trenaccio in ipertitardo, ha trovato ad aspettarlo questi deliziosi frollini la cui ricetta avevo sbirciato qualche giorno prima da lei.
Il De Win ne addenta uno “Che buoni!!! Sembrano di frolla!!!”  Me lo guardo di sbieco…“Ma va? E guarda a caso si chiamano proprio frollini!”
E dietro Junio: “Mamma sono veramente buoni! Sono identici alle Gocciole che compriamo. Però adesso sono sazio (effettivamente per pranzo si era mangiato anche il tavolo comprensivo di sedie con cuscini!) e se io non mangio una cosa che sembra confezionata vuol dire proprio che non ho appetito!” … per la serie figli e grulli chi li fa se li trastulli #gnafò #eson soddisfazioni!
Insomma tutto ciò per dire che questi frollini sono da provare! Credo che siano tra i migliori biscotti che io abbia mai fatto. Rispetto alla dose indicata ne ho fatto mezza ed è stato un errore madornale perché sono finiti praticamente subito tra lo scontento generale della famiglia.
 
Forse non tutti sanno che… Cremor tartaro

venerdì 16 settembre 2016

Käsestangen

25 commenti:
Käsestangen

Un tranquillo sabato sera: “Mè (nomignolo casalingo/vezzeggiativo del De Win) questo sabato l’aperitivo lo facciamo a casa? Sul balcone?”
“Perché no?” Mi risponde il De Win e subito aggiunge “Patatine ne abbiamo?”
“No che non ne abbiamo, le patatine solitamente passano dal carrello della spesa alla nostra pancia in meno di mezza giornata! Cmq ci penso io a preparare al volo qualcosa di garbino, tu pensa a sistemare il balcone, preparare il tavolo e… a servire due generosi calici di Hugo”
In foto vi presento “il qualcosa di garbino” (ovvero quando un rotolo di pasta sfoglia ti salva l’aperitivo): i Käsestangen (bastoncini di formaggio). Li avevo visti in una vetrina di una panettteria di Lermoos  questa estate e l’idea del formaggio avvolto nella sfoglia non mi aveva certo lasciato indifferente.
Pertanto non potevo non cercare la ricetta e provare a farli nella cucina dell’Antro. Talmente buoni che finiscono in un amen.
 
Forse non tutti sanno che… la misteriosa scomparsa dei buchi dell’Emmental